Il futuro proposto da NASA passa per l’orbita cislunare


#1

#2

Non perdiamoci questo articolo! :smiley: Ecco il link: https://www.astronautinews.it/2017/04/05/il-futuro-proposto-da-nasa-passa-per-lorbita-cislunare/


#3

Certo che se i programmi del Moon Village e questo proposto dalla Nasa fossero portati avanti parallelamente, sarebbe interessante.


#4

Poche ore fa ESA ha “risposto”… :slight_smile:


#5

"A space base & staging point around the Moon? @NASA_Orion spacecraft with European Service Module will take us there!

Oh, alleluja! :clap:
Sembra molto promettente, journeytomoon !


#6

Speriamo che i progetti rimangano stabili nel tempo indipendentemente dalle amministrazioni. Ottima idea quella di passare dalla luna per andare nel sistema solare. Era quello che auspicavo. Se poi Alla lunga si sviluppassero veicoli pensati solo per lo spazio…


#7

L’avesse fatta Obama questa rimodulazione del programma lunare…ma no,lui doveva semplicemente cancellare Constellation.


#8

Molto interessante, avremo un prossimo futuro da goderci intensamente


#9

Carmelo, restiamo in tema. :wink:


#10

Direi perfetto. Avanti così! Certo mai che NASA accetti di non essere capofila …

Bell’articolo Marco!


#11

Solo io vedo delle similitudini?



#12

E possiamo aggiungerci i veicoli lunari di UFO e di 2001 Odissea nello Spazio.
E’ una forma razionale e versatile,che consente una modularità che può rivelarsi importante nel caso di un lander riutilizzabile.


#13

Solo io ripenso a
Moonlight?


#14

speriamo si muovano… non so cosa darei per vedere degli uomini camminare ancora una volta sulla Luna… è il mio sogno!!
tanti progetti e chiacchere, ma quando si farà qualcosa???


#15

Martin84jazz, per rispondere alla tua osservazione ci sono state centinaia di discussioni su questo forum, che ti invito amichevolmente a rileggere.
Dalla lettura di queste si capisce, riassumendo, che non essendoci un mercato generatore di profitto dietro le imprese spaziali di questo tipo, serve per ora accontentarsi di quello che passa il… governo. E’ cosi’ del resto fin dai tempi dell’Apollo.
Qualcosa forse si muove, specie in ambito privato, ma e’ ancora presto.
Siamo tutti con te che sarebbe bellissimo rivedere persone camminare sulla Luna, ma sarebbe bello avvenisse nel contesto di un sistema in grado di autosostenersi. Staremo a vedere.


#16

Quando probabilmente vi saranno sia fondi sufficienti che la volontà politica per realizzare un nuovo modulo lunare. Chissà… con la collaborazione dei privati… magari nel 2025/26. Per ora sarebbe già positivo vedere la missione EM-1 con a bordo un equipaggio per il 2019.

Per quanto riguarda la Deep Space Gateway, sarebbe più utile che fosse costituita da moduli già esistenti e che fosse assemblata in LEO (con minori costi di lancio) per poi essere spedita in orbita lunare. In questo modo nel 2022 potrebbe gia essere operativa senza aspettare il 2025. Inoltre la Nasa potrebbe utilizzare il SLS Block 1 nelle prime missioni verso la Deep Space Gateway, mentre la versione SLS Block 1B la vedrei più utile nella realizzazione della Fase 2- Deep Space Transport.

Come moduli abitativi per la Deep Space Gateway la Nasa potrebbe utilizzare il modulo MPLM Raffaello opportunamente modificato, il modulo pressurizzato del HTV-2 (anch’esso opportunamente modificato) e un cargo Cygnus abitabile a 3/4 sezioni. In un secondo tempo potrebbero essere aggiunti altri elementi come un modulo nodo di costruzione russa. :ok_hand:


#17

Quali sono i “moduli già esistenti”? Intendo, quali sono i moduli già esistenti progettati per lo spazio extra-LEO, ovviamente. Perché tutto lo “space-Lego” che segue sembra essere basato su questo presupposto, ma che io sappia non esiste nessun modulo, immagazzinato da qualche parte nel mondo, certificato per l’ambiente extra-LEO e con tutti i requisiti per essere assemblato ad altri moduli ugualmente certificati a tale scopo ma con differenti funzioni, e che insieme possano fornire un ambiente abitabile per l’uomo una volta posti in qualche orbita oltre la LEO…

e che fosse assemblata in LEO (con minori costi di lancio) per poi essere spedita in orbita lunare. In questo modo nel 2022 potrebbe gia essere operativa senza aspettare il 2025. Inoltre la Nasa potrebbe utilizzare il SLS Block 1 nelle prime missioni verso la Deep Space Gateway, mentre la versione SLS Block 1B la vedrei più utile nella realizzazione della Fase 2- Deep Space Transport.

Come moduli abitativi per la Deep Space Gateway la Nasa potrebbe utilizzare il modulo MPLM Raffaello opportunamente modificato, il modulo pressurizzato del HTV-2 (anch’esso opportunamente modificato) e un cargo Cygnus abitabile a 3/4 sezioni. In un secondo tempo potrebbero essere aggiunti altri elementi come un modulo nodo di costruzione russa. :ok_hand:


#18

I moduli sono quelli che ho indicato.


#19

Ah… per cui per “moduli già esistenti” intendi un MPLM da riprogettare, modificare e ricertificare, un modulo HTV da riprogettare, costruire e ricertificare, un modulo Cygnus da riprogettare, costruire e certificare, che andranno a formare uniti e interconnessi un avamposto da progettare e certificare nella sua interezza… capito.


#20

Esatto… la Orbital ha dichiarato che il modulo Cygnus a 4 sezioni sarebbe pronto in 3 anni. Una soluzione, nel caso in cui il MPLM non risultasse adatto per il programma, sarebbe quella di sviluppare 2 moduli HTV più il modulo Cygnus.