ARES V potrebbe essere interessante per Obama?

Anche se la parte lunare del programma Constellation dovesse slittare,sembra che ci sia interesse a realizzare comunque Ares V per progetti spaziali “Obamiani”:

ARES V AND SPACE-BASED SOLAR POWERSATS: THE TIME IS NOW

Aviation Week & Space Technology had an outstanding article on page #52 of its December 8, 2008 edition, entitled “Soft Power.” The article details the requirements for Space-Based Solar Powersats that promise both clean energy and the aerospace infrastructure that is also needed for safe, non-nuclear asteroid deflection methodologies (not mentioned in the article). Large Space Based Radarsats, solar sails, etc–all need large payload shrouds.

The most important paragraph in the powersat article began as follows:

“For the spaceborne end of the system, that would mean payloads too large for today’s fleet of Atlas V and Delta IV Evolved Expendable Launch Vehicles…” (–known as EELVs.)

However–

“The 2007 study didn’t address using NASA’s planned Ares V heavy Lifter,
a shuttle-derived launch vehicle planned to be able to lift more than
400,000 lb. to low Earth Orbit. The space-science community is suggesting
potential uses for the big new rocket (AW&ST Dec. 1, p.27), and it is likely
to figure into future studies of launch requirements for an SSP system as well.”

Space Solar Power (SSP) has great potential seeing that a “‘single kilometer-wide band of geosynchronous Earth orbit experiences enough solar flux in one year to nearly equal the amount of energy contained within all known recoverable conventional oil reserves on Earth today’ the Pentagon report states…a lot of the technologies and the capabilities that are going to lead us to the future are out here.”

Sadly, there are many in the military who have been overtly hostile to space budgets. An Obama Presidency can change this.

One of the biggest advocates of Ares V is current NASA Chief Administrator Mike Griffin a fine engineer, who reportedly had a falling out with the Obama transition team. This is unfortunate, since the real enemies of the Obama Administration are some of those same Red State Alabamians who wanted to force Griffin to use EELVs.

What many Democrats need to know is that the Alabama-advocated EELVs are Red State rockets.

Ares V on the other hand is a rocket to be built in Hurricane Katrina ravaged Louisiana—very much a Blue State which needs aerospace and engineering jobs that Alabama has largely usurped from the rest of the country:

First, California lost many space-related jobs to Alabama.
Ares V construction, on the other hand, would allow JPL
to field better robotic Spacecraft as explained by the current
head of the Cassini imaging team:
http://www.wired.com/politics/law/magazine/16-10/sl_porco

Secondly, Alabama has become a new home to many foreign auto-makers, while its Senators, like Richard Shelby, would deny aid to good, union-employing American car-makers in the Rust Belt. This after Alabama seized rocket production from other states. This is the true price of EELVs.

The enemies of Ares V would put more people out of work in Hurricane ravaged Louisiana.

Lastly, we all remember the tanker fiasco, what with Boeing being sold out to EADS.

Aerospace work cannot be allowed to be concentrated in any one state due to hostile reactions from other states that may fail to support aerospace programs vital to America’s future.

I would thus ask President Obama to keep Mike Griffin as Chief Administratior, and support rushing development of Ares V by cutting the costly Air Force F-22 which cannot give America alternative energy. Many who want peaceful use of space (Space Solar Power) have been discriminated against by warmongers and fighter-jocks who have run the Air Force–and this nation–into the ground.

I therefore call President Obama to raid Air Force acquisitions, cancel the tanker, and support Ares V. Not only is it key to America’s energy independance, but it keeps jobs in America–especially Katrina-hit Louisiana, which has a poor African-American populace that depend on taxes that come from high paying aerospace jobs. I would also ask that Neil de Grasse Tyson and Ms. Porco to take up the banner for Blue-state Ares V. Not Red-State EELVs that are ill suited for the task at hand.

The Vision for Space Exploration (VSE) must continue.

America’s future depends upon it.

http://forum.nasaspaceflight.com/index.php?topic=14928.150
Vedremo.

In sostanza: chiudere i rubinetti ai militari, e in particolare all’USAF, e usare quei fondi per supportare il programma spaziale, implementando nel contempo un programma serio di produzione energetica dallo spazio.
Se Obama ci riesce diventa il mio idolo. Troppo bello per essere vero?

Quoto… troppppooo beeellloooo… :scream:
Speriamo non lo ammazzino prima del 20 gennaio… :rage:

La vedo dura, contro i militari… e la CIA! :thinking:

E’ anche vero che il dipartimento della difesa NON PUO’ cntinuare ad avere un bilancio quasi superiore a quello della NASA,e pure senza neanche uno straccio di programma manned !
La mia sensazione è che in realtà i militari sprechino milioni e milioni di dollari.

Solo una sensazione??? Mi dispiace, ma l’abbinamento delle parole “militari” e “dollari” mi da sempre una certa sensazione di spreco… :rage:

Vai Obama: lasciali al verde!!! :clap:

Intendevo dire che anche
ponendosi per un attimo nell’ottica dei militari e dei loro obiettivi,
questi bruciano montagne e montagne di milioni di dollari per arrivare a risultati spesso inconcludenti.

Avevo capito: la mia era una battuta! :stuck_out_tongue_winking_eye:
Ti quoto al 100%

Se la sua idea è quella di tagliare i fondi ai militari è pura fantasia! Le sue guardie del corpo e la sua scorta, come lo difenderanno dai cattivi? Forse a parolacce?
Se ha intenzione di tagliare i fondi ai militari saranno loro stessi che provvederanno a sistemarlo. Poi non bisogna dimenticare che è grazie ai militari che oggi abbiamo tecnologie come internet, cellulari e altro.Non bisogna disdegnarli per tuto! Militari non vuole dire per forza di cose guerra, ma anche difesa e sicurezza contro il terrorismo. Voi non siete forse contenti che i nostri militari affianchino le forze dell’ordine per la tutela della sicurezza nelle nostre città?

Direi che non si parla di smantellare totalmente l’esercito, che sarebbe pura follia, ma probabilmente si tratta di dirottare qualcosa dell’enorme bilancio USAF alla NASA. Questa mi pare cosa buona e giusta, il programma manned dev’essere maggiormente supportato… no bucks, no Buck Rogers!

Penso che quì nessuno metta in discussione il ruolo dei militari e delle forze dell’ordine in una nazione democratica. Tuttavia, tutti abbiamo la sensazione che le forze armate (e non mi riferisco tanto a quelle italiane, ma a quelle dei nostri alleati, USA in primis) siano abbastanza “viziate” e che a loro vengano erogati finanziamenti sulla parola che se concessi ad altri enti pubblici solleverebbero ondate di scandali. Quì non si sta parlando di non dare più soldi neanche per le uniformi e per gli addestramenti, ma di ridurre un programma spaziale (completamente unmanned) che è inspiegabilmente più alto di quello manned civile. Quante cose potrebbe fare la Nasa con quei soldi? E’ vero che grazie ai militari abbiamo tante tecnologie che oggi sono di uso comune, ma siamo sicuri che i civili non avrebbero saputo fare altrettanto (o anche meglio) con gli stessi soldi? Ricordiamoci che i programmi militari sono per loro stessa natura segreti (o comunque chiusi), e le tecnologie sviluppate diventano accessibili al pubblico solo quando perdono valore strategico. L’esempio del GPS è lampante: esiste da decenni, ma i contribuenti americani che lo hanno pagato possono usarlo sulle loro auto solo da quando i militari hanno “gentilmente” rimosso il degrado artificiale che ne limitava l’efficacia. E ora l’europa spende una marea di soldi per un sistema parallelo sotto controllo civile, solo per non doversi affidare ad una tecnologia “ostaggio” di una forza armata straniera. Non sarebbe stato meglio avere questa tecnologia importantissima da subito sotto controllo di autorità civili?

:ok_hand: Concordo in pieno

Non è compito dei militari la sicurzza interna. Se avviene è sintomo di una nazione disastrata.

Non sarebbe a questo punto più saggio e pragmatico studiare un programma che comprendesse sia obbiettivi pacifici che militari, in modo da usufruire di entrambi i fondi, senza incorrere in un “tiro alla fune” che, come esperienza insegna, finirebbe per “rompersi”? :thinking:

Non guardiamo i finanziamenti all’esercito solo come un loro utilizzo per scopi bellici o di controllo, vengono anche utilizzati per avere mezzi e sistemi funzionanti per garantire la sicurezza all’estero e gli aiuti umanitari.
Giustissimo l’esempio del GPS però, cosa sarebbe potuto succedere, se una tale tecnologia, fosse arrivata in mani sbagliate quando non la si poteva controllare totalmente? Se ora il sistema GPS è stato commercializzato, vuol dire che i militari fanno uso di una tecnologia m9igliore che, allo stesso tempo, permette di controllare questa “vecchia” e quindi di evitare un suo uso improprio.
Io sono favorevole all’aumentare il budget alla NASA, ma senza toccare quello dell’esercito. :ok_hand:

In che modo si può impedire che un terrorista che guida un furgone-bomba arrivi a destinazione usando il suo navigatore satellitare? Ovviamente prima che si faccia saltare in aria.

Come già detto, per me certe forze armate sono decisamente sovrafinanziate. Fra queste non includo quelle italiane, anche se penso che potrebbero fare molto per ottimizzare la loro spesa.

Vale anche per me!

Ma no,Obama non taglierà propio nulla.
Al massimo cercherà di ridurre gli sprechi e far si che ciò che si spende venga speso bene.
Il neo-Presidente si sta muovendo su linee guida ultra moderate;altro che “Zapatero Americano”;Obama sarà centrista come lo è stato ogni buon Presidente USA da Truman in poi.
Il dato interessante è un altro,e vi prego di svincolarlo dal contorno di fantasie pacifiste:
ARES-V potrebbe servire non soltanto per il ritorno alla luna,MA ANCHE per altri programmi cari al cuore del nuovo leader USA.
Questo se confermato vuol dire che il vettore Heavy lift si farà e che di conseguenza per la parte lunare del programma Orion i giochi rimangono aperti.

Anch’io sono di questo avviso! Non mi sbilancio sulle considerazioni politiche perchè non sono molto ferrato di politica USA, ma direi che semplicemente Obama vuole utilizzare Ares V come vettore heavy lift (che scoperta, è un vettore heavy lift… :grin: scusate) anche o solo per altro quindi questo vettore “sa da fare”, che poi si possa usare anche per un buon programma scientifico selenico, ben venga! Cioè in pratica: intanto questo si fa perchè tornerà utile in ogni modo, per il resto vedremo più avanti!

Ti straquoto Nemo! :clap: Stavo per scrivere la stessa cosa… i militari armati per le strade mi fanno pensare ai regimi sudamericani degli anni 70… :rage: