Un "bruscolo nell'occhio" per Rosetta

Lo scorso week end è stato molto duro per Rosetta e il suo team.
La sonda infatti, è entrata in ‘safe mode’ mentre si trovava a 5 km dalla superficie della cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko.
Nel frattempo il contatto con la sonda da allora è stato ristabilito e le squadre di missione stanno lavorando per riprendere le normali operazioni.

“Abbiamo perso il contatto con la sonda il Sabato sera per quasi 24 ore,” afferma Patrick Martin, responsabile ESA della missione . “Analisi preliminare del nostro team di dinamiche di volo suggerisce che i gli star tracker siano stati sviati da una “falsa stella” ovvero sono stati confusi dalla polvere della cometa, come già successo altre volte durante la missione”
Questo ha causato errori di puntamento che hanno attivato la modalità provvisoria. Purtroppo questo tipo di errore nei “sensori stellari” ha attivato una particolare modalità secondaria che richiede un’azione specifica dalla Terra per recuperare il veicolo spaziale.

“E 'stato un fine settimana molto drammatico”, ha detto Sylvain Lodiot, l’operation manager di Rosetta per ESA

"Dopo aver perso il contatto, abbiamo inviato i comandi ‘in cieco’, riuscendo con successo a sbloccare il problema agli star tracker e riportare il veicolo spaziale di nuovo in un “safe mode” stabilizzato sui tre assi in modo da riuscire a riavere di nuovo il contatto con la sonda. Tuttavia, stiamo ancora cercando di confermare la posizione esatta del veicolo spaziale nella sua orbita attorno alla cometa - per il momento (Lunedì mattina NDR) abbiamo ricevuto solo le immagini per la navigazione, le prime da Sabato ".

Come è normale dopo un evento come questo, è stato chiesto più tempo alle stazioni di tracking a terra per fornire sostegno supplementare per il recupero del veicolo spaziale. Il normale slot di monitoraggio della Domenica utilizzando dall’ESA per Rosetta presso la stazione “deep space” di New Norcia in Australia è stato esteso, prendendolo in prestito dalle operazioni per Mars Express. L’invio dei comandi in cieco è stato fatto da New Norcia, e più tardi, la stazione “deep space” Cebreros dell’ESA in Spagna è stata utilizzata per sostenere la ripresa delle operazioni

Per ulteriori informazioni la fonte è

Beh comunque vada, Rosetta é a fine vita: il finanziamento é stato esteso solo per farla schiantare sulla cometa a Settembre. :disappointed:

Non sottovalutare questa fase: prima di tutto non si schiantera’ ma si tentera’ un atterraggio morbido, secondo, lavorando nel settore, vedo coi miei occhi quanto lavoro stanno facendo nel loro Flight Control Team per preparare l’evento…

Ok!
C’é stato anche un precedente con una sonda americana che ha terminato la sua vita su una cometa continuando a funzionare, ora non trovo il nome neppure con google. Incrociamo le dita.

La sonda NEAR sull’asteroide Eros.

Well!
Nonno Apollo é un’enciclopedia vivente. :grin:

Grazie per le info. Sai dirci se il tentativo di atterraggio sia previsto solo come test delle meccaniche di volo intorno a corpi minori, esperienza utile e preziosa per future missioni come ARM e Osiris-Rex, oppure riservi obiettivi di missione ulteriori ?
Giorni fa il team di Rosetta ha tra l’altro confermato di aver rilevato la presenza sulla cometa dell’amminoacido glicina e del fosforo, entrambi componenti base per la vita organica.

Direi per tutte queste ragioni e forse per altre. E anche perché si cerca di ottenere il più possibile da una sonda prima di perderla definitivamente.

Il secondo anno di Rosetta alla cometa.