Costellazioni di satelliti per Internet e radioastronomia

#1

Sapete certamente che diversi attori intendono lanciare cospicue costellazioni di satelliti in LEO per la diffusione di Internet via satellite, e che queste costellazioni potrebbero essere uno dei pricnipali clienti dei grandi lanciatori che si stanno affacciando sul mercato. I primi tre dovrebbero essere SpaceX’s Starlink, OneWeb, e IridiumNEXT, ognuno con migliaia di oggetti in orbita.
Da anni i radioastronomi si battono perchè questi grandi gestori facciano tutto l possibile per il rispetto delle bande di frequenza riservate alla radioastronomia. Trovare zone radio-quiete a terra è sempre più difficile, e con l’espansione di queste costellazioni potrebbe diventare impossibile.
Da una parte c’è il fatto che molte bande di osservazione radioastronomiche confinano con bande usate dai satelliti per il downlink; dall’altra l’industria ha poco interesse ad aumentare peso e complessità dei satelliti stessi per garantire il rispetto dei livelli di interferenza estremamente bassi richiesti dai radioastronomi.
Un articolo di Medium, a firma di un radioamatore americano (Adam N4ADK) fa il punto sulla triste situazione.

2 Likes
#2

Lo sviluppo della trasmissione dati via laser potrebbe essere un’alternativa fattibile?

Mi pare di aver letto che allo stato attuale ci sia solo una sperimentazione nella comunicazione laser SAT to SAT…

Non ho idea per quella verso la terra.

#3

abbiamo un GROSSO esperto di comunicazioni laser, qui nel gruppo :smile:
Ma tu vuoi Internet anche quando piove, quindi zero, nil, nada, zilch. E vuoi che funzioni dallo smartphone, senza dover avere raggi che puntano satelliti. Il problema grave è il downlink dal satellite a terra, è lì che nascono le interferenze per gli altri servizi.

1 Like