Ingegneria meccanica o ingegneria aerospaziale?


#1

Ciao a tutti, sono nuovo nel forum e avrei bisogno di qualche consiglio da chi ne sa più di me considerato che frequento ormai la quinta classe di liceo scientifico e fra non molto mi toccherà scegliere la facoltà da intraprendere all’università. Il mio dilemma è:
Si può conseguire una laurea triennale in ingegneria meccanica e poi una magistrale che mi permetta di adoperare nel settore spaziale? Ad esempio progettazione e costruzione di motori per veicoli spaziali o robot da mandare nello spazio?
Nel caso contrario, dove converrebbe studiare ingegneria aerospaziale? Ho sentito parlare di Pisa, Milano e Torino. Chi sa dirmi qualcosa a riguardo?
Grazie a tutti!


#2

Aspetto con te una risposta😅


#3

Se volete fare spazio, perché volete iscrivervi a meccanica? È questione di non voler andare troppo lontano da casa?

Per aerospaziale, io ho avuto colleghi da Torino, Milano, Pisa, Roma, Napoli, Palermo… da qualche anno anche Enna ha ingegneria aerospaziale. Ognuna ha i suoi pro e i suoi contro.

Per il resto, come colleghi ho avuto ingegneri aerospaziali, informatici, telecomunicazioni, meccanici, nucleari, chimici… e anche fisici o matematici, biologi o dottori per seguire gli astronauti.
Insomma, qualunque università a tema scientifico può portarvi ad un lavoro in campo spaziale. L’importante è che facciate quello che vi piace e vi appassiona e che vi diate da fare per essere tra “i migliori” nel vostro campo, dopodiché non ci sono porte che non si possano aprire :wink:


#4

Se non hai intenzione di rispondere alle domande relativamente a come sono state formulate e a ciò che chiedono, perché ti prendi la briga di farlo? :slight_smile:


#5

Mi sembra che Buzz ti abbia risposto molto bene. Oppure, la risposta sintetica è “sì”. Vedi tu se vuoi cercar di capire…


#6

Rileggi con attenzione quello che ho scritto, vedrai che risponde a tutte le tue domande.

Se vuoi una risposta precisa, impara a fare domande precise. Se chiedi solo “qualcosa a riguardo”, l’unica risposta che ti si può dare è che ogni facoltà ha i suoi pro e i suoi contro, non esistono risposte assolute :wink:


#7

Non era per polemizzare, mi scuso, ma la risposta era inappropriata e con tanto di superbia :slight_smile:


#8

Passo e chiudo, buona fortuna con i tuoi studi


#9

Continui a non capire la domanda e a rispondere ab hoc et ab hac


#10

Piero, conosco piuttosto bene Buzz, e ti garantisco che la risposta non è polemica. Ti ha solo chiesto perchè vorresti fare prima meccanica, e non direttemente aerospaziale. Anche a me i percorsi misti sono sempre parsi un po’ strani. E ti ha anche detto che se vuoi lavorare nel settore non ha importanza la specializzazione, e nemmeno l’università. Ripeto, non vedo alcun tono polemico.


#11

No certo, infatti mi riferivo a me. Non è stato assolutamente polemico


#12

Ok… addio, eh?


#13

Mi dispiace che nessuno sia riuscito a darmi la risposta che volevo, la mia domanda sembrava abbastanza precisa


#14

Allora leggi e ringrazia chi si è sbattuto a risponderti, e basta. La persona che ti ha risposto lavora da dieci anni ai massimi livelli dell’industria aerospaziale europea, lo sapevi?

Sono domande che trovano risposta esaminando i dettagli dei vari corsi di studio. Hai provato a prendere i programmi delle università che nomini nel tuo messaggio e controllare se contengono esami che ti offrono esami specifici per questi tuoi interessi (peraltro parecchio diversi tra loro)? Se la risposta è no, parti da quello.

Il punto fondamentale è sempre lo stesso, e lo trovi in tutte le risposte che sono state date a domande simili alla tua. Accertato che vuoi lavorare nel campo spaziale (forse), scegli la facoltà di ingegneria che più ti “scalda” il cuore e dove ti aspetti di faticare meno/divertirti di più a studiare/ti interessa di più. Puoi entrare nell’industria aerospaziale da tante porte. A parte gli studi, che puoi modulare con un Bachelor in ing. meccanica e poi complementare con un Master in qualcosa di più spaziale, a conti fatti quel che è davvero importante è…

Riceviamo spesso visite di studenti/meteora che vengono, chiedono “consulenze” e poi scompaiono dalla community senza lasciar nessun contributo costruttivo, nemmeno per altri studenti. Capita, e nel numero ci sta, ma ogni tanto si leggono messaggi di rara arroganza, come questo, e quasi passa la voglia di rispondere. E visto che ti piace il latinorum Ingratus unus miseris omnibus nocet


#15

Ahahahaha ma quindi siete tutti uguali


#16