Blue Origin presenta il Lander lunare Blue Moon

Sembra che ci sia un lavoro molto solido dietro a questo lander. Testano il BE-7 al Marshall questa estate. Blue Origin certamente ha fatto un grosso occhiolino alla NASA per quanto riguarda le offerte per il programma NextStep.

1 Mi Piace

Quale dei due atterrerà per primo?

1 Mi Piace

visti a confronto la risposta sembra scontata…

3 Mi Piace

( Intanto L’annuncio di Blue Origin ha risvegliato SpaceX, Elon se ne esce con una data di presentazione di Starship per il 20 di Giugno )

4 Mi Piace

Che coincidenza… Un imprenditore con contatti in politica ha un lander segreto quasi pronto e il vicepresidente annuncia lo sbarco sulla Luna in 5 anni. Sarà sicuramente contento di questo evento fortuito inimmaginabile.

Fine di whatiffing complottistico.

Ah no, un’ultima cosa, ora può uscire fuori finalmente la proposta di budget nasa per il 2020, nel cassetto dal 15 aprile.

Fine.

Ora vediamo veramente come si evolveranno i piani nasa per il 2024, nella discussione relativa in questo forum le preoccupazioni maggiori riguardavano proprio il lander.

2 Mi Piace

Intanto continuano a stuzzicarsi…

P. S. Guardate bene la foto del tweet…

3 Mi Piace

E’ interessante notare che da un punto di vista configurativo, si tratta di una riedizione (quasi paro paro) del Descent Stage del Grumman LM dell’epoca Apollo.
Naturalmente da un punto di vista tecnologico, si tratta di tutt’altra cosa.

Ancora una volta siamo in presenza di un lander “verticale”, con tutte le solite problematiche di accesso alla superficie lunare (che nel caso dello Starship diventano esponenziali).
Onestamente questo della BO mi sembra più realistico rispetto a quello presentato il mese scorso da Lockheed-Martin.
Questo però potrebbe essere una diretta conseguenza del fatto che alla BO stavano lavorando su un lander già dal 2016 e pertanto è più “maturo” rispetto a quello presentato da LM.

1 Mi Piace

Il video dell’evento di ieri (che non è stato trasmesso in streaming)

9 Mi Piace

E i fan di spacex si scatenano.
Non apporta nulla di tecnico alla discussione, però fa capire che cosa potrebbe accadere tra poco con Blue Origin, Virgin e Starship che permetteranno di volare a tutti (o quasi).
Non voglio pensare alle polemiche e ricadute di un malaugurato incidente.

https://twitter.com/greynomad/status/1126688898384482304

1 Mi Piace

È iniziata la gara tra privati prima di quella con la Cina

2 Mi Piace

Dico solo: se i ritmi saranno quelli soliti BO questi sulla Luna ci arrivano nel 2035.
Quindi speriamo che sia l’inizio di un’accelerazione dei loro piani, perché qui abbiano, ancora una volta, rendering…

2 Mi Piace

No, no, il motore è reale, ed è quasi pronto per i test.

Testano al Marshall… Hot fire previsto per questa estate.

1 Mi Piace

Anche durante la presentazione della crew dragon c’era il prototipo del Super Draco, eppure…
Per adesso aspetto di vedere ancora qualcosa di reale.
E onestamente $300000 non mi sembra proprio una cifra congrua investita per un test stand.

Nel frattempo il fratello maggiore è “quasi pronto” da anni.

quei 300000$ credo che siano il pagamento per testarlo al Marshall in qualche altra struttura. Non ha niente a che vedere con il mega test stand dei Saturn dove si suppone testeranno BE-4 e BE-3.

Confermo quello che ho scritto.
300000 dollari per l’affitto di un test stand per un motore nuovo di pacca fatto usando tecnologie nuove per BO mi sembra una spesa da progetto in stato embrionale e non “pronto per hotfire”.
Un po’come quando anni fa ormai lì furono testati i preburner dei Raptor e nessuno si sognò di dire “sono quasi pronti”.

🤷

Comunque e’ una notizia molto importante.

La Luna ha una montagna di vantaggi come primo corpo su cui mettere un avamposto rispetto a Marte. La stessa bassa gravita’ e velocita’ di fuga limitata sono un enorme vantaggio. Non parliamo della possibilita’ di comunicazioni in tempo quasi reale con la Terra, dei tempi di transito, della frequenza delle finestre di lancio. Se si trovano quantita’ di acqua sfruttabili poi lo scenario cambia drasticamente.

Bridenstine comunque ha detto che potrebbero chiedere ai vari attori di andare a letto insieme, e anche questo cambierebbe lo scenario.

Se si dividono i compiti e qualcuno sviluppa un lander commerciale specializzato per la Luna e’ solo un bene. Sarebbe un bene se ci fosse una collaborazione internazionale e facessero fare qualcosa anche con apporto e finanziamenti Europei.

Tutto quello che va verso una economia e una industrializzazione dello spazio, con tanti attori che fanno cose diverse e si integrano scambiandosi servizi e facendo economie di scala, e’ un bene.

2 Mi Piace

Non ho ben capito una cosa: il lander presente sul palco con Bezos, è un semplice simulacro, un “modello” insomma, o è gia un prototipo funzionante ?

Comunque bella presentazione … innegabilmente siamo al punto forse più vicino mai avuto per la definitiva “esplosione” (so che non suona benissimo in questo caso :sweat_smile::crossed_fingers: ) dell’industria spaziale …

Simulacro.
Da quel che ho capito, prima di completare i dettagli su come sarà veramente aspettano delle specifiche dalla NASA (primo e più importante cliente).
Anche il motore esposto è sicuramente finto, ma quello sarà praticamente uguale.

Se fosse che ci si va per restarci, per me sarebbe comunque un good deal. :wink:

1 Mi Piace