Airbus costruira’ 900 satelliti per OneWeb


#21

What? :slight_smile:
10 anni fa non avevamo nemmeno edge, sui cellulari. 20 anni fa, nemmeno gprs.
Nuovi segnali e nuovi ricevitori ci mettono 3/4 anni a saturare il mercato, con il rateo di sostituzione dei dispositivi consumer.
E già ora Qualcomm fa chip che parlano di tutto, dal GSM al Bluetooth. Cosa vuoi che sia una antennina in più e un po’ di DSP.

Ma forse sottovalutato il problema, ci vuole lo zio IK1ODO che fa due conti sul link budget.


#22

Non sottovalutiamo anche gli utenti “fissi”. Noi in Italia siamo tutti strizzati in poco spazio, ma ci sono nel mondo molte aree rurali o periferiche abitate ma non servite da una connessione decente. Una mia amica in Alabama spende una cifra scandalosa per una connessione via satellite, che va e viene… Io stesso nella casa di campagna di famiglia non ho nemmeno il telefono, farebbe comodo! :wink:


#23

Già fatto in un altro post, adesso però non lo trovo. La trasmissione diretta ai cellulari dallo spazio si può fare; il problema è la penetrazione negli edifici, con tutta l’attenuazione supplementare che comporta. Queste iniziative sono sempre interessanti, ma dessero mai qualche dato in più, accidenti… cos’hanno paura, che la gente gli faccia i conti in tasca? (appunto)


#24

Magari per la diffusione dentro agli edifici diverranno comuni i repeater gsm, così come oggi lo sono le antenne tv ed i modem ADSL. Anzi, probabilmente questi faranno tutte queste cose assieme, ADSL + TV + telefono + WIFI.

Bisogna anche capire dove finirà l’autonomia dei telefoni cellulari, che dovranno incrementare il livello di potenza per trasmettere direttamente, se all’aperto, al satellite, con relativi e connessi problemi pure per la salute.


#25

Ogni tanto “rispunto” :slight_smile:
Per la cronaca si, il fatto di costruire i satelliti negli USA era parte della trattativa… Airbus comunque puo’ gioire eccome, come hanno gia’ spiegato Manoweb e altri.

Credo ci sia un piccolo refuso nel testo dell’articolo, i primi 10 satelliti verrano costruiti negli stabilimenti di Tolosa. Un’altra prova che i risvolti tecnologici e il know-how sara’ europeo.


#26

Risuscito questo argomento perché la OneWeb ha calato di 300 unità (da 900 a 600) il numero di satelliti per la costellazione e questo grazie alle ottime prestazioni nei test dei primi esemplari.