iROSA (ISS Roll Out Solar Array), il nuovo set di pannelli fotovoltaici per la ISS

3 Mi Piace

Il comunicato stampa di Boeing sui pannelli iROSA che verranno mandati sulla ISS. Appena mi rispondono vedo di tradurlo.

3 Mi Piace

Nell’attesa di Boeing, ecco il comunicato NASA relativo ai nuovi pannelli solari. Di quelli in uso, il primo paio è stato dispiegato nel dicembre 2000, mentre gli altri sono arrivati nel settembre 2006 (STS-97), nel giugno 2007 e nel marzo 2009 (STS-119). Nonostante i i 15 anni di vita operativa prevista stanno ancora operando senza problemi, ma i segni del tempo cominciano a farsi vedere.

Di seguito come sono stati dispiegati i pannelli spediti con lo Shuttle.

Per questo motivo, Boeing, contractor principale per le operazioni della ISS, nelle vesti di Spectrolab, una sua controllata, e Deployable Space Systems (DSS) forniranno i nuovi pannelli solari. Questi saranno una versione più grande dei Roll-Out Solar Array (ROSA), che hanno performato egregiamente durante la fase di test nel giugno 2017. La combinazione di pannelli vecchi e nuovi permetterà di riportare la produzione di energia ai livelli di quando furono installati i primi, garantendo anche un aumento in potenza tra il 20% e il 30% per le attività di ricerca e le operazioni a bordo. Gli attuali otto pannelli sono in grado di produrre circa 160 chilowatt durante il giorno orbitale, stoccandone circa la metà nelle batterie, utilizzate quando la ISS non è illuminata dal Sole. I nuovi pannelli saranno in grado di produrre un totale di 120 chilowatt, venti per ciascuno. Tuttavia, i pannelli che verranno ricoperti parzialmente da quelli nuovi saranno in grado di fornire energia, producendo circa 95 chilowatt. In totale quindi, la produzione totale raggiungerà i 215 kW quando saranno installati tutti e sei i nuovi pannelli. Verranno utilizzati gli attuali sistemi di puntamento del Sole e distribuzione di potenza, in modo del tutto analogo a quanto fatto con le telecamere ad alta definizione all’esterno della ISS.

Il veicolo scelto da NASA per far arrivare i pannelli solari a destinazione è la Dragon Cargo, che all’interno del trunk, la sezione non pressurizzta, ne porterà due. Saranno necessarie quindi 3 missioni, a partire dal 2021 (quando il secondo paio di pannelli raggiungerà i 15 anni di vita) per farli arrivare e servirà un numero doppio di EVA per installarli: una per preparare il sito di installazione e una per l’installazione vera e propria.

Deployable Space Systems ROSA solar array]
I pannelli solari ROSA. Foto (forse) a più alta risoluzione.
:camera_flash:: Deployable Space Systems.


Fonte: NASA - New solar arrays for ISS.

10 Mi Piace

La data della EVA per i primi 2 Truss di supporto sarà verosimilmente spostata al 08.02.21.

1 Mi Piace

Nuovo articolo di Luca Frigerio pubblicato su AstronautiNEWS.it

6 Mi Piace

La coreografia per la EVA dedicata alla installazione dei primi 2 supporti, è stata rilasciata in versione definitiva.

Lo scenario sarà il segmento P6, alla base dei pannelli 2B e 4B (quelli su cui sono stati di recente Hopkins e Glover, proprio per smontare 2 H-fixtures).

Per il supporto al 2B si prevede un assemblaggio completo.

Per quello in 4B, si prevede un assemblaggio parziale.

Rimarrebbero “fuori tempo” 2 segmenti ed il montaggio di questi, sarebbe possibile se dovesse rimanere del tempo a fine EVA (come get ahead task) o in una prossima EVA.

Mia personale considerazione, è che la EVA 72 (che ancora non è stata rilasciata su DOUG) possa essere di fatto un “upgrades III” in cui mettere tutto il pregresso eventualmente rimasto fuori dalle precedenti EVA (tra cui anche la connessione di alcuni dei cavi di Bartolomeo)

5 Mi Piace

Un post veloce per illustrare come la prima coppia di pannelli, verrà messa in attesa della EVA per l’installazione. (Attualmente non preventivata almeno fino a dopo la EVA-72. Imho se ne occuperà la crew-2)

Il set arriverà a bordo della CRS-22.
Alla stessa maniera di Bishop, verrà estratto dal trunk grazie al Canadarm2.

Da lì, subito parcheggiato sul POA (Payload ORU Accomodation, un punto di aggancio sul carrello MBS del truss, usato per carichi esterni temporanei di medio termine)


Rimarrà in questo punto in attesa della EVA, per essere installato sui nuovi supporti a traliccio.

Di seguito il “pallet” che contiene i due pannelli.


Sono presenti due grapple fixture. Quello che vedete alla destra è un GF (grapple fixture) e serve solo come aggancio per il trasporto tramite il Canadarm2. Quello di fronte e un PDGF (power & data grapple fixture) e serve a fornire una linea dati ed energia (anche per il funzionamento dei riscaldatori) mentre è agganciato al POA.

Un laterale ed una vista della sola base per il trasporto, senza pannelli.

ed infine un piccolo esploso per evidenziare la modalità di montaggio al supporto

15 Mi Piace

Ho rifatto un paio di immagini della simulazione di scarico della CRS22.

Qui mentre il pallet viene posizionato sul POA

Il POA è l’asso nella manica da tirare fuori, quando ci sono dei carichi che hanno bisogno di energia per i sitemi/riscaldatore, e che devono poi essere a “breve” installati nei vari punti (anche più esterni) della ISS.

10 Mi Piace

Il primo paio di iROSA è arrivato al Kennedy Space Center.
Verranno ora aggiunte le maniglie e le coperture termiche.

11 Mi Piace

non mi capacitino di come possano stare nel trunk della dragon

Se mi riesce, in questi giorni ne faccio una stile proiezione ortografia.

9 Mi Piace

Una vista un po’ più ravvicinata.

5 Mi Piace

Lo spazio tra lo shell della Dragon e il carico sarà occupato dalla struttura di integrazione del carico. Ho preso come riferimento la distanza tra il bordo del trunk ed il PDGF che si è visto durante l’unloading di Bishop, adattando poi “a spanne”, ma quello che conta in questa immagine è mostrare le dimensioni relative.

13 Mi Piace

Eh proprio quello, è difficile rendersi conto di quanto sia grande

Preview

18 Mi Piace

Parmitano ci mette del suo…

11 Mi Piace

E dopo il lancio di Thomas non si è fatto mancare neanche questa.
Sempre in mezzo… :rofl:

Due date programmate per l’installazione dei primi due nuovi pannelli.

Giugno 16 e 20 entrambe con Pesquet e Kimbrough (ogni data, un pannello)

Ad oggi, :triumph: ancora nessun dettaglio sulla lista delle task.

5 Mi Piace

Ecco il primo set, integrato all’interno del vano non pressurizzato della Cargo Dragon.

4 Mi Piace

In caricamento: mass.png…
Dal press kit di CRS-22, sappiamo che il peso totale di due pannelli + pallet è di 1380kg

7 Mi Piace