Aggiornamenti dal sistema solare: novembre 2015

https://www.astronautinews.it/2015/11/08/aggiornamenti-dal-sistema-solare-novembre-2015/

Ottimo resoconto, grazie per l’imponente lavoro che fai ogni mese.

In merito a quanto scritto nell’articolo mi chiedevo come mai le sonde con il compito di recuperare campioni di suolo, che sia di Marte o di un asteroide, non possano recuperare maggior materiale piuttosto che pochi grammi.

Dipende dal fattore gravità del pianeta/asteroide o dalle capacità materiale della sonda?

Beh credo che il motivo principale sia che ogni kg in più di campioni fa sì che ci vogliano più kg di propellente per riportare il tutto a terra, il che aggiunge altri kg che a loro volta aggiungono altra massa che a sua volta aggiunge altra massa… e così via. Orbital mechanics is a bitch! C’è poi da considerare che far rientrare in atmosfera una capsuletta da pochi g è immensamente più semplice (anche in termini di scudo termico che aggiunge ulteriormente kg, che aggiungono ulteriormente kg, che aggiungono ulteriormente kg,… insomma si è capito il concetto) che una capsula più grande con kg di rocce.

Non si poteva dire meglio :stuck_out_tongue_winking_eye:

La sonda MAVEN, a un anno dal suo arrivo sul pianeta rosso, ha rilasciato i primi risultati scientifici sull’atmosfera marziana, confermando che la principale causa del suo assottigliamento è stato il vento solare, non ostacolato dalla presenza di un campo magnetico come qui sulla Terra.

Questo è molto interessante, io ho sempre pensato che il motivo fosse la bassa gravità, non l’assenza di campo magnetico… :star_struck:

…e per conludere il ragionamento: le missioni Apollo hanno invece potuto permettersi di riportare a Terra kg e kg di campioni perché:
1 - Il sistema era comunque molto più ridondante in quanto c’erano da riportare a casa vite umane (e quindi si era comunque più generosi in termini di propellente)
2 - Lo scudo termico dimensionato per l’intero modulo di comando ce lo avevano comunque
3 - I kg di rocce non erano, spesso, addizionali ma andavano a rimpiazzare attrezzature e rifornimenti (esperimenti, acqua, cibo, ossigeno, rifiuti) che venivano lasciate sulla Luna o nello spazio

Già, veramente interessante. Sicuramente la bassa gravità ha comunque influito, ma in effetti Titano ha una gravità più bassa ma tutta l’atmosfera ancora lì…
Su questo punto è interessante il caso di Venere, che ha un’atmosfera molto densa ma non un campo magnetico (e il vento solare è molto più forte che su Marte). È però vero che Venere ha una gravita superficiale tre volte superiore a Marte, un’attività vulcanica nettamente superiore al pianeta rosso - almeno in tempi geologicamente recenti (e quindi con continuo rinnovo dei gas in atmosfera), e comunque l’atmosfera di Venere ha perso e continua a perdere grandi quantità di gas più leggeri (come l’acqua), come dimostrato dalle osservazioni di Venus Express.

Oltre al press release di NASA linkato nell’articolo, il numero di questa settimana di Science contiene tutti gli articoli scientifici pubblicati dal team di MAVEN a cui fa riferimento la notizia:
http://www.sciencemag.org/content/350/6261.toc

Se qualcuno avesse proprio voglia di spulciarsi l’articolo scientifico nei dettagli e non ha l’accesso a Science, mi faccia un fischio in MP :wink: