[2022-11-16] SLS Block 1 | Artemis I

C’è qualche dettaglio in giro sulla logica di utilizzo di queste luci?

No, dato che quel punto è stato raggiunto domenica sarà raggiunto oggi.

1 Mi Piace

Sabato è stato superato il punto più distante dalla terra raggiunto da Apollo 13 (400.171km dalla terra), poi Orion ha continuato ad allontanarsi fino a stasera quando raggiungerà circa 435.000km di distanza dalla terra.

4 Mi Piace

Giutso, hai ragione. Correggo il mio post :+1:

1 Mi Piace

Mi ero totalmente perso che dietro l’assistente Callisto ci fosse anche Amazon con Alexa….

Come giustamente dicevi…

3 Mi Piace

Data la macchinosità del precedente servizio via Ustream, NASA ha finalmente predisposto un canale youtube dedicato per la diretta 24/7 di Artemis I.

9 Mi Piace

Immagini ad alta risoluzione del binomio Terra-Luna in arrivo…
Imgur
Imgur
(immagini credit NASA)

7 Mi Piace

Si tratta di un test semiserio ma utile condotto da Lockeed Martin in collaborazione con Amazon e Cisco.
Oltre ad un sistema di teleconferenza derivato da WebEx, a bordo c’è un prodotto derivato da Alexa che consentirebbe all’equipaggio di chiedere informazioni sulla telemetria e altri parametri della capsula tramite interfaccia vocale.

Per ora un semplice esempio di comando vocale che si può dare (lo hanno fatto i controllori da terra) è il classico “Alexa accendi le luci”.

Riguardo ai motivi di mettere led colorati a bordo ricordo di aver letto che si trattava di un’idea volta ad offrire agli astronauti la possibilità di creare ambienti rilassanti, ma non riesco a trovare la fonte quindi prendilo con due paia di molle.

P.S. Cercando ho trovato questa interessante presentazione sull’uso delle lampade nel campo spaziale.

6 Mi Piace

Piccolo approfondimento sulle telecamere che tante soddisfazioni ci stanno regalando. Ecco la loro posizione.

Fonte: NASA

7 Mi Piace

yes, I have:

5 Mi Piace

In generale l’illuminazione della ISS fa un po’ schifo, detto varie volte dai nostri astronauti dopo il loro ritorno. Usiamo delle lampade “antiche”, poco attenuabili (dimmable in inglese, non sono sicuro di come si dica in italiano), non molto diffuse e in una posizione che non sempre aiuta (sono sempre nella parte overhead, che aiuta per mantenere un’idea di sopra e sotto, ma non aiuta se devi lavorare sul deck, dove per esempio sono tutte le interfacce elettriche, dati e fluidiche dei racks).

Spesso ho sentito parlare del fatto che la ISS è un ambiente piuttosto buio, anche quando accendi le luci al massimo.

E le stesse luci vengono usate anche nei crew quarters, che invece sono degli spazi molto piccoli, il che non aiuta quando vuoi abbassare la luce in modalità “leggere prima di dormire” ma al massimo puoi attenuare la lampada al 35%.

Quindi avere delle luci a LED più moderne, che si possono attenuare moltissimo ma che si possono anche sparare al massimo, e più “diffuse” in tutta la cabina, di sicuro sarà un passo avanti rispetto alla ISS.

EDIT dopo che ho riletto il mio messaggio: certo, è facile dire oggi che la luce “fa un po’ schifo”, ma bisogna considerare che quel sistema di illuminazione è stato progettato e costruito ormai 20-30 anni fa, quando le lampadine a LED erano ancora in fase molto sperimentale. Non volevo parlare male della ISS, ma sottolineare che l’illuminazione è una delle cose che naturalmente va molto aggiornata nei nuovi veicoli spaziali

11 Mi Piace

Sempre suggestive le immagini dalla diretta. Danno un’idea di cosa NASA pubblichera’ tra qualche ora in HD.

Credits: NASA

5 Mi Piace

grazie non avevo capito

2 Mi Piace

Chissà se le telecamere (soprattutto quelle esterne) saranno mantenute “di serie” tutte o in parte anche sui prossimi voli con lo scopo di permettere la verifica dello stato esterno di pannelli, ugelli, sistemi… senza dover necessariamente svolgere un’EVA (ovviamente quando la telemetria o i modelli non sono in grado di fornire un esito certo) in caso di emergenza/necessità…

1 Mi Piace

Altro scatto mozzafiato


(immagine credit NASA)

9 Mi Piace

Scambio di tweet tra Eric Berger e Scott Manley, sulla possibilità (invero molto ma molto teorica) che Artemis 1 riesca ad inquadrare i luoghi storici degli sbarchi Apollo:

2 Mi Piace

Inquadrare è possibile, scorgerci qualcosa ho i miei dubbi.

e tra l’altro probabilmente di qualità inferiore rispetto a quanto già fatto da RLO…

2 Mi Piace