Almanacco Spaziale del giorno 28 gennaio

Lanci storici

Ricorrenze astronauti

Astronauta Ricorrenza
John M. Fabian 84° compleanno (n. 1939)
David Hilmers 73° compleanno (n. 1950)
Leonid Kadeniuk n. 1951 - m. 2018-01-31
Ronald McNair 36° anno dalla morte (m. 1986)
Judith Resnik 36° anno dalla morte (m. 1986)
Christa McAuliffe 36° anno dalla morte (m. 1986)
Ellison Onizuka 36° anno dalla morte (m. 1986)
Michael J. Smith 36° anno dalla morte (m. 1986)
Gregory Jarvis 36° anno dalla morte (m. 1986)
Dick Scobee 36° anno dalla morte (m. 1986)

← Prec. - Succ. →

Ultimo aggiornamento: 2023-01-27T23:01:02 con AstronautiBOT 10 beta 15D

3 Mi Piace

Il mio ricordo due immagini iconiche del dramma del Challenger.
440px-Challenger_disintegrating


Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_dello_Space_Shuttle_Challenger

3 Mi Piace

Un momento altamente traumatico.
All’epoca avevo 18 anni ed una fede infinita nell’Astronautica e nel programma Shuttle il quale per la nostra generazione ha rappresentato un’icona come l’Apollo per quella precedente.

Ero a casa di un mio amico quando la madre entrò dentro e disse “sembra che sia esploso uno Shuttle…”, mi ricordo che mollai tutto e salii di corsa i 5 piani a piedi per arrivare a casa senza neanche attendere l’ascensore (beata gioventù).

Appena a casa il televisore grande era già acceso con quella spaventosa immagine (che veniva mandata in loop dalla RAI) dei due boosters che continuavano la loro pazza ed inutile corsa verso il nulla.
La situazione era, almeno inizialmente, molto confusa perché i commentatori parlavano di uno (o più paracadute) che sarebbero stati avvistati e quindi si nutriva qualche speranza per l’equipaggio.

Io all’epoca ne sapevo già abbastanza di Shuttle da immaginare che per lo sfortunato equipaggio della missione STS-51L non c’era nulla da fare.

E’ stata la fine di un’epoca…

4 Mi Piace

La fine di un sogno

1986/01/28. Missione STS-51L. (dalla mia collezione cartacea).

4 Mi Piace

Questo è davvero curioso, lo sapevate? Il pallone da calcio immortalato nella foto è stato recuperato tra i detriti dello sciagurato volo del 26 gennaio 1986 dello Space Shuttle Challenger. Non si sa come sia stato possibile, non si è incredibilmente danneggiato. Thomas Pesquet ci racconta che il collega Shane Kimbrough lo portò con sé sulla Sojuz MS-02 durante la sua missione sulla Stazione, per onorare la memoria dell’equipaggio del Challenger.

3 Mi Piace