Esplode Sea Launch

è eploso ieri direttamente sulla piattaforma Sea Launch lo Zenit che doveva portare in orbita un satellite per comunicazioni commerciali…brutto affare…speriamo che la piattaforma non si sia danneggiata troppo…era al suo 24 lancio…
qui l’articolo http://www.spaceflightnow.com/sealaunch/nss8/
e qui il video http://www.youtube.com/watch?v=eMG2SBwIcrM
dal video sembra che il razzo che non abbia neanche lasciato la torre ma che sia direttamente esploso sulla piattaforma

Che botto!
Sono curioso di sapere cosa sia andato storto…
Il razzo è sembrato implodere o cadere fuori dalla piattaforma.
Chissà se le ganasce di ritenzione del vettore si sono aperte correttamente!

In effetti non sembra nemmeno essersi sollevato dalla rampa, ricorda i primi fallimenti americani con i razzi Redstone e Atlas, nei primi anni della corsa allo spazio.

Che botta!! :scream:
Bisognerà vedere se la piattaforma sia utilizzabile ancora altrimenti sarebbe veramente un duro colpo per la compagnia… mi spiace davvero, avevano avuto una delle idee più significative degli ultimi anni…

davvero una bella idea speriamo che si possano rimettere in sesto…dai fallimenti si impara sempre e chissà che la prossima piattaforma non sarà ancora meglio…intanto guardatevi il sito della Sea Launch…molto interessante…tra l’altro mi vorrei scaricare le user’s guide ma bisogna registrarsi…fa niente se mi invento una società che non esiste? tanto io voglio solo prendere le guide… :grinning:

Il Sea Launch e’ basato sullo Zenit russo, che ha un discreto numero di lanci falliti (e dire che doveva lanciare una capsula con equipaggio!)
qualche contratto in piu’ in arrivo per Ariane 5…

Senza dubbio un problema molto grave (la piattaforma sembra essere andata completamente distrutta… :scream: ). Concordo con Marco che sembra che il vettore sia letteralmente “caduto” dalla rampa… :cry:

Così a vista potrei pensare anche io a un qualche problema al sistema di aggancio del vettore, forse non si è sganciato completamente dal sistema di ritenzione (ganasce o bulloni esplosivi?), che si sia sganciato troppo presto mi sembra strano visto che è automatico…

Ci sarà un bello stop ai lanci … gran brutto affare …

Qualche novità, la piattaforma sembra in buone condizioni, è già indipendende per quanto riguarda energia, controlli e comunicazioni, non ci sono danni molto gravi e l’equipaggio è già a bordo per provvedere alle riparazioni. Intanto sono state aperte diverse inchieste per capire cosa possa essere successo.
http://www.spaceflightnow.com/sealaunch/nss8/070201statement.html

A vedere il fimato, sembra che lo Zenit 4SL sia letteralmente “collassato” su se stesso, il che sembra davvero strano.

Sembrava di assistere ad uno dei test degli anni '50. Comunque il fatto che la piattaforma sia sopravvissuta all’esplosione, conferma la validità di fondo del progetto Sea Launch.

Un incidente deve essere sempre messo in conto, quando si lancia un razzo, e la Sea Launch ha dimostrato di poter sopravvivere al caso più catastrofico di tutti, ossia l’esplosione sul pad…

Qualche news: sono state pubblicate le prime foto della piattaforma “bruciacchiata” dove sono visibili i danni, che sembrano comunque essere circoscritti sul ponte superiore. Per le cause dell’esplosione sembra essere scagionata la piattaforma e le attenzioni si concentrano sul lanciatore e in particolare alla turbopompa oppure alla pressurizzazione del serbatoio del LOX. A causa di questa incertezza è probabile uno slittamento anche del lancio dell’Atlas V della ULA che era destinato ad un lancio di un satellite militare ma che utilizza lo stesso propulsore RD-171.
http://www.nasaspaceflight.com/content/?cid=5012
Inserisco qualche foto, utilizzo il link diretto, se qualche buon samaritano le carica nell’archivio del forum io tolgo queste e lascio quelle caricate. :wink:

[EDITED BY ADMIN]

Qualche news: sono state pubblicate le prime foto della piattaforma "bruciacchiata" dove sono visibili i danni, che sembrano comunque essere circoscritti sul ponte superiore. Per le cause dell'esplosione sembra essere scagionata la piattaforma e le attenzioni si concentrano sul lanciatore e in particolare alla turbopompa oppure alla pressurizzazione del serbatoio del LOX. A causa di questa incertezza è probabile uno slittamento anche del lancio dell'Atlas V della ULA che era destinato ad un lancio di un satellite militare ma che utilizza lo stesso propulsore RD-171. http://www.nasaspaceflight.com/content/?cid=5012 Inserisco qualche foto, utilizzo il link diretto, se qualche buon samaritano le carica nell'archivio del forum io tolgo queste e lascio quelle caricate. :wink:

[EDITED BY ADMIN]

Solo un pò bruciacchiata e subito in grado di navigare!
Lo avreste detto dopo quel botto?

Miiiizzica!!

Grazie admin! :wink:

Effettivamente sembra non solo in grado di navigare, ma integra in tutte le sue strutture principali, forse basterà riparare i pochi danni e dare una riverniciata, con quella palla di fuoco non ci avrei giurato!
Ne sono felice, il progetto è davvero interessante, tanto da attirare l’attenzione di scrittori famosi. Nell’ultimo libro di Clive Cussler, Vento nero, Sea Launch e la piattaforma in particolare rivestivano un ruolo da protagonisti alla fine del romanzo.

Solo un pò bruciacchiata e subito in grado di navigare! Lo avreste detto dopo quel botto?

No! Sinceramente no … :roll_eyes:

Secondo fonti dell’agenzia russa la piattaforma potrebbe tornare in funzione per la fine del 2007 in quanto non ha sofferto danni strutturali. Le riparazioni verranno eseguite direttamente nel porto in cui ha base.

http://www.spacedaily.com/reports/Russia_Space_Agency_Hopes_Sea_Launch_Will_Resume_Operation_In_2007_999.html

Si è anche parlato della ripresa, il prossimo marzo, dei voli del Dnepr dopo l’incidente dell’anno scorso in cui l’esplosione causò la perdita di innumerevoli satelliti fra cui un paio di italiani.

Giovani!
Un bell’aggiornamento con foto da vicinissimo della piattaforma Odissey lo trovate qui:

Grazie per la segnalazione Admin! Mi sembra si possa intuire qualche segno della brutta avventura, ma nel complesso sembra in grado di essere ripristinata in tempi ragionevoli!