Parte la collaborazione con l'ESA?

Secondo questo articolo sembra che l’ESA abbia deciso un periodo di due anni di studi ed una spesa di 19m€ per concordare con i russi un possibile scenario di Clipper/ACTS (Advanced Crew Transportation System). Forse qualcosa si muove… :wink:
fonte: http://www.space.com/news/060623_clipper_esa.html

Sembra interessante… speriamo che cominci a muoversi la mastodontica macchina burocratica europea… forse quando cominciano a esserci soldi in ballo le cose diventano più serie e concrete… in un’alleanza Europa-Russia-Giappone penso che le capacità e le conoscenze ci siano… adesso serva la convinzione…
aspettiamo conferme…

Sergio Vetrella, president of the Italian Space Agency, said June 21 that Italy likely will be contributing to the two-year study effort at ESA in the hope that, by 2008, ACTS’ mission and design are more clearly designed

Voglio l’ARIES … :roll_eyes:

Voglio l'ARIES ...

Secondo me però una cosa non esclude l’altra, nel senso che il design ancora non esiste e quindi il foglio è ancora bianco… bisognerà vedere dove andranno a mirare gli sforzi, ma ora come ora secondo me è ancora in lizza…

Questo è quello che vogliono costruire i russi (a metà tra soyuz,klipper e TKS)

Io non farei molto affidamento sui disegni che cominciano a circolare, visto che non c’è ancora niente di deciso, i disegni tipo quelli di russianspaceweb.com adesso, secondo me, sono poco più che speculazioni… non sappiamo come sarà il CEV che è sbandierato ormai da un paio di anni, figuriamoci se possiamo sapere come sarà un nuovo mezzo semplicemente dopo un accordo di cooperazione e studio…

Essenzialmente un modulo di discesa simil soyuz e una sezione abitabile presa da quella progettato per il Kliper più un upper stage che verrebbe lanciato separatamente per poi attraccare al complesso appena spiegato.Pare che al ritorno dalla missione il tutto attracchi alla ISS per essere rifornita da una nave cargo.Penso che il Moonlight scenario stia facendo breccia infatti dal sito Russianspaceweb:"Accordingly, designs for the circumlunar vehicle were accompanied by ambitious proposals for a space station in the lunar orbit, known by the Russian abbreviation as LOS, and, eventually, by a lunar lander. The unmanned cargo ship powered by electric engines was also proposed for ferring supplies between low-Earth- and lunar orbits. ".Non ricorda un po’ il “nostro” LOOP e EAGLE?Sarebbe perfetto se oltre a LOOP ed EAGLE si affiancasse anche l’Aries ma ho paura di una cosa:in una delle slide di Archipeppe sullo sviluppo dell’aries si vede che esso segue all’USV quindi grosso modo oltre il 2010, mentre gran parte dell’hardware per l’astronave riprodotta nel post precedente è già esistente e testato (nn so in realtà se il modulo di discesa simil soyuz sia ingrandito),questo fatto può andare a svantaggio dello sviluppo della "nostra"astronave biconica?

La domanda è un altra:questo “coso” (certo che esteticamente le astronavi Russe sono veramente orrende,ma questo è un altro discorso) costerebbe meno dell’ARIES? perchè,parlimamo chiaro,“grana poca,lassù non si gioca”.

La domanda è un altra:questo "coso" (certo che esteticamente le astronavi Russe sono veramente orrende,ma questo è un altro discorso) costerebbe meno dell'ARIES? perchè,parlimamo chiaro,"grana poca,lassù non si gioca".

Non sono sicuro che questo “coso” costi meno di un ARIES. Come già scritto nel Forum americano, l’utilizzo di cose già progettate “sic et simpliciter” non significa automaticamente l’abbattimento di costi e tempi.

D’altra parte a me sembra che, aldilà di una comune matrice tecnologica (così come per il Moonlight), questo progetto russo sia comunque quasi tutto nuovo. La sezione orbitale progettata, ma non costruita per il Kliper, è più grande di quella di una comune Soyuz TMA, e anche il modulo di rientro per poter ospitare 4 astronauti deve essere pantografato e quindi riprogettato. D’altra parte il loro “lunar stage” è comunque nuovo.

Quindi a conti fatti sia per questo scenario russo che per il Moonlight l’attività progettuale (con tutti i costi annessi) è predominante rispetto al resto… :?

Allora,a parità di costi o anche in presenza di una leggera convenienza economica del “coso” Russo,meglio l’ARIES (faccio “l’avvocato del diavolo”,perchè se dipendesse da me sceglierei in ogni caso l’ARIES ,veicolo molto più versatile e promettente).Ma non è che i Russi sentono l’affare joint-venture sfuggirgli di mano e rincorrono gli Europei con i concept più svariati,della serie" Ehi,pssss,interessa un lifting body? no,eh,allora avrei una capsula che è le sette bellezze"…

Ma non è che i Russi sentono l'affare joint-venture sfuggirgli di mano e rincorrono gli Europei con i concept più svariati,della serie" Ehi,pssss,interessa un lifting body? no,eh,allora avrei una capsula che è le sette bellezze"....

A quanto mi risulta non sei molto lontano dalla verità… :wink:

Si tratta di calcoli di alta politica… :smiley:
Comunque, volgio sperare che se l’ESA volesse mai dar corso ad un suo programma di accesso umanio allo spazio, o di esplorazione lunare, lo faccia in un’ottica di massima modularità espandibilità e riutilizzabilità, come lo splendido progetto Moonlight ci ha insegnato nelle sue varie componenti.

Si tratta di calcoli di alta politica... :smiley: Comunque, volgio sperare che se l'ESA volesse mai dar corso ad un suo programma di accesso umanio allo spazio, o di esplorazione lunare, lo faccia in un'ottica di massima modularità espandibilità e riutilizzabilità, come lo splendido progetto Moonlight ci ha insegnato nelle sue varie componenti.

Sarò monotono … vedo solo ARIES :roll_eyes: