ESA è in grado di lanciare con i propri mezzi di un equipaggio di astronauti dell'Unione europea 🇪🇺 nello spazio?

Non si può nemmeno pensare che il mercato dello spazio con equipaggio viva sulle stesse regole di quello ordinario. Un attore che lavora sui costi non fa comodo a nessuno

Solo per dire che “manned” può essere tranquillamente tradotto in abitato o con equipaggio, come giustamente fa anche il nostro amico francese :nerd:

1 Mi Piace

Non credo esista una definizione ufficiale in ambito spaziale.

Però c’è in ambito Aviazione Civile (ICAO)

“[a]n unmanned aerial vehicle is a pilotless aircraft, in the sense of Article 8 of the Convention on International Civil Aviation, which is flown without a pilot-in-command on-board and is either remotely and fully controlled from another place (ground, another aircraft, space) or programmed and fully autonomous.”

In aviazione unmanned vuol dire senza piloti a bordo. Ma i passeggeri possono starci.

Sì, ma non c’entra molto con il punto che tentavo di esprimere.

Mi spiego meglio. Senza farne una crociata, mi piace pensare si possano usare termini italiani, quando chiari e disponibili, in un forum italiano.

Per decenni manned è stato usato per intendere con equipaggio. Nel corso degli ultimi anni questo termine è ormai tramontato in casa NASA, in favore del più inclusivo human (human rated, human spaceflight ecc).
Penso possiamo provare a fare un passo avanti anche qui :wink:

2 Mi Piace

Manned e human rated non sono due cose diverse? Giusto per restare in tema, il vecchio ATV dell ESA, il cargo della stazione spaziale era unmanned ma human rated, nel senso che non era guidato da un equipaggio, ma una volta attaccato alla ISS gli astronauti ci entravano dentro.
Non saprei come distinguere le due locuzioni in italiano.

Avevamo accennato al discorso qui:

2 Mi Piace

Il passo lo devono fare anche nei paesi anglosassoni in caso contrario con l’introduzione dei veicoli a guida autonoma (e la Crew dragon lo e’) la cosa diventerebbe abbastanza paradossale.

While not explicitly stated, the comments by Space Adventures indicate that the four spaceflight participants on the mission will be the only people on board the Crew Dragon, with no pilot or other professional astronauts as crew. The company’s statement notes that the Crew Dragon is “fully autonomous.”

Non penso che vorranno definire “unmanned” i voli di Space Adventures.

L’ESA ha un progetto - PowerPoint - per una base permanente sulla Luna.
Vi si vedono macchine di movimentazione terra che ricoprono di regolite un habitat per umani.
Non mi stupirebbe che nel progetto sia compreso anche la certificazione di un Ariane e lo sviluppo di una capsula

Quindi la risposta alla domanda originale, prima di partire per la tangente, rimane, no. :stuck_out_tongue:

1 Mi Piace

Certo
Ma si tratta fondamentalmente di una scelta politica (e di quattrini) non di incapacità tecnologica.
Immagino, leggendo tra le righe delle dichiarazioni, che tra qualche anno si comincerà a lavorare sulla cosa, in modo di avere la capsula entro la fine del decennio…

Non so bene a quali dichiarazioni ti riferisci, ma tenderei ad escluderlo. Hai un link?

Per averle un veicolo con equipaggio europeo pronto per fine decennio dovremmo vedere gia’ ora un gran fermento, senza contare chiare voci a bilancio e un fermento nel mondo industriale spaziale europeo non equivocabile. Tutte cose che a oggi non esistono. :confused:

2 Mi Piace

Non c’è altro da dire :grin:

1 Mi Piace

Certo, con i quattrini si può fare tutto, prima o poi. Ma non pensiamo che un’azienda Europea possa fare quello che ha fatto SpaceX, nei loro tempi e nei loro costi.

Di fatto SpaceX ha usato, direttamente ed indirettamente, 60 anni di esperienza di NASA, cosa che in Europa non esiste (e lo dice uno che ha fatto in Europa operazioni per la stazione spaziale per 10 anni)

2 Mi Piace

Veramente non pensavo di dire una cosa controversa. :flushed:
Ovviamente mi sbagliavo :grinning: :grinning:

Per rispondere compiutamente ci vorrebbe un libro … e non mi sembra il caso :smile: :smile:

Risponderò con più post, primo perchè odio i post troppo lunghi :grinning: e poi per evitare di mettere troppa carne al fuoco …

Ma non mancherò di indicare i link da cui “leggere tra le righe”

Chiedere un link è diventato una controversia? :roll_eyes:

1 Mi Piace

In ambito ESA non ci si muove “tra le righe”, le procedure sono molto formali (come e più che in NASA), tutto è documentato ed il processo di approvazione dei vari programmi passa per le Ministeriali.

Inutile aggiungere che, ad oggi, non c’è evidenza di programmi manned autonomi in ESA, anzi la partecipazione al programma Orion/Artemis è subordinata alla partecipazione di astronauti europei alle missioni lunari.
Questo non esclude automaticamente una ricerca “autonoma” di accesso LEO, solo che non esistono programmi di sviluppo allo stato attuale.

4 Mi Piace

Non sono d’accordo

I programmi spaziali - tutti, quindi anche quelli dell’ESA - sono fortemente condizionati dalla politica e dalla geopolitica, e continueranno ad esserlo fino a quando necessiteranno di ingenti investimenti pubblici (quindi per molto tempo ancora …)

In quelli dell’ESA in particolare le scelte dettate da considerazioni di natura geopolitica vengono talvolta coperti da considerazioni di natura tecnico - economica, ma più spesso semplicemente non giustificate.

Quindi, per formali che possano essere le procedure, i documenti dell’ESA hanno ANCHE una valenza politica, e come tutti i documenti politici, vanno letti ANCHE “tra le righe”

1 Mi Piace

Ovviamente no :grinning:

Ma ho visto una serie di repliche, che mi ha fatto pensare di aver toccato un argomento molto più sensibile di quel che pensassi :smile:

C’era anche il progetto Hopper, che però non prevedeva astronauti a bordo (se non sbaglio), sarebbe stato automatico, ma venne cancellato.

Attualmente c’è in programma Space Rider (derivato dall’IXV), sempre automatico, con lancio previsto nel 2021. Space rider ha un carico utile di 800 kg, in pratica una versione europea dell’X-37 statunitense.
Secondo voi è possibile uno sviluppo dello Space Rider con astronauti a bordo o è troppo piccolo per poter supportare delle persone?

Direi proprio che è troppo piccolo. Servirebbero importanti modifiche strutturali, che finirebbero per portare a una completa riprogettazione probabilmente. Per farsi un’idea delle dimensioni ecco IXV (esposto all’aeroporto di Torino) con me per scala:

2 Mi Piace