Profilo di lancio del Mercury-Redstone

Qualche giorno fa mi sono goduto il bel film “Il diritto di contare” (Hidden Figures) dedicato alla immensa personalità di Katherine Johnson.
Durante il film viene rappresentato il lancio della MR-3 di Alan Shepard.

Durante il lancio si vede distintamente la sezione con i quattro alettoni distaccarsi dal corpo centrale del razzo, cosa che non trova riscontro nei vari profili di volo che ho consultato nel corso degli anni (anche per realizzare il mio libro “Spacecraft”).

Eppure questo film è stato realizzato con la “benedizione” della NASA, il cui ufficio storico non si sarebbe mai lasciato scappare un errore così marchiano.

Pertanto mi chiedo qualcuno ha un profilo di lancio del Redstone in cui si vede il distacco della sezione con gli alettoni?

Che senso avrebbe?
Liberarsi di massa una volta che le superfici aerodinamiche risultino inutili in alta atmosfera?

Parrebbe di si, ma come ho scritto essendo un volo suborbitale ed essendo il Redstone un derivato diretto della A4/V2 questo per le versioni militari non era previsto.

A meno che, proprio nel caso della Mercury (che pesava 1.200 kg) anche liberarsi di quel peso avrebbe allungato sia l’apogeo sia la traiettoria, ma sto tirando ad indovinare…

Oppure l’hanno fatto per dare spettacolarita’ al film e la benedizione di NASA non presuppone la conferma della perfetta accuratezza di quanto presentato.

Per ogni film basato su fatti veramente accaduti in rete si trovano le liste dei dettagli non in linea con la realta’, spesso fa parte del contenuto delle interviste ai veri protagonisti delle vicende reali.

Su Youtube è possibile vedere l’intera sequenza dalla quale si evince distintamente la separazione della “Tail Unit”_

image

Se ne discute in maniera diffusa anche su Rocketryforum , senza peraltro arrivare ad una risposta univoca:

Qui, figura 3-5 a pag.33, dopo la ‘tower separation’ c’è ‘tailoff’.
Ma non trovo altri indizi a riguardo sul documento…

Ascoltando l’audio completo del lancio di Shepard non c’è traccia di tale separazione, ed un passo così importante non sarebbe certo rimasto fuori dalle comunicazioni t/b/t.
Possibile che si siano confusi con l’Atlas.

Io sono dell’idea che nel film vi sia un errore, il Redstone non sganciava la tail unit.

Molto probabilmente è stata fatta confusione con l’Atlas, che sganciava una sezione motore durante l’ascesa.

L’Atlas come profilo di lancio nominale, prevedeva la separazione della “tail unit” con due motori definiti come “boosters”, mentre restava attivo e congiunto al razzo il solo motore centrale definito come “sustainer”.

Anche io comincio a pensare che abbiano fatto una sorta di “mix” rappresentando una sorta di MR/MA launch. Però poi nel corso del film (verso il finale) viene comunque rappresentato il lancio di Glenn, per cui…

2 Mi Piace


(fonte https://history.nasa.gov/SP-45/fig4.5.htm)
Sia nell’immagine che in tutto il testo https://history.nasa.gov/SP-45/ch4.htm
non si parla di separazione fra comparto alettoni e resto del razzo.

Infatti e proprio su questa reference mi sono basato per realizzare il mio disegno sul lancio di un MR, postato all’inizio del tread.

1 Mi Piace

Nello stesso documento, la figura 6-11 credo fornisca la risposta definitiva :

Interessante, questa sembra una proposta di recupero del Redstone.
Mi pare sia rimasta sulla carta, non credo sia mai stata tentata una cosa del genere.

1 Mi Piace

Se non 60 anni dopo di questi tempi…

Non proprio.
Questa modalità di recupero del booster a mezzo paracadute, ricorda molto il recupero dei due SRB di uno Shuttle.

Volendo essere pignoli sono passati si e no 20 anni prima dell’implementazione di questo concept.

Parlavo dell’Electron…

Penso (a mio modestissimo parere) che abbiano realizzato una sola simulazione del lancio che poi sia stata utilizzata per entrambi i lanci con inquadrature diverse, dando l’idea che siano state fatte due simulazioni differenti. E la cosa ha (dal punto di vista di Hollywood), la sua logica per risparmiare sui costi di produzione, e a parte noi appassionati tra il pubblico che vede il film non se ne accorge nessuno.

Nel film il lancio di John Glenn è rappresentato correttamente con la CGI anche del razzo Atlas:

Pertanto la simulazione unica per entrambe i lanci è da escludere.
Di seguito anche un’intervista al team degli SFX:

Ricordo che avevano pensato anche al recupero del primo stadio del SaturnoV
unnamed
fonte http://www.collectspace.com/ubb/Forum29/HTML/000880.html

Ma andiamo OT