Il ruolo dei miliardari nell'industria spaziale (turismo e non)

Un tema diverso ma collegato e’ questo: sono contento che siano sani e salvi tutti e due.

Non dico che i normali astronauti siano “spendibili”, suona orribile. Ma sia Besoz che Branson sono estremamemtne importanti per l’economia e, si, anche per la cultura. Disintegarli non sarebbe stato carino. Ci hanno dato e ci danno tanti contenuti, il loro apporto non e’ irrilevante. Il mondo senza Amazon (inteso non solo come ecommerce ma anche editore di contenuti e innovatore di canali di distribuzione) e anche senza Virgin, a partire da Tubular Bells e tanta altra buona musica, non sarebbe lo stesso.

Spero che non facciano altre imprudenze, neanche quell’altro che oggi non ha volato.

Beh, perdonami ma questo mi sembra esagerato. È come dire che se morisse Bill Gates lo sviluppo dei PC si arresterebbe. E comunque, se venisse a mancare Bezos o Branson, Amazon/Virgin non sparirebbero, ma verrebbe trovato un nuovo Ceo (tra l’altro Bezos ha recentemente lasciato il ruolo di amministratore di Amazon).

1 Mi Piace

Per Musk un po’ meno vero.
Senza di lui, Spacex continuerebbe, ma verrebbe a mancare la sua incredibile spinta che sta dietro allo sviluppo di Starship.

3 Mi Piace

Si, il mio intervento era riferito a imprenditori “normali” :sweat_smile:

Metti l’ebrezza di stare seduto in cima ad un razzo o sul seggiolino di un executive. i gusti sono gusti. I prezzi sono prezzi …
Si stà parlando di VIP (o milionari/miliardari in genere), non di comuni mortali come noi… è tutto un altro mondo.

Han parlato di questo argomento giusto ieri nell’episodio Uplink 54 di Space Rocks, con la giornalista spaziale Shannon Stirone e Jonathan come ospiti.

1 Mi Piace

Questo argomento è stato automaticamente chiuso 730 giorni dopo l’ultima risposta. Non sono permesse altre risposte.