Storico decollo di un Soyuz dallo spazioporto europeo di Kourou

#1

La missione Soyuz VS01 è decollata dallo spazioporto europeo di Kourou, in Guyana Francese, alle 12:30:26 CEST di oggi 21 ottobre 2011.
Il lancio, dopo un primo tentativo abortito ieri per un problema al sistema di rifornimento del terzo stadio, è avvenuto oggi senza nessun intoppo.

Il vettore ha immesso in un’orbita di trasferimento il prezioso payload, che consiste nei primi due satelliti della costellazione Galileo, il nuovo sistema di navigazione satellitare dell’UE. Nelle prossime ore avverrà una seconda e una terza accensione dell’ultimo stadio del lanciatore (denominato “Fregat”) che inseriranno Galileo IOV-1 e IOV-2 nella loro orbita definitiva a 23.222 km di altitudine, inclinata di 54,7°.

Soyuz è uno dei lanciatori ad oggi maggiormente utilizzati, e vanta all’attivo più di 1770 missioni. Quello di oggi è il primo lancio di un vettore Soyuz al di fuori dagli spazioporti di Baikonur in Kazakistan o di Plesetsk in Russia.

Questo volo di esordio rappresenta l’introduzione del vettore di classe media nella famiglia di lanciatori gestiti da Arianespace, di cui fa parte anche il lanciatore pesante Ariane 5. La gamma di vettori verrà completata dal lanciatore leggero Vega nel 2012.

Fonti: Arianespace, ESA.

0 Likes

#2
0 Likes

#3

Visto in live stream, complimenti a tutto il team Galileo per la storica doppia “premiere” :clap: :clap:

0 Likes

#4

a different point of view:
http://www.flickr.com/photos/esa_events/62490#A45879/in/set-72157627767903603
http://www.flickr.com/photos/esa_events/6260659092/#in/set-72157627767903603/

0 Likes

#5

Il lancio di un Soyuz fuori dai confiini “sovietici” ha secondo me più importanza storica che il lancio dei primi satelliti di Galileo. E le implicazioni politiche anche qui non sono da sottovalutare. Ricordo che le primi reazioni USA a piani per questo lancio furono completamente ostili, perché in sostanza potrebbe significare permettere ai russi di piazzare un ICBM a distanze tali da non dare tempo di reagire…

Ma alla fine è stato fatto comunque, segno che i tempi stanno cambiando

0 Likes

#6

scusa?!?!?!?!?!?

0 Likes

#7

Può sembrare strano, ma quando permetti a un russo di fare un lancio spaziale dal tuo spazioporto… non è che me lo invento io cmq, ho sentito dal vivo obiezioni di questo genere qualche anno fa

0 Likes

#8

Curiosità: quali modifiche sono state apportate al vettore per adattarlo a questa nuova base di lancio?

0 Likes

#9

La vedo dura trasportare un ICBM via nave fino a Korou, montarlo e issarlo sulla rampa del Soyuz e lanciarlo tenendo conto che Korou è praticamente un’installazione militare francese senza fornire un preavviso a nessuno… sempre che abbia qualche valore strategico o tattico lanciare un unico ICBM a sorpresa.

Mi sembra più che altro un vaneggiamento di qualche vecchio repubblicano statunitense (molto vecchio e molto repubblicano!!) rimasto con i neuroni in piena era Truman. :sunglasses:

0 Likes

#10

Truma era democratico…

0 Likes

#11

E’ vero Smiley!!! Mea culpa. :angel:
Però Truman ormai impersona, nell’immaginario popolare, la paranoia anticomunista degli anni '50 ed è stato l’ideatore appunto della dottrina Truman e dell’uso dell’arma atomica come dissuasore supremo.
Paranoia che soppravvive ancora in questi anni nei vecchi esponenti del partito repubblicano, da sempre oppositori anche della collaborazione con i russi sulla ISS.
Ma questa è un’altra storia. Spesso grossi esponenti repubblicani si sono espressi anche per la chiusura della NASA.

A quanto sembra per la sola ragione che è un ente pubblico! :sunglasses:

0 Likes

#12

Lucio, portando il tuo discorso all’estremo, i democratici andrebbero ancora portati come paladini dello schiavismo, dato che Lincoln fondo il partito repubblicano proprio per avere un partito che, a differenza di democratici e whig, non avesse legami con lo schiavismo.

0 Likes

#13

WOW!! Smiley, mi inchino davanti alla tua conoscenza della storia americana.

Comunque, a parte la mia approssimativa conoscenza delle vicende politiche made in USA, mi rifacevo solo a dichiarazioni di questi anni di qualche compagno di merende di Dick Cheney e di frequentatori di tea party.
I paradossi della politica americana non mi appassionano più di tanto . Già mi stancano quelli di casa nostra, figurati.
Preferisco l’astronautica.

0 Likes

#14

Anche io prefersico l’astronautica, come tutti qui. Ma (in questo tipo di società) l’astronautica non esiste senza politica, visto che ha un’importanza strategica e militare rilevante. E fino ad ora a dominare l’astronautica sono stati gli USA. Quindi per come la vedo io se vuoi capire l’astronautica (e le scelte fatte in questo campo) non puoi fare a meno di studiare la politica americana, insieme ai suoi paradossi, per quanto possa essere noiosa :wink:

0 Likes

#15

D’accordissimo Buzz!! :ok_hand:

E’ che non mi ero spinto indietro fino a Lincoln e alla guerra di secessione americana. :roll_eyes:

Vedrò di coprire questa mia lacuna. :flushed:

0 Likes

#16
sempre che abbia qualche valore strategico o tattico lanciare un unico ICBM a sorpresa.

un utilità strategica c’è : annullare tutte le capacità di comunicazione e l uso degli strumenti elettronici non schermati sul paese colpito , per via del EMP nucleare .per poi seguire con un attacco con forze maggiori

in “uragano rosso” di Tom Clancy c’è un passaggio che spiega questo timore , è uno dei motivi per cui TUTTI i lanci erano seguiti con molta apprensione .

chiaro che ,oggi , l’ICBM è solo un pretesto per protestare visto che non va a genio che l’europa teoricamente abbia la possibilità di fare voli manned e gli usa no

0 Likes

#17

Niente che non si possa fare con un buon SSBN, che UK, Francia e Russia possiedono.

0 Likes

#18

Claro que si!!

Interessante anche la teoria del’EMP.
Restando nel tecnothriller alla Clancy si potrebbe ipotizzare un ordigno nucleare nascosto in un satellite per telecomunicazioni lanciato da un Soyuz o celato nel terzo stadio del missile.
La guida del missile potrebbe essere piratata poco dopo il lancio, dirigendolo verso gli Stati Uniti.
Un missile lanciato dall territorio russo si occuperebbe di accecare i radar e le basi in Alaska. :sunglasses:

Vendiamo i diritti, HAL? :star_struck:

0 Likes

#19

Ecco!! Battuti dalla concorrenza!! :facepunch:

0 Likes

#20

Un video del lancio lungo più di 26 secondi: http://www.youtube.com/watch?v=dWaTjLH8_Js#ws

0 Likes