Le tute spaziali di SpaceX e Boeing


#41

Nessuna certezza assoluta… se posso citarvi lo stilista è José Fernandez

https://www.nasaspaceflight.com/2017/01/starliner-space-suit-boeing-blue-revealed/

Qui bergin scrive: “Il casco morbido simile a un cappuccio della tuta sfoggia un’ampia visiera in policarbonato per offrire ai passeggeri di Starliner una migliore visione periferica durante la loro corsa da e verso lo spazio.”

Questo è il commento di una astronauta americana. Si vede la foto una tuta Boeing blue con la testa scoperta. La chiusura appare rapidissima… Si indossa il cappuccio e si chiude la zip.

Non ho ritrovato la fonte che citavo ma spero di aver rimediato con le foto dell’ultimo link :slight_smile:


#42

La comparazione è della Williams che ha indossato le 2 tute. Parla dei 15 secondi come termine di decompressione ma non della difficoltà della tuta spacex. Forse è un altro giornalista che l’ha scritto. Ma non è del tutto falso. Il casco studiato dalla Boeing è un cappuccio poggiato sulle spalle che si chiude con una cerniera. Il casco studiato dalla spacex è un casco staccato che si infila e si chiude tramite clip.


#43

Everydayastronaut ha fatto un ottimo lavoro con il video della tuta di Boeing. Ottima divulgazione. Queste altre foto che ha scattato per la tuta di SpaceX sono altrettanto utili, anche se a mio personale parere questa fotografata e’ una tuta da esposizione, non troppo diversa da quella finita e reale, ma spero che il nostro amico Tim Dodd possa girare un video analogo anche per la tuta di SpaceX.


#44

Sottoscrivo appieno Marco sulla considerazione qui sopra.
Come già scritto anchio un paio di giorni fà, direi che alla NASA non ci lavorano proprio 4 stolti … se certificano una tuta, si vede che avrà tutti gli standard ok … non sono dei pazzi, dai ragazzi :wink: :beer:

Quindi prima di commentare, aspetterei di vedere all’opera la tuta, magari non solo la sua versione “da esposizione”.


#45

Sarebbe interessante osservare la tuta “nuda”,ossia senza overgarnment.
Questo è molto chiaramente in due pezzi,diciamo casacca e pantaloni.
Vedo che a destra (lato bandierina Americana),in alto su un fianco c’è la pattina di quello che portebbe essere una tasca,ma potrebbe anche essere il punto di accesso di un tubo verso il sottostante connettore.
Concordo con Peppe sul fatto che si tratti di una tuta molto minimal (buono il paragone con la tuta Mercury).
Forse in questo caso ha prevalso il desiderio di un design “figo” e cinematografico,ma considerando tutti i parametri di Sicurezza che la NASA esige è evidente che questa tuta il suo lavoro lo deve svolgere.
Immagino anche che la soluzione di fornire insieme alla capsule anche le tute costituisca un risparmio per la NASA; cioè che l’Ente spaziale spenda meno di quanto avrebbe speso se avesse fornito le tute per gli Equipaggi,ingiungendo a SpaceX e Boeing di rendere i sistemi di bordo compatibili per quelle tute.


#46

Non per insistere, ma sia l’articolo di Everydayastronaut che quello di Teslarati indicano come punto di connessione la “placca” che si trova sulla coscia destra, ben visibile in questa immagine

(credit: Teslarati)

In particolare, nell’articolo di Teslarati si dice:

One of the most difficult challenges of the spacesuit’s design was bringing all necessary external connections (power, water, air, etc) into one single umbilical panel located in the middle of the suit’s right thigh, meaning that astronauts will only have to worry themselves with a single, simple connection point once inside Crew Dragon.


#47

Un piccolo video della tuta spacex