Starship - Starbase / Boca Chica

In realtà il ghiaccio potrebbe essere un problema per Starship, ma in modo diverso. Fra lo scafo e le mattonelle termice nere vi è uno strato di tessuto isolante termico di natura fibrosa. Se questo dovesse impregnarsi di acqua, potrebbe creare dei problemi nel momento in cui vengono caricati i propellenti criogenici. Non so che misure intenda adottare SpaceX per mitigare il problema.

3 Mi Piace

Se i piani non sono cambiati si, sarà a perdere (ma d’altro canto faccio fatica a pensare che vogliano rischiare Mechazilla al primo colpo).

Comunque da fonti piuttosto affidabili (Alejandro Alcantarilla, scrive per NASASpaceFlight) pare che sia B4 che S20 non voleranno. Il booster in lizza per il primo lancio attualmente è B7 e S20 non è compatibile con esso. Ignoro quale Ship sia attualmente la prescelta.
A quanto pare B4 non verrà neppure utilizzato per lo static fire.

Ma si sanno le motivazioni per cui B4 non verrà usato (nemmeno per uno static fire) nonostante continuino a lavorarci? E come mai non ci sia compatibilità tra B7 e S20?

Seguendoli da tempo, anche senza togliere nulla alla loro serietà, se non hanno una gola profonda in SpaceX (possibile ma improbabile) queste decisioni sono educated guess fatte sulla base dei lavori che vedono in cantiere.
Magari hanno ragione eh, ma non prendiamo NSF come fonte primaria, ecco.

5 Mi Piace

Divertendoci a fare un po’ di speculazioni: anch’io sono convinto che B4 non volera’, anche se mi sembra assurdo che non lo utilizzino come test per diversi static fire. Mentre sono convinto che SN20 non volera’ e credo piu’ probabile che tocchera’ a SN21.

Mi sembra comunque assurdo tutto il lavoro che stanno facendo su BN4, sopratutto sulle coperture, che a questo punto paiono inutili

Attività del 13 gennaio.

1 Mi Piace

Beh, evidentemente lo stanno usando come pathfinder per valutare il processo produttivo dei booster… e rispetto a manipolo di Raptor lì sotto penso che qualche copertura in lamiera rappresenti davvero uno spreco molto ridotto.

Lo strato fibroso è sicuramente HTMW ceramica o aerogel, ed entrambi sono disponibili in versione idrofobica a quanto mi risulta.

3 Mi Piace

idrofobica ok ma non al vapore. È una osservazione centrata e potrebbe coadiuvare il distacco delle piastrelle che abbiamo visto

Entrando anch’io in questo gioco, scommetto invece che B4 e S20 voleranno (e che tra un pò cominceranno gli static fire con B4)

Ricordo che il volo previsto a Marzo è un volo sub orbitale (e che sono molte le cose da provare)
Per inciso credo che sia FAA ad essersi “sintonizzata” con SpaceX e non viceversa. Ci sono ancora molte cose da fare prima del lancio e due mesi ci vogliono tutti

Comunque va detto che, al netto dei tempi “Musk”, se riuscissero a lanciare a Marzo sarebbe comunque un grandissimo risultato …

2 Mi Piace

Sicuro che il lancio a Marzo sara’ sub?
Forse questo cambierebbe un po’ le cose…

Le indicazioni in bilingue mi fanno pensare che a Starbase lavorino molte persone dal vicino (4km) Messico.
In effetti noi non ne parliamo molto, ma credo che la base di Musk abbia creato molti posti di lavoro nella zona.

2 Mi Piace

Si, anche se è prevista quasi un’intera orbita …
il rientro è previsto alle Hawaii

Il primo (e più importante) successo sarebbe partire … senza distruggere la rampa di lancio
Subito dopo (come importanza) la separazione Starship - Booster con accensione della Starship

Raggiunte queste due la missione può già considerarsi un successo.

Poi:

  1. Il booster deve almeno provare a riaccendersi e a dirigersi nella zona di rientro prevista (Golfo del Messico)
  2. La Starship deve rientrare in atmosfera senza esplodere e …
  3. … deve riaccendere i motori e simulare (in mare aperto) un atterraggio

Questi ultimi obiettivi sono … ad alto rischio, ma, raggiunti i precedenti, la missione si potrebbe sicuramente considerare un successo

10 Mi Piace

Mi spiace, ma non lo so neppure io. Comunque non verrà utilizzato per il test orbitale e static fire, ma questo non vuol dire che non verrà utilizzato per altri test (es: Mechazilla).

Aggiungo una piccola nota personale, avevo già sentito dei rumors sul fatto che B4 non avrebbe volato alcune settimane fa, ma non sapevo quanto fosse affidabile. A quanto pare erano fondati.

Connettori e meccanismi di sgancio diversi.

Non so chi sia la loro fonte primaria, ho scritto “pare che” appunto per questo. Detto questo, anche ammesso che le fonti siano affidabili uno dei problemi di predire cosa succederà a Starbase è che i piani possono cambiare e cambiano molto rapidamente, e le informazioni ufficiali di SpaceX sono molto poche.

Il ghiaccio si forma regolarmente sul metallo “nudo” dei booster ogni qual volta vengano immessi dei liquidi criogenici per via dell’umidità atmosferica (sempre presente in una località vicina al mare). Ripeti il processo per molte volte (è un veicolo riutilizzabile) e la cosa potrebbe diventare un problema.

Bisogna tenere conto anche delle limitazioni ITAR. Non sono pochi gli statunitensi che non parlano inglese ma spagnolo

Sorvolo del 14 gennaio.

3 Mi Piace

Attività del 14 gennaio.

2 Mi Piace

Per chi volesse una analisi dettagliata dello stato di avanzamento dei lavori della wide bay, qui ci sono molti dettagli, con frequenti aggiornamenti.

7 Mi Piace

Attività del 15 gennaio.

3 Mi Piace

Attività del 16 gennaio.

3 Mi Piace