"lunar suits for the extended Apollo missions".Interessante filmato.

Il film linkato sotto mostra la prova di mobilità di una EX-1A,sviluppata dalla ditta AirResearch alla fine degli anni 60.
Ulteriori miglioramenti daranno vita alla AES,la tuta che avrebbe dovuto essere impiegata nel corso delle missioni Apollo 18,19,20.
La AES (esteriormente molto simile allo scafandro del filmato) sarebbe stata ovviamente ricoperta da un overgarnment bianco,come le tute A7L e A7LB.
Tuttavia a causa della maggiore voluminosità rispetto a quest’ultime era previsto (a partire da Apollo 18) che l’equipaggio,per maggiore comodità, decolasse in combinazioni simili (o identiche) alle tute di volo portate dagli equipaggi di Skylab e ASTP.
Durante il lancio sarebbero stati indossati elmetti a pressione come quelli in dotazione dieci anni più tardi agli Astronauti dello Shuttle,da STS-5 a STS 51L.
Soltanto il Comandante ed l Pilota del modulo lunare avrebbero avuto le AES; per il Pilota del modulo di comando era prevista una normale A7LB-CMP.
Questo anche per consentire la possibilità per tutti i tre Astronauti di vestire la tuta durante la EVA del CMP al ritorno dalla luna.
Nel viaggio di andata le AES sarebbero state stoccate nel LEM.

http://www.airspacemag.com/multimedia/videos/47568457.html

Ho ritrovato un mio vecchio thread che integra questo filmato.

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=1401.0

Molto interessante!
E’ la prima volta che vedo uno scafandro rigido così… agile!
Sarebbe stato interessante sapere il giudizio degli astronauti dopo la sua applicazione in missione!

Stupefacente. Questi filmati vintage poi per me hanno un fascino irresistibile.

Davvero impressionante, non c’è che dire… Una mobilità del genere con le EMU è impensabile.
Molto interessante anche il fatto che fosse a pressione più alta, il che avrebbe ridotto di un po’ il problema del pre-breathing.

A quanto ho capito non è stata utilizzata.

Se ne sa il motivo?
Ok che era per gli apollo annullati,
Ma perhcè non è stata usata anche per le eva sulla ISS e per altre manutenzioni?
C’è stato qualche problema?

joe

Una versione aggiornata della AES è stata proposta all’Oceaneering International ,l’azienda che ha vinto il contratto per le tute per il programma Constellation.
L’uso della AES era programmato a partire da Apollo 18,perchè da questa missione in poi la permanenza sulla luna ed il numero di EVA era leggermente superiore rispetto ai voli precedenti,e si voleva fornire agli Astronauti maggiori comfort ed autonomia.
Una volta cancellate le ultime missioni vi fu una proposta per dotare di AES il Comandante ed il pilota del LEM di Apollo 17;tuttavia i costi di produzione furono giudicati eccessivi per una sola missione.
L’AES venne proposta (insieme a molte altre tute,ad esempio una variante di quella fabbricata per il MOL) per lo Skylab.
Anche quì fu giudicato più economico adoperare le A7LB,con minime modifiche.
Tuttavia una AES avrebbe dovuto essere testata nello spazio nel corso di Skylab-4.
Il collaudo sarebbe dovuto avvenire all’interno del laboratorio,e non durante un EVA ( come si fece per l’AMU http://www.astronautix.com/craft/skyabamu.htm ).
Anche in questo caso non se ne fece nulla.

Ecco un interessante intervista con Bill Elkins,tecnico e collaudatore di tute che ha lavorato all’AES (è l’uomo che nel filmato testa la tuta).

http://www.airspacemag.com/space-exploration/Space-Suits-Past-and-Future.html

Accidenti…non credo ai miei occhi… me lo sono sempre chiesto da profano se le tute utilizzate nel programma apollo e poi lo shuttle fossero state davvero le piu’ avanzate nei loro periodi di utilizzo…e invece come al solito…ci sono in giro questi geniacci che ti sfornano capolavori del genere e che poi non vengo utilizzati…incredibile…non vedo l’ora comunque di vedere realizzate le future tute della nasa per il programma constellation… spero davvero siano la fantascienza fatta a misura d’uomo…