Urea di origine umana per la costruzione delle future basi lunari

Nuovo articolo di Simone Montrasio pubblicato su AstronautiNEWS.it

2 Mi Piace

Interessantissimo articolo!

Giusto per avere un’idea, quanta pipì servirebbe per costruire ad esempio la cupola rappresentata nell’articolo?

Precisamente non ci è dato a sapere,
ma se devi stampare 1 kg di materiale, il 3% sono 30 gr che sono poco piĂą del contenuto di urea (max 23%) in un litro di minzioni manned.
Quindi poco piĂą di 1000 litri da raccogliere per tonnellata da stampare.
MissĂ  che i Lunauti dovranno bere parecchio o mangiare tante foglie di tarassaco, chiamato anche piscialletto.
:man_farmer:

1 Mi Piace

Diciamo a Musk di non prevedere toilette sulla Starship così quando arriva il carico di 100 persone scaricano direttamente nei serbatoi del cantiere. :smile:

Tornando seri, 16 grammi è il contenuto medio di urea per litro per cui sarebbero circa 1.600 litri per tonnellata. Considerando che facciamo in media un litro di pipì al giorno, un equipaggio di 4 persone impiegherebbe 400 giorni per produrre l’urea necessaria per una tonnellata di materiale da costruzione.

Quindi non sarebbe piu’ efficiente usare un sistema diverso, penso alla sinterizzazione o fusione (disponendo di sufficiente energia) della regolite, per la stampa 3D o per la costruzione di mattoni (magari con forme che ne facilitino la coesione senza collanti - tipo Lego intendo) ?

A totally new meaning to the expression “I piss on it”… (cit)

Interessante, ma… ho qualche dubbio sul vero valore economico di materiale da costruzione sulla Luna basato su un composto organico contenente azoto.

Cioè tutto dipende dal fatto se sulla Luna la costruzione e stampa 3D partirà prima della produzione di cibo nello spazio. Se parte prima la costruzione, ok, c’è risparmio economico.

Se parte prima la produzione di cibo, bisogna considerare dei costi di offset, provo a spiegarmi meglio. L’uomo e le piante non riescono a metabolizzare l’azoto in forma molecolare e sulla terra sono presenti degli attori che mantengono il ciclo dell’azoto stabile. I fertilizzanti sono un esempio, e l’urea è proprio un fertilizzante (usato e collaudato).
Se iniziasse la coltivazione nello spazio, per risparmiare rifornimenti da Terra si dovrebbe utilizzare l’urea come fertilizzante.

Ora, se la costruzione con stampa 3D con urea come collante venisse dopo l’agricoltura spaziale… guadagniamo risorse da una parte che sottriaiamo all’altra, e il vantaggio economico cessa di esistere. (l’azoto è quasi totalmente assente dalla crosta lunare)

Non so se il ragionamento è chiaro…

6 Mi Piace

Mai nessun titolo è stato epurato da ogni “ombra” di sensazionalismo come in questo articolo. Nonostante l’argomento presti il fianco a millemila occasioni per click facili.

Good job @saimoncis!

1 Mi Piace