Quanto è costata alla NASA la nuova Dragon di SpaceX?

Giusto, anche perché in fondo si tratta di soldi ricevuti per commesse, mica regalati!

1 Mi Piace

Cambia enormemente, perché uno lo fa per scelte politiche e quindi non gli interessa andarci in perdita (vedi NASA), l’altro invece lo fa solo se c’è una convenienza economica.

Poi è chiaro che chi lancia oggi con SpaceX ed ha una convenienza economica, ce l’ha grazie al fatto che la NASA ha finanziato SpaceX in perdita per un decennio. Perché nessun investitore privato accetterebbe mai un investimento in perdita per 10 o 20 anni senza una garanzia di guadagno.

E non c’è niente di male, anzi è una cosa buona: uno dei compiti dell’agenzia pubblica è quello di finanziare le aziende private, andandoci anche in perdita, per cercare di creare un mercato che altrimenti non esisterebbe.

Quello che non mi va giù è quando non si riconosce questo ruolo delle agenzie e anzi le si denigra gridando al miracolo del “privato”.

E lo dice uno che lavora da anni in un’azienda privata, in un progetto che si autodefinisce commerciale allo stesso modo di SpaceX, e che allo stesso modo non riuscirebbe ad esistere se non ci fosse l’agenzia (in questo caso ESA).

PS: Musk da qualche tempo ha smesso di evidenziare questi contrasti privato vs. pubblico e anzi si è allineato con NASA, il che me lo ha reso un po’ più simpatico :slight_smile:

5 Mi Piace

Grafico interessante, ma IMVHO sta paragonando mele con pere, se non per Starliner.

Per quanto sia figa la Dragon sul Falcon e siano quello che serve oggi, con quelli non ci arrivi sulla Luna e non ci costruisci una ISS, Mercury e Gemini erano gli inizi e il prezzo della Soyuz ha un surplus dato dal fatto che i Russi ci hanno sempre mangiato su…

Però per quanto riguarda la Soyuz, il prezzo che pagava NASA è quello citato. Era stato condiviso qui mi pare su FA un grafico, e immagino tu (posso darti del tu?) ne sia a conoscenza, di quanto sia lievitato il prezzo di un seggiolino Soyuz dopo che STS è terminato, quindi confrontare Soyuz, Crew Dragon e Starliner ha senso, gli altri un po’ meno, soprattutto per il contesto geo-storico-politico in cui sono nati, cresciuti e morti.

Alwyas my 2 cent

E spero che si sia concordi tutti nell’affermare che sarebbe stato da stupidi per Roscosmos non aumentare i prezzi delle Soyouz, dal momento che avevano il monopolio del settore. Penso che la stessa cosa sarebbe successa a parti invertite (russi dipendenti dagli americani) e a maggior ragione con un’azienda privata.

1 Mi Piace

Ma anche secondo me non c’è nessun contrasto tra pubblico e privato, anzi. Come dicevo prima se pure le scelte della Nasa sono di origine politica, la ragione di quelle scelte alla fine è comunque economica.
Se anche la Nasa avesse finanziato Spacex per un miliardo di dollari, e se sono veritieri i dati dello dei costi per singolo astronauta riportati sullo schema qui sopra, significa che ogni lancio con 3 astronauti la Nasa risparmia circa 150 milioni di dollari.
Con sette lanci già è rientrata dell’investimento. A me pare una cosa vantaggiosa anche solo da un punto di vista economico, no?

3 Mi Piace

Certo che puoi darmi del tu :slight_smile:

Quello che volevo dire è che quello della Soyuz è il prezzo per gli americani, non il costo vero e proprio.

È vero che Dragon è più economico per gli USA della Soyuz, ma probabilmente non lo è in senso assoluto.

Credo che per gli USA fosse molto più importante avere una capacità di accesso allo spazio indipendente, senza dover mandare su e giù ogni volta uno spazioplano enorme e con capacità sovradimensionate rispetto a quello che serve oggi (ovvero lo Shuttle).

Non a caso l’hashtag non era “launch cheap” ma “launch America” :smiley:

Ed è il motivo per cui, anche se Boeing costa di più, continuano a finanziare Starliner.

5 Mi Piace

Il costo per il programma Apollo, 390M$/posto, è interessante perché confrontabile con la stima del costo per un volo cislunare turistico con Space Adventures che era circolato alcuni anni fa, 150M$/posto.

3 Mi Piace