Costruire un razzetto con un fiammifero


#1

Una versione alternativa a quella dei 3 minerva:


#2

oh bello!!! peccato che a scuola non me lo lascino fare per la 626…


#3

Nemmeno nel laboratiorio di fisica oppure in cortile con 2 supervisori?


#4
[quote="felottina, post:2, topic:20936"] oh bello!!! peccato che a scuola non me lo lascino fare per la 626.. [/quote]

Nemmeno nel laboratiorio di fisica oppure in cortile con 2 supervisori?

No, nada, non si possono accendere candele. Però posso far vedere il filmato e ciascuno coi propri genitori può fare ciò che vuole…


#5

Puoi usare uno stagnatore elettrico. Ci sono anche piccolini a 12 volt. Così dovresti aggirare la 626 e tecnicamente non accendi neanche un fiammifero (la testa di un fiammifero non è un fiammifero) :wink:


#6

Possiedo un pirografo/saldatore 30Watt…questa è un’ottima idea, grazie! Prima provo a casa :slight_smile:
Il fornello elettrico si può usare, quindi posso attaccare in rete il mio aggeggino tranquillamente.


#7

Ma che spettacolo! Lo voglio fare anch’io!!! :star_struck:


#8

Sarà ma costruirli in casa per costruirli in casa preferisco questi…



#9

Si ma il tuo non ha la struttura di alluminio!


#10

1-0 per te eheh


#11

L’ho fatto, e funziona davvero!
Diciamo che non c’é bisogno di tenere tutta quella precisione che hanno nel video. Io non avevo lo stuzzicadenti lungo e neanche una scatola di fiammiferi adatti e quindi ho usato uno spaghetto crudo che ho infilato nella terra di un vasetto. Ho tagliato una testa di fiammifero, ho arrotolato un foglio di alluminio alla buona, poi ci ho messo le alette e l’ho fatto partire. Ed è partito! (con buona pace del giardino della vicina del piano terra :stuck_out_tongue_winking_eye:)


#12

eheh :grin:

Ma quanta gittata ha dalla “finestra di lancio”?


#13

beh, quelli del video del tizio vanno parecchio lontano… io li ho fatti di notte, quindi non vedevo bene dove arrivavano. E non li ho ottimizzati come ha fatto lui, li ho fatti un po’ alla ca**o di cane :flushed: Ma direi una decina di metri, considerando che la mia finestra di lancio è al primo piano. E fanno una bellissima scia di fumo! Domani se mi ricordo provo a lanciarli di giorno e a fare un video


#14

Video ovviamente comprensivo di vicina che impreca … :stuck_out_tongue_winking_eye:


#15

Stamattina era il momento per il “next step”… ho preso una gruccia di metallo, di quelle che danno nelle lavanderie, e con un paio di pinze ho costruito una rampa di lancio che funziona decisamente meglio dello spaghetto infilato nel vaso con la terra

E poi è venuto il momento di testare il tutto. ori ci sono -15 gradi e c’è una tempesta di neve, ma alla BLA (Buzz Launch Alliance) di certo non possiamo accettare uno scrub per il maltempo! :stuck_out_tongue_winking_eye:
Unica nota negativa, il razzetto è partito talmente veloce che si sono staccate le pinne di coda e mi sono rimaste sul davanzale :angry:


#16

Secondo lancio nella bufera :slight_smile:


#17

Una velocità pazzesca, e 20G come minimo per una formica astronauta
Buffo pensare a quello che forse stava passeggiando sotto alla tua finestra, e che si ritroverà il tuo razzetto infilato tra i capelli :stuck_out_tongue_winking_eye:


#18

Con il tempo che c’e’ oggi a Monaco, gli unici a uscire di casa sono gli orsi bianchi e i flight controllers che devono andare in turno :face_with_head_bandage:


#19

preferisco il tuo primo lancio perchè con quello hai potuto recuperare il “primo stadio” :stuck_out_tongue_winking_eye:


#20

Un pensiero nerd: se il razzetto ha percorso 10mt in mezzo secondo, allora ha avuto “solo” 2G di accelerazione, anche se non lineare; se li ha percorsi in 1/4 di secondo, ha avuto 4G di accelerazione. Non fosse che probabilmente tutta l’accelerazione é avvenuta nella prima frazione di secondo, neanche tantissimo!

Però leggendo la formula dell’accelerazione, i secondi sono al quadrato, raddoppierebbero i valori… debbo capire perché. :roll_eyes: