[2020-08-30] Falcon 9 Block 5 | SAOCOM 1B

Fantastico video del secondo stadio del Falcon 9 nel cielo della Repubblica Dominicana. Vista la traiettoria seguita dal Falcon si tratta di un inedito per gli abitanti di Santiago, l’autore del filmato infatti, come si sente distintamente nel video, non sa cosa possa essere. E come sempre la community di twitter non ha mancato di rispondere

6 Mi Piace

Interessantissimo il passaggio dalla fase transonica al rientro proprio mentre il booster era dentro una nuvola vicino al punto di rugiada, il che ha resto molto ben visibili i “coni di vapore”.

Durante il lancio o nei video di velivoli supersonici non e’ raro vederli, ma in fase di rientro e in soggettiva dalla telecamera di bordo non ricordo casi precedenti.

Cosi’ abbiamo potuto vedere che forma assumono le onde d’urto provocate dalle grid fins, tra l’altro mentre manovrano. Mai visto un video sulla fase transonica di un oggetto cosi’ complesso :smiley:

Per comodita’ metto il link diretto al punto in questione, circa a T+7:20

E qui la pagina di Wikipedia sui Vapor Cone:

Se ho interpretao male il fenomeno correggetemi.

4 Mi Piace

Festeggiamenti vari in casa INVAP main contractor a cui il CONAE ha assegnato design, costruzione, integrazione e testaggio

4 Mi Piace

Scusate ma si è saputo niente del recupero delle semi-ogive (anche dall’acqua)?

2 Mi Piace

ennesimo ma non stanca mai

10 Mi Piace

Quatto quatto il primo stadio B1059 stabilisce due nuovi record di riutilizzo. Tre lanci nel giro di 177 giorni (il precedente era di 190,6 giorni) e quattro lanci in 269 giorni (precedente 289 giorni).

Era dallo scorso marzo che non si assisteva ad un atterraggio alla LZ1, ed anche allora fu B1059 ad atterrarvi.

7 Mi Piace

Non si sa ancora nulla.

1 Mi Piace

Subito dopo la separazione dei fairing, cosa possono essere quelle due strutture che vedo rotolare qui?

2 Mi Piace

Me l’ero chiesto anche io e non ho trovato una spiegazione. L’unica cosa che mi viene in mente potrebbe essere qualche tipo di sostegno per i satelliti in rideshare oppure un supporto per SAOCOM, magari per stabilizzarlo meglio durante la manovra di dog leg, che avrebbe potuto causare movimenti eccessivi. Sono certo che non ci sarebbero stati problemi senza, ma essendo il primo lancio polare con una manovra così, meglio essere protettivi.

Per spiegarmi meglio, potrebbero essere delle strutture metalliche/fibra di carbonio che circondano il satellite e si uniscono nel mezzo.

Ok, non mi sono spiegato meglio di prima, ma non sono nemmeno capace di disegnare…

1 Mi Piace

E giusto per ricordarcelo in futuro, questo lancio è stato effettuato senza Static Fire.

5 Mi Piace

Ma non e’ ghiaccio?

Proprio per le condizioni metero magari se n’e’ formato piu’ del solito.

2 Mi Piace

Immagini di SpaceX/Ben Cooper.

5 Mi Piace

Ghiaccio al 104% :stuck_out_tongue:

4 Mi Piace

Ma non intendeva questo?

Certo. È ghiaccio che si forma attorno a valvole o altre parti di forma particolare e che poi sublimando nel vuoto assume le forme più strane.
Ma resta ghiaccio.

Escluderei sostegni o rinforzi di vario tipo che si staccano: sono un pericolo e un’incognita. Cose che “fluttuano” possono andare a infilarsi/sbattere ovunque, e secondo me, salvo rotture, non ne vedremo se non in condizioni perfettamente controllate.

8 Mi Piace

Sembra che Ms. Chief abbia recuperato entrambe le ogive e che siano intatte.

8 Mi Piace

Ms. Chief è arrivata in porto con il suo carico.

6 Mi Piace

Ms. Chief ha scaricato le semi ogive ed ha nuovamente lasciato il porto per un’altra missione.

2 Mi Piace

Arrivano nel frattempo i complimenti anche da ESA, che si è occupata di gestire le prime fasi di vita del satellite una volta in orbita.

2 Mi Piace

I colleghi di Flight Dynamics di stanza ad ESOC sono stati parte del servizio offerto in supporto al lancio. :clap:

7 Mi Piace