Prima prova in quota dei paracadute di Dragon V2

Un altro test dei quattro paracadute si è svolto la settimana scorsa nei cieli del Nevada.

Effettuato il test numero 16 dei paracadute.

Tutto quel dondolio della Dragon non mi piace affatto.
Poveri Astronauti !

Carmelo saranno i sensori a dire se i parametri sono entro la norma oppure no.

Saranno pure nella norma…ma gli Astronauti vomiteranno l’anima.

domanda forse stupida, perché quattro paracadute?

Direi perché 4 è circa il numero minimo percui il fallimento di un paracadute non fa troppa differenza. Spiego: se ce ne fossero 2 e ne fallisse 1, perderesti il 50% della frenata e ti schianteresti. Se ce ne fossero 10, il sistema sarebbe troppo complesso e costoso. Probabilmente 4 è il miglior compromesso con i materiali usati, costi dei sistemi ecc.

Parlando di capsule e paracadute per fare un confronto la navicella Apollo ne aveva 3 e pure la nuova capsula Orion.

La Soyuz ne ha ben uno solo!

… più uno di backup però! se non va il primo parte il secondo. Un approccio scelto anche da tutti i paracadutisti!

C’è da dire anche che la Soyuz è piu leggera dell’Apollo e della Dragon 2. E possibile che paracadute più grandi di un tot non siano altrettanto efficienti/sicuri.
Anche la Gemini, piĂą piccolina, aveva un solo paracadute.

recente test dei paracadute di Dragon per simulare la condizione dell’abort in volo

1 Mi Piace

Riporto il link all’articolo del blog NASA dove vengono approfonditi i risulati dei vari test effettuati sui paracadute.
Il test del video si riferisce all’apertura dei paracadute in caso di rotazione della capsula a bassa quota ( the vehicle is tumbling at low altitude ) a seguito dell’abort.
https://blogs.nasa.gov/commercialcrew/2019/09/17/commercial-crew-program-testing-fosters-improvements-in-parachute-safety/

Esatto, il modulo di rientro Soyuz è veramente piccino…e un po’ di velocità viene dissipata all’ultimo con l’accensione dei razzi all’atterraggio. Va anche detto che a differenze delle altre capsule atterra sul duro terreno