Sette pianeti di tipo terrestre individuati a 40 anni luce di distanza


#1

#2

Complimenti per l’articolo, come sempre il meglio che si trova in rete :beer:

Leggo 40 anni luce e non posso non pensare ai decenni che ci sono voluti per scoprire che il nostro ultimo non-pianeta aveva un cuore grande così da farci vedere, e ci è voluto un anno di trasmissione per avere i dati a casa, seppur da “così vicino”…
Ma daltr’onde, se uccidiamo il romanticismo dell’esplorazione, cosa ci rimane?

Alla via così! :clap:


#3

Concordo ottimo articolo come sempre. :wink:


#4

Il video della conferenza in cui sono stati annunciati i sette pianeti.


#5

Possibile diffusione dei mattoni della vita grazie ai meteoriti.

http://m.pnas.org/content/early/2017/06/12/1703517114.abstract


#6

“Determinata” l’età della stella, almeno 5,4 miliardi di anni.


#7

Articolo interessante, Massimo! Pianeti “simili alla terra” che compiono una rivoluzione attorno al loro sole in 1,5gg - 2,5 gg subiranno certamente delle forze mareali spaventose. Per quello oltre che per la loro età sono in rotazione sincrona. Esiste uno studio che definisce poco probabile la presenza della vita in queste condizioni. Però… chissà, di esobiologia ne sappiamo ancora troppo poco.