Conflitto in Ucraina e sue ripercussioni sullo spazio

Se una decisione verrà presa, ci sarà un preavviso di un anno, non è stata presa nessuna decisione al momento è tutto procede nella normalità. Anche il caso della bandiera è un evento normale. Per ora direi di fidarci più dei soci ISAA (sostenitori, scusate) infiltrati in ESA che degli articoli che riportano pezzi di interviste tradotte.

8 Mi Piace

Rispetto il tuo punto di vista, ma voglio sottolineare per gli altri utenti del forum che nessuno nelle agenzie occidentali la pensa così, soprattutto NASA.

L’intenzione di tutti è di sostituire la ISS con delle stazioni spaziali in LEO commerciali, per continuare la ricerca scientifica in microgravità, sia per la Terra che per l’esplorazione spaziale. Visto che citi Artemis, la ISS continua a fare studi che renderanno Artemis possibile, e che non saranno completati entro il decennio (ovvero servirà continuare a fare ricerca in LEO, per poter andare in BEO).

Nessuna di queste stazioni commerciali sarà pronta prima del 2028, ed è per questo che serve che la ISS rimanga viva fino al 2030. Interrompere la ISS nel 2024 creerebbe un gap e un’interruzione della permanenza umana nello spazio, che molto probabilmente avrebbe un effetto negativo (i.e. ritardi) sulla continuazione dell’esplorazione spaziale.

Per noi europei poi sarebbe ancora peggio, perché il gap prima di avere una stazione commerciale europea è ancora più grande.

Detto questo, Rogozin per ora ha solo detto tanti “if”, che vengono sapientemente cancellati dai media occidentali per creare scandalo. Per una volta sono d’accordo con lui: è inutile che stiamo qui a parlare di dopo il 2024, se non sappiamo come evolverà questa guerra nelle prossime due settimane. Se decideranno di togliersi dalla ISS (e sottolineo “se”), ce lo faranno sapere con un anno di anticipo.

25 Mi Piace

Un buon articolo di Paolo Attivissimo, in inglese, che ancora una volta suggerisce di prendere con molte molle qualsiasi dichiarazioni attribuita a Rogozin.

5 Mi Piace

L’articolo è disponibile anche in italiano:

6 Mi Piace

Un messaggio è stato spostato in un nuovo argomento: Tensioni politiche tra fantascienza e realtàb

Faccio crossposting per segnalare che il conflitto che ha reso inoperativo l’AN124 ha costretto ISROO ad utilizzare un C-17 per il trasporto di GSAT-24.

Se volete qui c’è un thread (in inglese) su alcuni retroscena.

1 Mi Piace

Sempre per rimanere in tema aerospaziale le agenzie stampa riportano un vasto incendio presso il famoso centro di ricerca TsAGI situato a Zhukovski, un sobborgo di Mosca:

Un altro duro colpo per i russi.

5 Mi Piace
5 Mi Piace

Come sul ponte di una baleniera :confused:

Solo per riportare la notizia che il razzo Sojuz della Progress MS-20 ha alcuni riferimenti alla guerra in corso.

2 Mi Piace

Lo spazioporto di Kourou sta subendo delle ripercussioni.

Questo è l’articolo articolo di Ria Novosti citato da Katia:

Dice che le proprietà russe sono tenute sotto scorta e tenute in aree di stoccaggio e che per riportarle a San Pietroburgo serviranno due navi ro-ro.

Se l’Europa decide di conservare lo spazioporto serviranno pesanti lavori per renderlo utilizzabile con razzi diversi dai Soyuz, lavori che sarebbero economicamente insostenibili (sempre secondo Ria) e comunque non potrebbero essere fatti senza il consenso di Roscosmos.

7 Mi Piace

Quello che si ‘dimentica’ di specificare l’organo di propaganda russo è che l’Europa non ha necessità delle strutture Sojuz per fare funzionare lo Spazioporto di Kourou. Invece, come dimostrano i fatti, sono i russi che sono congelati lì.

4 Mi Piace

Roscosmos, evidentemente, “dimentica” gli sviluppi legati ai progetti Ariane 6 e Vega C.
I quali disporranno di infrastrutture dedicate, i cui lavori sono già ben avviati, che non necessitano di nulla legato al vettore Soyuz in particolare e tecnologie russe in generale.

4 Mi Piace

Di questi tempi le informazioni dagli organi di governo diventano dubbie e propagandistiche. In particolare diffido degli organi russi e trovo deplorevole dipingere la Z sui missili. Poi ognuno a casa propria fa quello che vuole.

1 Mi Piace

Che io sappia, le navi russe non possono attraccare nei porti europei, e quindi nemmeno in Guyana francese…

1 Mi Piace

Ci sono novita’ sull’ AVUM?

Leggo che la Yuzhnoye che lo produce parzialmente ha sede a Dnipro, che e’ in territorio controllato abbastanza in sicurezza dagli Ucraini, anche se non lontanissimo dal fronte.

Pero’ suppongo che di questi tempi abbiano altro a cui pensare che produrre gli AVUM per il Vega, saranno concentrati sulle produzioni militari.

Ho cercato nel 3d e sul Web ma non ho trovato info recenti.

2 Mi Piace

Cross-posting solo per riportare che la diatriba sul controllo dello strumento eRosita (tedesco) sul satellite Spetkr-RG (russo) continua, con Rogozin che preme per la sua accensione, a prescindere dalla sua fattibilità tecnica e senso scientifico.

3 Mi Piace

“Ferie” dal 14 giugno al 17 luglio per mancanza di lanci da Baykonur, per i dipendenti di RSC Progress. Durante questo periodo i salari dei dipendenti saranno ridottin di 1/3.

5 Mi Piace

Per agosto è previsto Luna 25, in un mese mi pare difficile preparare tutto.
Temo salterà di nuovo.

3 Mi Piace

Sul tema dei voli incrociati tra NASA e Roskosmos, con la presenza di astronauti sulla Sojuz e di cosmonauti sulla Crew Dragon di SpaceX, e in futuro anche sulla Starliner di Boeing, Dimitrij Rogozin ha espresso la sua apertura a procedere con le discussioni.
Sul suo canale Telegram ha fatto sapere - direi ribadito nuovamente - che l’agenzia spaziale russa ha scelto Anna Kikina per la missione sulla Crew Dragon, proponendo il suo nome alla NASA. Inoltre la cosmonauta ha già iniziato le sessioni di formazione sulla parte inerente le conoscenze specifiche da acquisire sul programma di addestramento statunitense.

D’altro canto il direttore generale di Roskosmos ha dichiarato che non ha ricevuto alcuna indicazione sull’astronauta che la NASA dovrebbe far volare sulla Sojuz.

Da segnalare che c’è stato il benestare del primo ministro russo Michail Mišustin che ha firmato un ordine esecutivo, dando il permesso a Roskosmos il permesso di intavolare trattative con la controparte statunitense

4 Mi Piace