Chandra X-Ray: aggiornamenti sulla missione

Anche per questo potentissimo telescopio spaziale non avevamo un thread dedicato, poco male rimediamo subito.

Chandra è un telescopio a Raggi X lanciato dallo Space Shuttle nel 1999 in un’orbita molto strana, orbita alta molto ellittica, 134.000 x 14.000 (apogeo x perigeo), per poter avere periodo di osservazione continuati più lunghi. Osserva l’universo a raggi X, ha fatto tante prime scoperte, soprattutto osservando l’universo lontano e buchi neri grandi e piccoli.

Si è anche concentrata sull’osservazione di stelle molto vicine, come il sistema di Alfa Centauri, che però è poco luminoso ai raggi X. Lo scopo dello studio era proprio questo, determinare l’emissione ai raggi X delle 3 stelle (A, B e Proxima) nella rispettiva zona considerata abitabile. Per le due stelle più grandi, A e B, molto simile al Sole, ha notato un’emissione molto bassa, addirittura più bassa della nostra stella, mentre per Proxima le cose cambiano radicalmente, sebbene sia una stella molto più debole ha una zona abitabile molto più vicina e una concentrazione di raggi X molto più alta, fino a 500 volte più alta che sulla Terra in periodi normali e 50.000 volte in periodi di espulsione di massa coronaria.

Quindi al momento sotto questo punto di vista nessuna minaccia per la formazione di attività biologica in esopianeti attorno A o B, ma grossi problemi per esopianeti attorno alla stella più piccola. Ironia della sorte, al momento siamo a conoscenza di esopianeti solo attorno a Proxima Centauri.

L’articolo di astronomy.com:

9 Mi Piace