Futura evoluzione del Pad 39-B al KSC


#1

Dopo l’auspicabile buon esito del lancio della missione STS-125 Atlantis, l’Endeavour verra’ spostato dal Pad 39-B al Pad 39-A per la preparazione alla succesiva missione STS-126.
A quel punto, alcune installazioni del Kennedy Space Center della NASA, passeranno in gestione dal programma STS al programma Constellation.
Si tratta sostanzialmente del complesso di lancio Pad 39-B, della High Bay 3 del VAB e della Mobile Launch Platform 2.
In particolare, il Pad 39-B subira’ importanti modifiche per alloggiare il lanciatore Ares I-X e in seguito i lanciatori Ares I.
Prioritaria per la missione Ares I-X, è la sistemazione del grosso e lungo parafulmine bianco che sovrasta la Fixed Service Structure, infatti questa verra’ sopraelevata con una struttura piramidale alta oltre 30 metri, in cima a questultima verra’ posizionato il parafulmine.
Questo lavoro si rende necessario a cauda della maggiore altezza dell’Ares I-X, rispetto allo shuttle.
Dopo il lancio Ares I-X, attualmente pianificato per il 14 Aprile 2009 (con probabile slittamento di alcune settimane), questa struttura verra’ smantellata, a meno che, un non auspicabile fallimento del lancio, richieda la ripetizione dello stesso nel 2010.
A quel punto la protezione antifulmine per i successivi lanci della serie Ares I, verra’ assicurata dalle tre torri, gia’ in costruzione attorno al Pad.
A quel punto la priorita’ sara’ di costruire, la Rollercoaster Emergercy Egress System, un enorme incastellatura che alloggera’ i sistemi per l’eventuale allontanamento immediato degli astronauti in caso di gravi difficolta’, prima del lancio.
Non essendo piu’ necessarie la Rotating Service Structure (RSS) e la Fixed Service Structure (FSS), attualmente in uso per lo shuttle, queste strutture verranno smantellate, ma per mancanza di fondi non prima del 2015, infatti esse non interferiranno con le operazioni di lancio degli Ares I.


#2

Si è già inguaiati! :grin: Non hanno i fondi per smontare la RSS dello Shuttle! :grin:
Come faranno a smontare il traliccio piramidale sulla SFF se non hanno abbastanza fondi? Giusto per contenerli, non potrebbero utilizzare la torre così com’è fino a prima dei lanci manned? E’ risaputo che non è adeguata ai voli dell’ARES I manned però per le prove sarebbe comunque adeguata.


#3

Beh un conto è smontare un traliccio che come viene piazzato può essere rimosso (immagino con una gru), un altro è smantellare una RSS pesante migliaia di tonnellate e estremamente complessa…

Giusto per contenerli, non potrebbero utilizzare la torre così com'è fino a prima dei lanci manned? E' risaputo che non è adeguata ai voli dell'ARES I manned però per le prove sarebbe comunque adeguata.

Beh ma le torri sono già quasi fatte, sono semplici tralicci come semplice traliccio è il parafulmine provvisorio, il problema non è qui ma nella grande RSS da smantellare.


#4

Non conosco i costi di noleggio dgli autogru in America però, qui in Italia, i più “scarsi” vengono a costare, noleggiati, 500,00 Euro al giorno. Per smontare un traliccio piramidale sulla SFF spenderanno bene!
Per quanto concerne la RSS, il costo per gli autogru sarà simile, l’unica differenza sarà poi nel tempo di utilizzo degli stessi e nello smantellamento di tutta la struttura con il conseguente trasporto in altro luogo.


#5

Si ok… ma ci sono ordini di grandezza fra le due procedure, un traliccio lo smonti (nel senso di rimuoverlo dalla rampa) in qualche giorno (non conosco i limiti in altezza delle gru… ma ho i miei dubbi venga effettuato con una “terrestre” credo si prediliga un approccio “dal cielo” con un elicottero piuttosto che montare grandi impalcature provvisorie), la RSS ci vorranno mesi per smontarla e smantellarla…


#6

Un’immagine che illustra le modifiche alla 39B per Ares I-X


#7

Scusa, ma riguardo allo smontaggio per via aerea è … :facepunch: ! Non esiste elicottero o similare che sia in grado di alzare una struttura del genere, anche se in pezzi. Si farà uso di autogru particolari adeguate a questi lavori;Basta guardare le foto del '60 quando stavano costruendo il VAB per vedere e capire il tipo di autogru impiegate; In quella situazione utilizzarono autogru che superavano i 160 ml, ora ne useranno una “medesima”.
Con gli autogru di oggi, si arriva comodamente anche a 200 ml. Certo che come costi devono essere esorbitanti! :ok:


#8

Ti posso garantire che è assolutamente fattibile, non so se sarà la tecnica impiegata, ma che lo si possa fare (ovviamente a pezzi) ne sono sicuro.
Vedremo… certo una gru su ruota o cingoli alta 150m ho i miei dubbi possa esistere… costruire una struttura fissa di supporto a me sembra dispendioso in termini di tempo e soldi… mancano 6 mesi… vedremo…


#9

La differenza che c’è tra GRU e AUTOGRU è abissale! Le gru possono essere anche alte più di 160 ml , ma devono essere fisse sia a terra che alla struttura a cui lavorano; Per quanto concerne le autogru, invece, ce ne sono di vario tipo e sono davvero mostruose. Hanno altezze e capacità di sollevamento incredibili.
Se solo provi a guardare in un buon ngozio di modellismo, troverai modelli di autogru che riproducono quelle reali, e già i modelini in sè stesso fanno “paura”. Prova solo ad immaginare quelle reali!
Per quanto riguarda l’utilizzo di elicotteri o similari ,per lo smantellamento del parafulmine che verrà montato sul PAD-B, escludo a priori la possibilità che utilizzino un sistema tale. sarebbe un lavoro assurdo e pericoloso!


#10

Ti posso comunque garantire che non arrivano a 150m…
Per la questione delle gru fisse, come ho scritto sicuramente possono raggiungere quelle altezze… ma bisogna vedere con quali costi e quali tempi d’assemblaggio…

Per quanto riguarda l'utilizzo di elicotteri o similari ,per lo smantellamento del parafulmine che verrà montato sul PAD-B, escludo a priori la possibilità che utilizzino un sistema tale. sarebbe un lavoro assurdo e pericoloso!

Ma non è vero, esistono migliaia di società che fanno lavoro aereo e utilizzano elicotteri di grandi dimensioni come gru volanti… è un lavoro svolto quotidianamente da centinaia di elicotteri al mondo…
Comunque non parlavo solo dello smantellamento, anche e soprattutto del montaggio.


#11

Come ad esempio questa.


#12

E queste Autogru arrivano a 190 metri di altezza… :star_struck:


#13

Direi che le alternative non mancano: l’elicottero è probabilmente più comodo, perchè non ha problemi di altezza e sbraccio, e può raccogliere/depositare i pezzi a grandi distanze, ma è limitato in portata a 11 tonnellate. L’autogru al contrario è meno manovrabile, ma avete visto la portata? Arriva a 750 tonnellate :scream:. Alla Nasa avranno sicuramente fatto due conti, e avranno già prenotato il mezzo (o i mezzi) adatti con largo anticipo.


#14

In allegato alcune idee suggeribili ai soliti, pasticcioni vertici NASA :stuck_out_tongue_winking_eye:


#15

Io voto la dinamite, che in USA ha da sempre avuto largo impiego per risolvere le situazioni più difficili, minimizzando i costi. :stuck_out_tongue_winking_eye:

http://www.youtube.com/watch?v=1_t44siFyb4


#16

Mi ricordo che in una puntata di “Gaia” Su Rai 3 avevano mostrato dei filmati girati durante la costruzione della CN Tower di Toronto (alta oltre 550 metri). Per montare l’ultima porzione dell’antenna venne usato un elicottero, senza problemi soverchianti.


#17

Ragazzi che schifezza far esplodere la balena…un’idea veramente “malsana” :point_up:


#18

Prova ad andare a vedere le foto degli anni '60 quando montavano il VAB!
Il VAB non è forse alto 160 ml? :ok:


#19

E hanno montato il VAB con delle autogru?! :roll_eyes:


#20

Non ho parole… il livello di idiozia a cui, a volte, giungono gli statunitensi, mi stupisce :astonished: Gia’ che c’erano non capisco perché non hanno utilizzato una “piccola” bomba H… :angry:

E pensare che negli stessi anni la NASA portava l’uomo sulla Luna… :disappointed:

Tornando OT. Ma pensate che alla NASA il problema più grosso ora sia come smontare dei tralicci di ferro? :roll_eyes: