Impatto del COVID-19 sulle attività spaziali

La NASA sta valutando le conseguenze sul tutte le missioni, i progetti e i programmi:

Fermati anche i lavori sul JWST.

Comunicato di Virgin Orbit

Traduzione Google, ho lasciato solo l’essenziale

LA NOSTRA RISPOSTA A COVID-19 marzo 2020- Ieri, la città di Long Beach, la contea di Los Angeles e lo stato della California hanno emesso una serie di ordini “Safer at Home” che chiudono tutte le attività non essenziali. … Nelle conversazioni con i nostri rappresentanti, abbiamo appreso che il nostro lavoro di sviluppo e gestione del nostro sistema di lancio dello spazio flessibile e reattivo per i nostri clienti, compresi quelli della NASA e del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, è stato considerato come uno di questi servizi essenziali e che pertanto siamo stati esonerati da molte delle restrizioni sul rifugio “Safer At Home”. Prendiamo sul serio quella responsabilità e continueremo il nostro lavoro essenziale con fervida determinazione e perseveranza. … Ci impegniamo a seguire la scienza e i dati e invitiamo tutti gli altri a fare lo stesso.

1 Mi Piace

Ci sarà dell’hardware che verrà “abbandonato” negli stabilimenti e che magari necessiterà di manutenzione al ritorno all’operatività?

Da quel che ho capito Stage 4 rimane il minimo indispensabile alla manutenzione dell hardware spaziale.

Aggiornamento di Rocket Lab. Rimane in programma il lancio del 30 marzo. Al momento lavorano di concerto con le autorità locali per vedere se riescono a mantenere i programmi oltre tale data.

Come l’ESA si sta preparando a gestire Mars Express:

2 Mi Piace

Ieri il CEO di Airbus ha mandato un comunicato a tutti i dipendenti che mi ha fatto riflettere (ndr: non diceva quello che scrivo di seguito, che sono mie estrapolazioni)

Quasi tutte le aziende spaziali sono “aerospaziali”, e nella maggior parte dei casi la parte “aero” è quella più grossa delle due.

Con il blocco dei viaggi, questa crisi rischia di mandare a gambe all’aria moltissime compagnie aeree, il che significa che la previsione per i nuovi ordini anche dopo che la crisi sarà passata è piuttosto nera.

È vero che le istituzioni interverranno pesantemente per salvare le aziende, ma non è da escludere una crisi del settore spazio come conseguenza di quella del settore aeronautico…

7 Mi Piace

Vale per Airbus, Lockheed Martin, Boeing, Northrop Grumman.
In Europa vale meno per Thales Alenia Space (il core business di Thales è difesa e telecom), praticamente nulla per OHB che è puramente spaziale.
In qualunque caso gli impatti ci saranno, e pesanti, in ogni tipo di mercato.

Take care of yourself, take care of your family, take care of your friends, take care of your spaceship…

7 Mi Piace

Aumentano le restrizioni di quarantena per gli astronauti in partenza da Baikonur.

Estratto tradotto da Google:

Un altro grande cambiamento nella “vita pre-volo come previsto” è che Cassidy non può far venire la sua famiglia per vederlo mentre si lancia nello spazio, “Non avrò ospiti al Cosmodromo di Baikonur”

"Probabilmente il più grande impatto è la scorsa settimana, se fosse stato in quarantena normale, probabilmente avrei potuto uscire in alcuni ristoranti e lasciare l’immediata (zona) della zona di Star City. Ma non adesso. Siamo stati un po 'isolati nei nostri cottage e solo nei posti essenziali in cui andiamo a cercare cibo ", ha aggiunto Cassidy

Ediy: trovato anche un articolo del The Guardian

1 Mi Piace

La scadenza per l’invio di proposte di osservazione tramite il satellite INTEGRAL e’ stata rimandata causa COVID19.

Anche OneWeb sembra non se la passi proprio bene. Si parla infatti già da qualche tempo di possibile bancarotta, mentre ultimamente stanno avendo problemi a causa del Coronavirus sia per quanto riguarda le restrizioni sugli spostamenti internazionali che le difficoltà causate dai fornitori. Si parla infatti di possibili licenziamenti:

2 Mi Piace

Anche Bigelow chiude temporaneamente i battenti.

1 Mi Piace

Questo articolo parla di una “tempesta perfetta” di concause per Bigelow, nella quale c’è anche l’emergenza covid. :thinking:

NASA mette a disposizione i suoi super computer per studiare il Covid 19

Coinvolte le progetto anche IBM, Microsoft, Amazon, Google, Hewlett Packard, MIT (Massachusetts Institute of Technology) e l’agenzia federale USA National Science Foundation

1 Mi Piace

Ulteriori riduzioni delle attività dell’ESA all’ESOC:

1 Mi Piace

Il tweet di Armelle Hubault, collega ingegnere su Exomars che oggi è al lavoro per inviare i comandi e mettere in sicurezza il satellite…

2 Mi Piace

JWST si unisce alle missioni messe “in quarantena”…

1 Mi Piace

Un pezzo di Emilio Cozzi appena uscito che fa un riassunto generale della situazione delle varie agenzie.

3 Mi Piace