Motore a razzo LOX/Metano? Questione ancora aperta...

L’idea pareva tutto scartata, ma la NASA ha concesso finanziamenti per quasi 13 milioni di dollari per studiare questa tecnologia…
http://www.nasawatch.com/archives/2006/02/cev_loxmethane.html
Comincio ad avere le idee confuse, ma non è necessariamente un male… :smiley:

L'idea pareva tutto scartata, ma la NASA ha concesso finanziamenti per quasi 13 milioni di dollari per studiare questa tecnologia.... [http://www.nasawatch.com/archives/2006/02/cev_loxmethane.html](http://www.nasawatch.com/archives/2006/02/cev_loxmethane.html) Comincio ad avere le idee confuse, ma non è necessariamente un male... :smiley:

Il metano è un propellente candidato per i “boosters” riutilizzabili del futuro ed è quindi visto soprattutto in competizione con il kerosene. Rispetto a quest’ultimo è vantaggioso per il più alto Isp, perdite di pressione più basse nel sistema di raffreddamento attivo, più alto limite di coking e minore generazione di polveri (soot): questi due fattori importanti per la riusabilità. Il metano è un “soft cryogenic” con una temperatura di storage di 111K che è molto vicina a quella del LOX e quindi permette di pensare ad architetture più semplici. Attualmente non è assolutamente pensabile ad un confronto con la coppia LOX/Idrogeno utilizzato per gli stadi superiori.
Per quanto ne so io, diversi papers indicano un Isp solo un pò più alto per il metano (solo 10s) rispetto al Kerosene a parità di ciclo termodinamico, che però è controbilanciato in negativo da un aumento di massa del motore (minore densità = turbomacchine più grandi) e da serbatoi più massicci ( minore densità e prop. criogenico) che provocano un aumento delle dimensioni del booster e quindi maggiore drug.
Attualmente considerando vantaggi/svantaggi è ancora in leggero vantaggio il kerosene che però presenta ancora alcuni problemi relativamente alla riusabilità (coking e soot)

Ciao

Sono d’accordo con Buran, anche se in assenza di un banco prova realmente funzionante chi deve studiare nuovi sistemi per il primo stadio continua a preferire la combinazione LOX/Kerosene, tenendo presente che i russi hanno fatto molti studi sulla riutilizzabilità di tale propellente cercando di risolvere quei problemi che Buran ha giustamente posto in evidenza.

Sembra che siano stati fatti dei progressi nel motore LOX-Methane con una prova di accensione di 103 secondi.

http://www.spaceref.com/news/viewpr.html?pid=19608