Nel 2019 debutterà la nuova capsula cinese con equipaggio

Nuovo articolo di Simone Montrasio pubblicato su AstronautiNEWS.it

3 Mi Piace

Nuovo articolo di Luca Frigerio pubblicato su AstronautiNEWS.it

Quindi la Shenzhou è andata in pensione?

Non ancora. Ci vorrà tempo prima che questa capsula sia utilizzabile. Al momento - per quel poco che sappiamo - la Shenzhou è ancora la capsula considerata per il trasporto di astronauti sulla nuova stazione spaziale.

1 Mi Piace

Rallentamento per le attività cinesi. Molti dipendenti di CNSA e società private appaltatrici erano in vacanza all’estero per il capodanno cinese e non posso tornare in patria per il blocco dei voli.

Nonostante i problemi di cui sopra, qualcosa continua procedere. Arriva infatti la notizia che il 5 febbraio il primo Lunga Marcia 5B è arrivato a centro spaziale di Wenchan, in vista del lancio di aprile.

http://www.xinhuanet.com/english/2020-02/05/c_138758697.htm

Tra l’altro sembra che le API di @astronautibot non abbiano una entry per questo lancio. Chissa perché :thinking:

2 Mi Piace

Versione YouTube

3 Mi Piace

Ma qualcuno sa come si chiama la nuova capsula? :thinking:

1 Mi Piace

Dragon? :smile:

1 Mi Piace

龍 (Lóng) che in cinese vuol dire Drago… :smile: :smile: :smile:

(scherzo cinese!! Per quelli che hanno la mia età e che ricordano il mitico spot della Baby Records).

1 Mi Piace

Interessante la differenza fra la variante normale (Long March 5) e la variante LEO (se così si può definire) Long March 5B. La prima é ottimizzata per carichi diretti verso GTO e Interplanetario, mentre la seconda elimina il secondo stadio e adotta un fairing allungato.

6 Mi Piace

Le notizie spaziali in Cina hanno confermato i test finali del LM-5B, e che la capsula con equipaggio di nuova generazione ha completato tutti i test.

4 Mi Piace

Ammetto che il modo in cui copiano mi da fastidio.
Ecco un post interessante che riguarda la capsula:

Dire che assomiglia ad una Dragon CRS è dire poco.
Però le somiglianze maggiori, a mio avviso, si riscontrano nel modulo di rientro, soprattutto nella forma e nella sezione pressurizzata con i due tronchi di cono superiore ed il cilindro inferiore.

Però mentre la Dragon ha un Trunk e non un vero e proprio modulo di servizio, la capsula cinese (ancora senza nome!!) dispone invece di un modulo di servizio vero e proprio, il quale sembra più quello della Starliner (al netto dei pannelli solari) che altro.

Insomma questa “nuova” capsula cinese sembra uno strano incrocio tra una Dragon CRS (modulo di rientro) e una Starliner (modulo di servizio) con l’aggiunta dei pannelli solari della Shenzhou.

1 Mi Piace

inventare l’acqua calda non ti fa avere un premio, per come la vedo io fanno bene a prendere tutto quello che va bene anche se lo mischiano. Non sono più i cinesi di 20 anni fa, hanno imparato a copiare i concetti senza fare gli stampi dai pezzi finiti…:smiley:

Anche con la Shenzhou i cinesi non si sono limitati alla mera copia ma hanno rielaborato non poco il concetto iniziale della Soyuz.

2 Mi Piace

Questa della Shenzhou e Sojuz è una vicenda molto complessa. Di fatto l’agenzia spaziale cinese comprò i progetti da alcuni ingegneri e dirigenti russi, che ovviamente non erano autorizzati a vendere.
Qualcuno è finito in carcere per questo:

Interessante, ma se costruisci una capsula oggi non credo potresti fare un lavoro troppo originale.
Sfera? Già usata.
Cono? Già usato.
Magari un cubo? Una piramide? Un dodecaedro?
:wink:

1 Mi Piace

Si e no.
Per esempio la Dragon 2, almeno nella sua forma originaria (con l’atterraggio propulso) è abbastanza innovativa se non nelle forme almeno nella sua architettura.
Ad esempio la rinuncia ad un modulo di servizio, in cambio di un mero “trunk” (più elemento strutturale che altro), il desgin volutamente “retrò” ecc,

Ricorda molto anche una versione ingrandita delle capsule recuperabili cinesi FSW utilizzate da metà degli anni '70 per telerilevamento e ricognizione e utilizzate successivamente, dagli anni '90, per ricerche in microgravità. Ultimo volo nel 2016, in una versione aggiornata, con la missione SJ 10.
Non è tutto copiato e comunque una certa convergenza delle forme delle capsule è dovuto alle leggi della fisica e dell’aerodinamica.

4 Mi Piace