L’India pianifica di inviare uomini nello spazio dopo il 2020


#1

Il 30 dicembre 2011 è stata resa nota la stipula di un protocollo di intesa con cui la Agenzia Spaziale Indiana (Indian Space Research Organisation – ISRO) ha dato all’Aeronautica Militare Indiana (Indian Air Force – IAF) il compito di selezionare e addestrare gli astronauti che voleranno nello spazio con mezzi costruiti in India.

L’accordo comporta la fornitura da parte di dell’Agenzia Spaziale Indiana di attrezzature del valore di 200 milioni di rupie ed il suo coinvolgimento per la realizzazione delle strutture per la selezione dei candidati alle missioni spaziali.

E’ previsto inoltre che la prima selezione di candidati non venga svolta prima del 2020, contrariamente a quanto affermato dall’Agenzia Spaziale Indiana nel gennaio del 2010 quando era stato annunciato un piano del valore di 4,8 miliardi di dollari per inviare astronauti Indiani nello spazio nel 2016.

Nell’accordo fra ISRO e IAF viene anche indicato che non è previsto il coinvolgimento di partner stranieri per la realizzazione dei vettori e delle capsule per i voli degli astronauti Indiani, affermando che verranno sviluppati esclusivamente con le industrie Indiane.

Fonte The Economic Times


#2
  1. Vedono molto in là nel futuro o sperano che forse allora… Comunque si muovono.

#3

In india ci ha vissuto mio cugino per anni; l’india non é la cina, e mi ha trasmesso l’idea che non é possibile ridurre gli indiani sulle catene di montaggio né avere quell’organizzazione che per i cinesi é fisiologica. Staremo a vedere; la sensazione é che qualcuno si mangerà tutta la ricchezza del loro boom economico, e che vedremo presto dei super-miliardari indiani che si fanno gli affari loro e basta.


#4

Ecco perché il 2020. Sono ottimisti, allora.


#5

Mio padre, da ingegnere, mi ha sempre detto di non prendere in giro ne Indiani ne Brasiliani.


#6

Ma [modalità Vulcaniana] è più logico [/modalità Vulcaniana] ritrovarci con quattro o cinque diversi veicoli spaziali di quattro o cinque diversi paesi,tutte in grado di fare la stessa cosa,ossia andare in LEO,o collaborare per realizzare tutti insieme un unico sistema di trasporto realmente economico e sostenibile terra/LEO?
E’ anche vero che in ambito Aereonautico avere vari modelli di una stessa classe di Aereoplani è un vantaggio,ma trasportare la stessa filosofia nel campo del volo spaziale,che presenta caratteristiche molto diverse da quello atmosferico,è cosa saggia?
Non sarebbe più conveniente unire gli sforzi?


#7

Questa modalità vulcaniana é ibrida idealista-bucolica; si sarebbe cosa saggia unire gli sforzi, così come il fare mezzi di trasporto di massa al posto delle automobili, come firmare tutti il protocollo di Kyoto, come salvaguardare foreste e animali, produrre solo sostanze plastiche biodegradabili e riciclabili, abolire il fumo e ciò che fa male alla salute… e mi verrebbe da continuare molto a lungo. Forse la razza umana é meglio che non si propaghi troppo per l’universo, anzi andrebbe sfoltita un pò. Discorso escludente i presenti, ovviamente :grin:


#8

Eh, magari, ma siccome gli stati sono l’espressione dell’infantilità umana più generale, continuano a fare i bambini capricciosi.
Così ecco veicoli ridondanti come Soyuz-Shengzou o Progress-ATV o Shuttle-Buran e mi fermo qui.

Siamo molto lontani dal sogno fantascientifico di un ente spaziale mondiale che coordina le attività astronautiche. Poi, adesso che i privati sono entrati nel giro… questi come li standardizzi?

Viene da pensare ad una bella invasione aliena, ma starebbero tutti a litigare nel proporre la “loro” arma come unica vincente e quindi gli alieni ci annienterebbero.

Sfoltire l’umanità invece avrebbe come effetto l’abbandono dell’astronautica a tempi futuri. Meglio invece una sovrabbondanza di manodopera da “consumare” nelle miniere spaziali. Così la manodopera costerebbe meno di un robot, con tutti gli annessi e connessi.

Però noi siamo qui, ed ognuno fà quello che vuole. Invece mi chiedo e mi domando: ma il veicolo manned europeo proprio no, eh?


#9

Riesumo questo argomento (se i responsabili preferiscono crearne uno nuovo…) perché ora abbiamo l’ufficialità. Prima missione abitata nel 2022, tre uomini di equipaggio per un volo orbitale.

http://www.spacedaily.com/reports/India_to_send_three-person_crew_on_landmark_space_mission_999.html


#10

Io sono un po’ perplesso. L’articolo non menziona nessuna applicazione futura se non il volo celebrativo del 2022. Staremo a vedere


#11

Si, in effetti accenna vagamente solo alla possibilità di contribuire, in seguito, a progetti internazionali… :thinking:


#12

Un paio di disegni.

immagine

immagine https://twitter.com/chethankumartoi/status/1079231031679434754?s=21


#13

Intervista al chairman di ISRO.


#14

L’India ha in programma il primo volo spaziale umano nella seconda metà del 2021, e sarà molto probabilmente con almeno una donna astronauta a bordo. Il Presidente dell’organizzazione indiana di ricerca dello spazio (ISRO) K Sivan ha detto che le candidate donne saranno considerate attivamente, anche se non si vuole pregiudicare il processo di selezione che deve ancora cominciare.

"Noi, ovviamente, vorremmo avere anche le donne sul volo spaziale. Sarebbe molto buono se una donna fosse parte del primo volo. Ma queste cose devono ancora essere discusse e finalizzate. Il processo di selezione (per la scelta degli astronauti) non è ancora iniziato, "Sivan ha detto.

"Sono molti i criteri che devono essere soddisfatte per la selezione degli astronauti. L’aeronautica, che fornirà i candidati, farà parte dell’intero processo. Il processo di selezione è lungo e forse è ancora un po’ presto per parlare di queste cose ", ha detto.

Circa 60 donne hanno finora fatto un viaggio nello spazio, su un totale di più di 550 astronauti, tra cui la nativa indiana Chawla, che è morta nel Columbia incidente nel 2003.

Per il volo spaziale umano, ISRO sta costruendo un veicolo spaziale che può ospitare fino a tre astronauti e può rimanere nello spazio per un massimo di sette giorni. Ma Sivan ha accennato che il primo volo potrebbe non essere pieno.

"Per il primo volo, ci potrebbe essere un numero minore di astronauti. Questa è la caratteristica generale ", ha detto.

"Avremo una capacità di tre astronauti per il primo volo. Ma prima che la missione sia finalizzata, dovremo decidere quanti astronauti potranno andare e quanti giorni rimarranno nello spazio, se per sette giorni o solo due o tre giorni. Tutto questo dipende dalla criticità della missione ", ha detto.

Sivan ha detto che fino a 10 candidati dall’aviazione indiana potrebbero essere i finalisti per l’addestramento che andrà avanti per circa un anno e mezzo.

"La selezione e l’addestramento saranno un processo parallelo. Forse circa 10 candidati saranno scelti da un grande elenco di persone e tutti loro saranno sottoposti ad addestramento. Da loro, uno o due o tre finalisti saranno selezionati ", ha detto.

Sivan ha detto che l’addestramento sarà condotto presso strutture in India e all’estero. "Molti paesi hanno dato una mano per fornire strutture di addestramento. Russia, l’Agenzia francese e altri. Tutte le agenzie spaziali sono state molto molto collaborative. Essi sono disposti a darci una mano con l’addestramento ", ha detto il Presidente ISRO.

Ha escluso invece che ogni scienziato ISRO verrà imbarcato sulla prima navicella. Alcuni anni fa, quando il volo spaziale umano era stato appena proposto, ISRO e l’aeronautica avevano fatto rivendicazioni su chi poteva essere a bordo.

"Non ci sarà nessuno da ISRO sulla navicella. Tutti i candidati saranno della forza aerea indiana, "Sivan ha detto.

Il Presidente ISRO ha detto che il primo passo nella missione Gaganyaan è stato quello di istituire una struttura di gestione in atto, che ha detto sarebbe stato fatto entro 10 giorni.

"In questo momento, non abbiamo un team di missione. Alcuni scienziati sono stati invitati a iniziare a lavorare sulla progettazione del progetto Gaganyaan. C’è una squadra informale per mantenere le attività in corso. Ma entro questa settimana, o massimo entro dieci giorni, avremo la struttura di gestione pronta a guidare il progetto ", ha detto.


#15

Gaganyaan, il grande salto umano indiano allo spazio dal 2022, sarà presto sotto un nuovo centro di volo spaziale umano. Un team di 800 a 900 persone deve essere distribuito nel corso del tempo per realizzarlo.

L’organizzazione indiana di ricerca spaziale ha nominato Unnikrishnan Nair, che ha diretto l’Advanced Space Transportation Programme presso il Vikram Sarabhai Space Centre, come l’uomo a dirigere il nuovo centro. Il Dr. Nair è già stato coinvolto in questo lavoro per alcuni anni come direttore, progetto di volo spaziale umano. Isro. R. Hutton, che ha timonato il programma PSLV Light Lift Vehicle, anche da Thiruvananthapuram, è il direttore del progetto in tale set-up.

K. Sivan, ISRO Presidente e segretario, dipartimento dello spazio ha annunciato il nuovo set-up subito dopo la sua formazione. Una manciata di vice direttori ciascuno per il centro ed il progetto inoltre è stato selezionato.

"Gaganyaan è la nostra massima priorità ora. Il centro di volo spaziale umano, con sede a Bengaluru, effettuerà tutte le attività connesse al programma umano. Sotto esso funzionerà il progetto di Gaganyaan. "

Dr. Sivan ha spiegato, “tutti i lavori relativi alla missione inizieranno formalmente ora”, tra cui il calendario, Blueprint di vari compiti, selezione di astronauti con l’aeronautica indiana e sistemi basati sul rapporto del progetto.

L’ istituto indiano di scienza spaziale e della tecnologia, Thiruvananthapuram, che produce circa 100 ingegneri spaziali ogni anno, sarà una fonte primaria di talento, ha detto un alto funzionario.

“L’anno 2019 ha iniziato con un Big Bang con Gaganyaan ricevendo l’approvazione del governo e di bilancio per la messa in orbita di astronauti nello spazio per sette giorni”, ha detto il dottor Shivan. Gli astronauti orbiteranno sulla terra da un’orbita di 400 km.

Il progetto, secondo lui, sarà un importante punto di svolta per ISRO, espandendo le sue attività al di là delle attività ingegneristiche di lanciatori e satelliti-e nel Regno di sviluppare e gestire le tecnologie per sostenere gli esseri umani nello spazio.

"Dobbiamo selezionare gli astronauti, addestrarli, creare e garantire condizioni vivibili nello spazio per loro riportarli in modo sicuro e poi riabilitarli nella loro routine ", ha detto Dr. Sivan.

Il veicolo pesante di lancio GSLV MarkIII-che ha ottenuto operativo in novembre dopo il relativo secondo volo successivo in una fila, deve essere certificato adeguatamente per il volo umano. Avrà due voli non abitati nel dicembre 2020 e luglio 2021.

Il volo effettivo con equipaggio è mirato ad accadere entro il dicembre 2021 per soddisfare l’obiettivo del primo ministro di agosto 2022, l’India 75 ° anno di indipendenza.


#16

AHMEDABAD: il conto alla rovescia per l’ambiziosa missione spaziale dell’India Gaganyaan ha iniziato e gli scienziati ISRO sono a rotta di collo per raggiungere la missione di dicembre 2021 scadenza. L’India ha sviluppato internamente la tuta spaziale, che porterà l’etichetta “Made in Vadodara”. La tuta è 20% più leggero e un centesimo del costo della sua controparte straniera. Vedrà il meglio delle tute spaziali americane e russe. L’ultima volta che un indiano indossava una tuta spaziale era nel 1984, quando Rakesh Sharma volò a bordo della Soyuz T-11 russa.

Sure Safety, un produttore di apparecchiature per la sicurezza industriale di Vadodara, ha progettato la tuta da zero dopo aver collaborato con ISRO ’ s Space Applications Centre (SAC), Ahmedabad. L’azienda ha dato il primo assaggio della tuta spaziale alla Mostra futuristica tecnologia inaugurata il Giovedi presso la Science City. Carmine giudice, amministratore delegato della società, ha detto TOI che le prove per testare il materiale in condizioni di laboratorio sono quasi finita, compresi i test vuoto camere. "Fin dalle comunicazioni, i bio-sensori che misurano le temperature corporee, i livelli di ossigeno e di monossido di carbonio e i sistemi di gestione della pressione, tutta la tecnologia è stata sviluppata a livello indigeno. Siamo la quarta azienda al mondo a produrre un abito per gli astronauti ", ha detto. Altra caratteristica della tuta sono una cerniera cappuccio flessibile, guanti touch screen sensibili, tasche utility, deviatori d’aria e scarpe di peso leggero. La tuta spaziale funziona a temperatura variabile da-40 ° c a 80 ° c.

Parlando rispetto ai suoi omologhi utilizzati dalle agenzie spaziali negli Stati Uniti e in Russia, la tuta è di circa il 20% più leggero, pur mantenendo elevati standard di sicurezza nei confronti di fuoco, acqua e cambiamenti di pressione. “Possiamo dire che la tuta è un incrocio tra quelle utilizzati dalla Russia e gli Stati Uniti in termini di sistema di supporto vitale, ossigeno/gestione dell’aria e funzionalità”, ha aggiunto. La tuta sarà anche nucleare, biologica, chimica (NBC) resistente.

immagine


#17

Carmine giudice o Carmine Giudice? Un italiano? Siamo come il prezzemolo… :grinning:
Chissà, riuscire a contattarlo…


#18

Si chiama Nishith Dand, è indiano.
Google translate mi dice che Dand significa anche “pena”. E si vede che Nishith assomiglia al nome Carmine in italiano.


#19

ISRO prevede di inviare robot umanoidi in voli senza equipaggio di capsula Gaganyaan come preparazione per il suo volo spaziale umano.

Possiamo aspettarci che accada a metà-2020 e primo indiano nello spazio lanciato da ISRO prima della fine del 2021.

Capo di ISRO-Mr. K. Sivan fornito informazioni importanti sul progetto che,
“l’umanoide è quasi pronto”
“progettazione (capsula e altri sistemi) di configurazione da congelare sia questa settimana o successiva (in priorità) seguita da appalti materiali e test hardware”

Personalmente, penso che il “umanoide” sta per essere solo un manichino crash test con alcuni sensori extra o piccoli attuatori sulle sue mani, ecc Media indiani è noto per le notizie fuorvianti su questioni tecniche. ISRO è anche noto per rinviare le date di lancio, le scadenze del progetto (se esiste) molte volte anche dopo aver detto tutto è in esecuzione liscia.

Io dico, un robot è opzione molto meglio che inviare animali in capsule di prova!


#20

Devo imparare a leggere i testi in lingua originale, ma sono troppo pigro. :grin: