Dream Chaser: Lockheed Martin consegna a Sierra Nevada la prima struttura

La struttura primaria di DREAM CHASER per ISS CRS2 è stata consegnata a Sierra Nevada Corp. (SNC) da Lockheed Martin durante un evento ufficiale.

La struttura 10m per 5m e alta 2m, del peso di una tonnellata è “la più avanzata struttura aerospaziale in composito resistente ad alta temperatura mai costruita”

La struttura, da quello che si vede in foto, è decisamente impressionante.

NOTA per i moderatori : perché nella sezione privati non trovo Sierra Nevada?

2 Mi Piace

Anche se non sono un moderatore provo a risponderti lo stesso. Penso che questa “mancanza” sia dovuta al fatto che esiste già una sotto-categoria dedicata al Dream Chaser; la trovi tra le “Missioni con equipaggio in corso”.

2 Mi Piace

Il video della presentazione.

3 Mi Piace

Ora c’è anche la patch.

6 Mi Piace

Le capsule saranno efficienti e funzionali, ma la forma del Dream Cheaser è FANTASTICA!!
Omen nomen

2 Mi Piace

Consegnate anche le prime due ali.

6 Mi Piace

Il primo Dream Chaser orbitale si chiamerà Tenacity.

6 Mi Piace

Avranno riciclato uno dei nomi che erano stati proposti in alternativa a Perseverance? :smiley:

2 Mi Piace

Sono contento che l’architettura di Sierra Nevada non sia andata “sprecata”; come cargo per la ISS ed in generale in LEO, ha davvero molte potenzialità.

1 Mi Piace

Nuovo articolo di Giuseppe Corleo pubblicato su AstronautiNEWS.it

3 Mi Piace

Non è stato ancora diffuso un comunicato ufficiale, comunque sia i tweet di Sierra Nevada Corporation sono abbastanza “ricchi”. Ultimamente per l’azienda ha ospitato nella sua sede alcuni astronauti NASA per prendere dimestichezza con il mockup del Dream Chaser, così da fornire indicazioni preziose sul suo sviluppo e le aree da migliorare. Ad esempio hanno visto la disposizione e l’efficacia del sistema d’illuminazione, fatto alcuni prove sul carico/scarico delle merci e sulla sua organizzazione all’interno della stiva.

8 Mi Piace

arrivato anche il primo modulo Shooting Star di estensione cargo per il Dream Chaser

1 Mi Piace

ridendo e scherzando manca poco al lancio di questo gioiellino. Non vedo l’ora.

1 Mi Piace

Altri tweet con ulteriori dettagli…





4 Mi Piace

Ancora un aggiornamento (anzi due) sullo stato dei lavori del Dream Chaser. Lo scorso 21 maggio, presso la sede dell’azienda, è arrivato il portello di accesso alla stiva della navicella, per il carico delle merci dell’ultimo momento direttamente in rampa di lancio. Questo portello si trova sul dorso del Dream Chaser ed è stato progettato per far passare carichi utili grandi al massimo 60,96 x 91,44 cm e pesanti non oltre i 181kg.

Posizione del pannello di accesso sul dorso, riconoscibile perché di colore bianco e di forma rettangolare con bordi smussati.

Per ulteriori dettagli e per approfondire l’argomento, rimando al blog di Sierra Nevada Corporation.

3 Mi Piace

Intanto si lavora all’installazione del pannello di accesso alla stiva, un’operazione di se per se complessa che richiede circa 1 mese. In questa fotografia si può vedere un tecnico che si sta occupando del fissaggio del telaio del pannello.


Un altro fronte di lavoro è la zona del carrello di atterraggio. Qui i tecnici si stanno occupando degli ultimi elementi di collegamento tra i carrelli di atterraggio e i loro rispettivi supporti fissati alla struttura della navicella.

3 Mi Piace

Bene! A quanto pare Sierra Nevada Corporation preferisce snocciolare piano piano le novità sul loro Dream Chaser.

Qui possiamo vedere due tecnici all’opera mentre forano alcuni pannelli che andranno a “tappare” le aperture di accesso situate nella parte inferiore della struttura. Da qui, infatti, è più facile installare alcuni componenti, che vista la loro posizione, sono più difficili da raggiungere da altre “zone”.

La seconda ala è arrivata a “casa”! Si tratta di un componente essenziale e cruciale per lo spazioplano, poiché per essere incapsulato nella carenatura del lanciatore le due ali devono essere “chiuse” e poi riaperte una volta raggiunto lo spazio.

Che ne dite di una foto di gruppo?| Direi che in fabbrica stanno molto attenti alle regole di distanziamento sociale e di protezione individuale imposte dal COVID-19 :wink:

7 Mi Piace

La struttura a tenuta d’aria di Dream Chaser è sata consegnata al KSC la scorsa settimana.
Anche questo veicolo abitato comincia prendere forma…



Le versioni ad alta risoluzione si trovano qui:

Immagini © NASA

6 Mi Piace

Sarebbe bello vederne una versione abitata atterrare su qualche pista, il pilota che è in me ne sarebbe entusiasta.

Ma chissà se la vedremo mai.

Nel caso non ho chiaro come sarebbe il crew escape system.

1 Mi Piace

Abitato?
Ma non era solo piu’ un cargo per la ISS?