Piccolo Tour dell'EAC

Dato che venerdì scorso ero, per ragioni di lavoro, presso il centro ESA/EAC (European Astronaut Centre) a Colonia, ho scattato alcune foto (purtroppo col cellulare ed in bassa risoluzione) delle facilities presenti, per darvi modo di poter effettuare un piccolo “tour” del centro addestramento astronauti.

Commento alle foto:

  1. All’ingresso dell’EAC è presente questo bel modello della ISS, configurazione 2003-2006, in sezione. Naturalmente nella Hall è appeso al soffitto un modello scala 1:50 (quindi enorme) della ISS in configurazione finale.
  2. Qui siamo all’interno della “Training Room” (originariamente concepita come Clean Room per il programma Hermes) che ospita una serie di simulatori della ISS, il principale è questo simulatore dello Zvezda (Service Module) con attaccato nella parte posteriore il modello ingengeristico dell’ATV, quello raffigurato è il lato destro.
  3. Sempre nella “Training Room” c’è questo bell’assieme che rappresenta il nodo 2 (al centro), il Columbus (a sinistra) ed il laboratorio Giapponese (a destra).
  4. Un altro simulatore del Columbus, quello a sinistra è un mock-up mentre quello a destra è un simulatore virtuale dotato di “touch-screen” che rappresentano i vari rack (Biolab, EDR, EPM ed FSL) presenti all’interno del Columbus.
  5. Il lato sinistro del simulatore dello Zvezda con il portello di accesso.

Altre foto dell’EAC:

  1. Un bel modello dell’ATV (scala 1:10) utilizzato per fini didattici ed illustrativi.
  2. Il pannello descrittivo del modello dell’ATV.
    8 ) Adesso ci siamo spostati nella Control Room dell’EAC (utilizzata solo per fini didattici e simulativi) presente al primo piano della palazzina, alla postazione Eurocom (l’equivalente europeo del Capcom americano) siede il molto sorridente Frank Salmen, mio collega ed amico, ripreso durante la pausa di una simulazione per le attività del Columbus.

Grazie Peppe per questo breve ma esaustivo “assaggio” … chissà mai che un giorno non si possa organizzare una visitina come stiamo facendo per il KSC … :smiley: Tu potresti fare da cicerone …

Già… veramente interessante! :wink:

All’EAC sono previste delle visite organizzate, specie se di gruppo, per quanto riguarda il sottoscritto sarei ben lieto di fare da cicerone ma comunque esistono delle persone che si occupano appositamente di questi aspetti… :slight_smile:

Come mai la rirproduzione di Kibo è così corta?
il modulo giapponese non dovrebbe essere addiritura maggiore del Columbus?

N:B.: quale è il motto dell’europa? Uniti si fa di più!, o qualche altra amenità del genere :rage:

Talmente amenità che è lampante che nessun paese è stato in grado di costruire autonomamente quello che i paesi insieme sono riusciti a fare con la ISS e Columbus o una serie di sonde interplanetarie e/o scientifiche che “rivaleggiano” solo con quelle americane…nessun paese singolo europeo è stato in grado di fare tanto… e solo INSIEME si può fare quello che si vede oggi…
proviamo a non fare sempre demagogia…

Albyz ha ragione, solo insieme (nel bene e nel male) si può combinare qualcosa di buono.
In tal senso, il paese europeo che ha fatto di più da solo è stata la Francia, ciononostante non è riuscita nemmeno ad avvicinarsi a quanto fatto dalla Cina, senza parlare di Russia ed America.

Altre foto “fresche fresche” dall’EAC, dove sono stato di corvé…emh…volevo dire al lavoro ieri. :stuck_out_tongue_winking_eye:

  1. Foto d’insieme dell’Hangar (ex-Hermes) dove si trovano i simulatori, alla sinistra la lunga fila di “uffici” che ospitano i vari Training Model dedicati ai rack scientifici presenti a bordo del Columbus (EPM, Biolab, EDR ed FSL) mentre a destra si vede il dietro del simulatore dell’ATV.

  2. Ingresso del simulatore del Service Module “Zvezda” situato sul lato destro (si accede tramite una passerella metallica).

  3. Interno del simulatore dell’SM guardando verso “Zarya”, si possono notare un gran numero di sedie da ufficio utilizzate dal personale ESA durante le sedute di simulazione.

  4. Interno del simulatore dell’SM guardando verso poppa (dove si trova l’ATV), in piedi Stefano Calisi (Thales Alenia Space di Torino) tra i responsabili della realizzazione dei due simulatori.

  5. Interno del simulatore dell’SM guardando attraverso il portello di collegamento con l’ATV (di cui si intravede l’interno).

  1. Interno del simulatore dell’ATV, vista generale guardando verso prua (ossia verso l’SM).

  2. Particolare del simulacro del portello dell’ATV che riproduce il sistema di attracco russo.

  3. Interno del simulatore dell’ATV, vista generale guardando verso poppa, ossia verso il modulo di servizio (che non è stato riprodotto), laddove si trova la porta di accesso al simulatore (sempre attraverso la passerella metallica).

  4. Ancora Stefano Calisi che illustra la parte destra del simulatore dell’ATV con le varie “scansie” che ospitano le CTB (Crew Transportation Bag).

Con quest’ultima foto si chiude questo “piccolo” tour dell’EAC.

Grandissimo Archipeppe!!! :smiley: :smiley: :smiley:
Io comincerei a pensare seriamente ad un Tour all’EAC… :kissing_heart: :money_mouth_face:

La foto che indichi come la numero 5 non è tra gli allegati, a me ne compaiono solo 4. :?: