Il LauncherOne di Virgin Galactic utilizzerà un aereo a lui dedicato

Qual è l’ordine di grandezza del payload che potrebbe essere messo in orbita da un F-15?

Immagino non piu’ di 20-30 Kg. Lo studio di fattibilita’ su Typhoon fatto in AM non riusciva a portare piu’ di 15 Kg con un rocket a due stadi lanciato da 50000 ft a Mach 1.3. L’F-15 prevedo che lanciera’ in salita con un angolo di 20-30 gradi, ma a velocita’ minore. Le grosse perdite avvengono durante la rotazione da volo orizzontale a verticale (gamma turn) quindi piu’ si lancia con un assetto a cabrare e meglio e’. Non conosco i dettagli comunque per F-15, sara’ solo un programma per nanosatelliti militari, quindi piuttosto classificato.

Sicuramente mi farebbe piacere capire cosa state facendo! nicola.pecile@gmail.com

E’ un po’ OT, ma visto che l’argomento è stato toccato e interessa parzialmente questo topic, una bella serie di immagini e video a corredo di questo articolo che illustrano come viene utilizzato il punto di aggancio sotto la semiala sinistra nei 747 civili per il trasporto del “quinto” motore. Tecnicamente da quello che ho capito Virgin non utilizzerà esattamente questo punto di aggancio già presente (ovviamente non essendo fra le altre cose dotato di latch per il rilascio in volo) ma sfrutterà la robustezza di quest’area già presente nel velivolo per predisporre l’area destinata a supportare il LauncherOne.
Il trasporto documentato è avvenuto nei giorni scorsi con un 747 di Qantas

In quali casi viene aggiunto il quinto motore a un 747? Solo per esigenze di trasporto?

Quando la compagnia ha bisogno di portare motori in hub lontani tra loro in modo veloce. Il quinto motore non è assolutamente cablato al resto del veivolo se è questo che intendevi.

Quando la compagnia ha bisogno di portare motori in hub lontani tra loro in modo veloce. Il quinto motore non è assolutamente cablato al resto del veivolo se è questo che intendevi.

Si esatto, solamente per trasporto, in caso si abbia un velivolo in AOG (Aircraft on Ground) da qualche parte nel mondo potrebbe essere più facile, rapido e economico utilizzare un altro velivolo della compagnia, che comunque dovrebbe già andare sul posto per “dare il cambio” al velivolo in AOG, per il trasporto del motore spare in situ.

Non avevo idea che si potessero “portare a spasso” dei motori all’esterno di una aereo, pensavo li trasportassero in vani di carico di cargo
Ma usano normali voli commerciali o sono comunque dei cargo appositi?

No, sono normali voli commerciali di linea :wink:

Potrebbe essere anche usato come banco prova per testare nuovi motori, come ad esempio fa la Pratt&Whitney e General Electric, anche su B-757 di Honeywell.

Confermo l’utilizzo del punto di forza per scopi strutturali nel caso di VG. Comunque il peso di LauncherOne dovrebbe essere notevolmente maggiore rispetto a quello di un extra motore, quindi molte altre problematiche strutturali, nonche’ di controllabilita’ del velivolo.

Eh si, un motore RR agganciato al pod sono circa 6 ton, non so quanto sarà il LauncherOne pronto allo sgancio ma direi decisamente di più…
Mi sorge una domanda, senza metterti in difficoltà se non puoi rispondere, il LauncherOne al momento del decollo del 747 sarà già rifornito oppure ci sarà un sistema di trasferimento del propellente dall’aereo madre al lanciatore e il riempimento dei serbatoi avverrà solo in volo, per cercare di avere il velivolo sbilanciato per il minor tempo possibile e per questioni di sicurezza in caso di mancato sgancio?

Nel caso del quinto motore sul 747 mi risulta che esso sia sempre stato usato semplicemente per il trasporto di uno spare engine che non viene acceso durante il trasporto, non so nemmeno se esistano le predisposizioni per i relativi allacciamenti.

Non saprei rispondere ancora a questa domanda. Sono comunque abbastanza convinto che sara’ gia’ rifornito. Sarebbe molto diffcile poter certificare un velivolo del genere, che comunque manterra’ il type certificate originale, portando carburante in fusoliera…

Alcuni 747 sono presdisposti per il funzionamento del 5 motore, quindi esistono tutti gli allacciamenti carburante ECS, spillamenti, ecc… Non tutti pero’. Per una compagnia aerea non coinvolta in flight testing, sicuramente non sara’ cosi’.

Si vero… però con un buon STC lì da voi si fanno cose incredibili e senza toccare il TCDS di certificazione… vedremo :wink:

STC= Supplemental Type Certificate?
TDCS=Type Certificate Data Sheets?
Dai alby non parlare in codice, fatti capí anche dalla casalinga di Voghera :stuck_out_tongue_winking_eye:

Si hai ragione… essendo un po’ OT non ho specificato meglio… mea culpa, sorry :stuck_out_tongue:

Non so quella di Voghera, ma mi pare che quella di Firenze aveva capito benissimo!! :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye:

Un messaggio è stato fuso in un argomento esistente: [15/10/18] LauncherOne | Test Flight