Fonti energetiche per future basi lunari

c’è anche una possibilità ulteriore per portare energia sulla luna in un punto preciso in modo controllato: specchi solari o anche laser da terra.
Posizionando un array di specchi solari o un emettitore laser su una montagna oltre le nuvole in 4-5 punti sul nostro pianeta con una difficoltà non eccessiva si può portare energia costantemente sulla luna in un punto preciso.
vista la quantità moderata che ne servirebbe ciò consentirebbe anche di usare pannelli solari piccoli per produrre energia elettrica (si può usare un fascio ad alta intensità) e controllare dinamicamente la temperatura di un eventuale ambiente abitabile alla stessa maniera, di fatto creando un giorno artificiale anche nel caso si posizionasse una stazione in grotta

Dato che discutete di energia, oltre a fonti solari ci sarebbe anche la possibilità di usare il nucleare?

Kilopower. La versione più potente è da 10 Kw. La NASA stima che con 4 ci puoi mantenere una piccola base. Si tratta di mini reattori molto compatti e leggeri e quindi ideali per lo scopo.

Bisogna tenere anche in mente il noto problema della polvere lunare, teoricamente con una carica opposta é possibile evitare di farla attaccare ad ogni cosa.

Esatto; se non ricordo male dalle news dello scorso anno, il progetto Kilopower sembra funzionare bene e con 4-5 reattori si fornirebbe energia ad una piccola base.

Corretto. Potrà aiutare per le lunghe notti lunari

Perchè “aiutare”? Secondo me con un reattore fai tutto, notte e giorno. Non so stimare (non conoscendo l’habitat) se il fabbisogno energetico sia maggiore di giorno (necessità di raffreddare? La vedo dura, ma forse con pannelli orientabili verso lo spazio si può fare) o di notte (riscaldare è più facile). Immagazzinare energia per 14 giorni è difficile, troppi MWh. Quindi la fonte dev’essere costante e affidabile.