The black list. Lista online di siti bufala


#1

> The Black List us sito che raccoglie le varie pagine online di noti bufalisti

Spammate abbestia


#2

Per quanto quel genere di spazzatura sia la cosa più distante da me possibile e capisca le intenzioni di chi l’ha stilata… le liste di proscrizione sono una risposta sbagliata.

Sbagliata perché sortisce l’effetto opposto a quello desiderato nelle persone che, anche senza esserne troppo consapevoli, si rivolgono a quelle “fonti” e perchè BUTAC non è affidabile a prescindere e non ho capito perchè debba fidarmi per forza anche se per la quasi totalità delle persone presenti in questo forum è chiaro che quelli elencati siano siti fuffaioli.


#3

Libertà di scelta di mantenere questa cosa, consapevole che l’utilità rasenta lo zero. Chi non è in grado di accorgersi del livello di ciò che legge crede proprio all’antagonismo ed al complottismo, per cui un sito antibufala è proprio ciò che promuove i siti listati. Chi è in grado di qualificare ciò che legge non ha bisogno del un sito antibufala, che può avere la stessa attendibilità.


#4

Io lo trovo molto utile non per le persone presenti qui, ma per mia madre che ormai, tra canale 5 e Facebook non ha più filtri.

Poi una lista di prescrizione non credo sia una definizione corretta, credo più in una lista di avvertimento.


#5

E’ vero che chiunque di noi dovrebbe essere in grado di comprendere autonomamente l’attendibilità di certe notizie, e dei siti da cui vengono diffuse.
Peraltro in alcune occasioni, a fronte di notizie “curiose” ma non inverosimili (quelle sensazionaliatiche le scarto a priori), una rapida scorsa alla lista mi ha permesso una prima scrematura, senza dover nel caso approfondire.
Che poi questo rapido controllo lo faccia solo chi è già dotato di sani anticorpi, e non la massa di coloro che poi abboccano, è un’altra (triste) storia…