STS-122: Osservazioni

Ho aperto un nuovo thread perchè la missione che dovrebbe iniziare Giovedì prossimo dovrebbe offrire ottime possibilità osservative.
A cominciare dal giorno successivo al lancio in cui per alcune regioni del nord ci sarà un primo passaggio della ISS e dello Shuttle in fase di avvicinamento molto alto in prima serata. Un ulteriore passaggio molto alto ci sarà due giorni dopo, il 9 Dicembre, mentre due astronauti saranno in EVA all’esterno della ISS e lo Shuttle agganciato.
Altre opportunità, a seconda della regione da cui osservate saranno presenti lungo tutta la missione, cercherò di fornire quanto prima i TLE della missione per chi volesse usufruirne sperando che il tempo sia clemente e la missione “on schedule”.

Domanda: ci sono già previsioni sulla magnitudine apparente che la ISS avrà quando sarà completata?

Ti potrei rispondere molto sarcasticamente che non si conosce la magnitudine che ha oggi quindi sarebbe molto avventato cercare di sapere quale che avrà al termine. :stuck_out_tongue_winking_eye:
A parte gli scherzi, prevedere la magnitudine di un oggetto artificiale è veramente molto molto complesso, anche perchè ad ogni passaggio è comunque sempre un po’ diverso.
Questo perchè ad influire sono moltissimi fattori, come ad esempio l’orientamento, la superficie esposta, la colorazione, la posizione, le ombre, la fase…
Predire la magnitudine di un corpo celeste è relativamente semplice, una volta che si conosce approssimativamente l’albedo, sapendo che al 99% dei casi si tratta di un oggetto sferico, senza ombre proprie è subito determinato.
Con i satelliti questo è già di per se molto difficile, con la ISS è poi l’apoteosi della difficoltà visto che il corpo non ha una “forma” geometrica definita, la varietà di superfici diverse è enorme, i colori pure, le ombre delle varie parti della ISS su se stessa sono moltissime e l’orientamento cambia dall’angolo d’osservazione… insomma alla fine la mag. è abbastanza variabile… probabilmente oggi è intorno alla -3/-4, non dovrebbe crescere ancora moltissimo, anche perchè a differenza di quello che spesso si crede la luminosità così elevata non è portata dai pannelli ma dai moduli pressurizzati.
Se si fa attenzione alle fotografie la parte più luminosa sono i moduli e non i pannelli, i quali essendo una superficie piana portano luminosità solo quando sono esattamente in linea fra osservatore e Sole, un po’ come succede con gli iridium, ma questo quando accade, avviene per pochi secondi con piccoli flare, mentre un modulo cilindrico e cromato riflette praticamente da ogni angolazione la luce solare ricevuta, per questo il grande apporto è dato dai moduli pressurizzati (del segmento americano in particolare per la colorazione).
E’ come quando si guardano le macchine passare, le quali essendo abbastanza arrotondate da una certa posizione danno comunque un riflesso da un punto particolare della superficie mentre ad esempio, una finestra piana, per “abbagliarvi” deve avere un’angolazione esatta e appena vi spostate la sua luminosità cala bruscamente (non mi è venuto un esempio migliore… spero sia comprensibile :? )
Forse in certi passaggi potremmo, a mio parere, vedere una crescita di luminosità nelle prossime missioni con Columbus e Kibo, poi la luminosità secondo me dovrebbe assestarsi ed essere quella definitiva visto che sarà comunque difficile essere in una posizione che permetta di vedere la ISS con ulteriore superficie esposta. Perchè se un nuovo modulo prospetticamente va a coprirne un’altro la luminosità totale non cambia, visto che dipende dalla superficie che vedo fisicamente… per questo a mio parere ormai è difficile andare ad aggiungere moduli riuscendo a non coprirne altri e facendo aumentare di conseguenza la luminosità. Vedremo se questa ipotesi sarà confermata…

Mi sono accorto solo ora che mi è venuto fuori un post decisamente prolisso… spero di non aver fatto addormentare nessuno… :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye:

Ottimo riassunto di cose che sapevo già… :wink:

Volevo solo sapere se ci sono previsioni, anche perchè, come dici bene tu, sono i moduli abitativi e non i solar array a dare luminosità (se non in piccola parte).
Come superficie esterna avremo appunto Columbus e Kibo che daranno un aumento di superficie e quindi di luminosità, ma un domani consideriamo anche un ATV e due Sojuz, anche se non essendo veicoli così chiari potrebbero addirittura coprire altre zone.
La mia domanda nasce dal voler capire se sarà mai possibile superare la magnitudine -6 per diventare visibile con la luce del giorno (come succede con gli Iridium): probabilmente in determinate condizioni o assetti sarà possibile.
Considerando che non sanno valutarla neanche ora (come abbiamo dimostrato soggettivamente in diverse occasioni confrontando con oggetti conosciuti), non è evidentemente possibile avere stime per il futuro.
Grazie comunque della risposta. :colonial:

Per la Mag. -6 penso non verrà mai raggiunta… però la ISS è già oggi visibile di giorno, certo bisogna sapere dove guardare, ma ci sono foto riprese durante le ore diurne, te ne metto una di esempio, ovviamente non mia :smiley:

-6 è la magnitudine limite per la visione ad occhio nudo… :wink:

Bellissima foto, non sarebbe male riuscire a farle!
Che attrezzature hanno utilizzato?

Beh Venere è visibile ad occhio nudo se il cielo è terso ed è alla massima elongazione dal Sole anche in pieno giorno.

Per la foto è stata fatta con un Celestron 8" e Vesta Pro da Etienne Simian nel sud della Francia il 7 Maggio scorso.

In mancanza di un sistema di puntamento “terrestre” affidabile (una montatura superstabile e tarata), Venere o la Luna sono quanto di meglio si possa volere :smiley:

Albyz, ci sono altri oggetti visibili di giorno da usare come riferimento?

Mai venuto in mente nient’altro… :smiley: magari una supernova ben visibile nel punto giusto… :stuck_out_tongue_winking_eye:

Come promesso ecco il file con i TLE fino al docking.
Gli orari sono già i nostri e ho inserito anche il TLE della ISS di oggi, comunque ben utilizzabile per tutta la settimana.
I passaggi sembrano molto buoni praticamente per tutta Italia, per le regioni del nord un passaggio quasi allo zenit il giorno dopo il lancio con la ISS inseguita dallo Shuttle. Il giorno dopo invece, l’8 Dicembre, giorno del docking, ci sarà un passaggio piuttosto basso per le regioni del nord e ancor più basso per quelle del sud, ma a pochi minuti dall’aggancio, con la possibilità di vedere i due corpi a pochissima distanza l’uno dall’altro.
Il 9 cominceranno una serie di passaggi alcuni abbastanza alti, con lo Shuttle agganciato alla ISS, di cui il primo, quello del 9 Dicembre con gli astronauti in EVA.
Stessa cosa ma più bassi quelli dell’11, del 13 e del 17.
Un possibile transito sul Sole il 19 appena prima della separazione per un striscia che attraversa il nord italia da sud-ovest a nord-est intersecando Vercelli e Novara (controllate che non ne abbiate altri in altre zone del Paese), e un paio di passaggi gli ultimi due giorni prima del rientro, una volta separato dalla ISS, abbastanza alti.

Spero di avervi fatto venire l’acquolina in bocca… e TT per il meteo… :wink:

Invito all’osservazione dell’ESA:
http://www.esa.int/esaCP/SEMUL429R9F_Italy_0.html

Purtroppo sono andate in “fumo” tutte le possibilità per la missione shuttle.
Ricordo solo che oggi intorno alle 17:30 ci sarà un passaggio molto alto della ISS… per chi si volesse consolare, visto che sarà l’ultimo di questo “ciclo”…

Non mi pare l’ultimo…
Se non erro avrà passaggi serali quotidiani fino al 23 dicembre… :kissing_heart:

Si beh in effetti non ero andato così avati, però di una certa altezza ce ne saranno solo il 19 e 21…
Comunque per quello di stasera personalmente non ho fatto un gran che… la ripresa che ho fatto non mi è piaciuta molto anche per una serie di inconvenienti che mi hanno fatto un po’ inceppare durante il passaggio (avete presente muovere una montatura equatoriale come fosse altazimutale?)… e non sono riuscito a fare alcuni esperimenti che volevo provare… penso che ne ricaverò solo qualche frame… ho però notato un incremento di luminosità abbastanza accentuato, non so se qualcuno ha seguito il passaggio di stasera e se ha avuto la stessa impressione… l’ultima volta che l’ho vista passare abbastanza alta era con la STS-120 appena sganciatasi… ora nella nuova configurazione mi è sembrata più luminosa, che dite?

Ufficialmente doveva essere un passaggio di mag. -2,4, quindi fra i più luminosi in assoluto…
Se poi hanno sempre sottovalutato la luminosità sarà stata pure di più…

Io ero alle prese con il presepe e quindi nulla!

Beh -2,4 non era di sicuro… a occhio direi -6, sicuramente più di Venere in qualsiasi condizione l’abbia mai visto… qui direi più di -5… ma non mi ritengo un gran esperto di luminosità… soprattutto con oggetti così luminosi con cui è difficile fare paragoni…

Purtroppo fra nuvolo perenne e relazioni varie non sto facendo nessuna osservazione…

Ecco il magro bottino di stasera…
L’ultima è un frame di un IRIDIUM che si è palesato mentre aspettavo e che sono riuscito a prendere mentre la luminosità stava già crollando… è minuscolo… però non credevo si potesse riuscire a distinguere un qualche cosa che non fosse un pallino amorfo… per tutto il resto… aspetteremo occasioni migliori…

Bravo Alby !! :smiley: :smiley:

:angry: io invece, questa sera, faticavo a vedere la casa difronte.
Grazie nebbia :rage: :rage:
Non aggiungo nulla, abito in un posto di M…