OneWeb dichiara bancarotta

La bancarotta di OneWeb potrebbe avere conseguenze anche per Arianespace, uno dei creditori di OneWeb per 238 milioni di $:

2 Mi Piace

Certamente. Ariane 6 doveva debuttare proprio con un lancio OneWeb.

1 Mi Piace

Quanti satelliti avevano già in orbita, e a che quota?
Un po’ di space debris in più :roll_eyes:

stando a wiki, circa 70 in orbita circolare a 1200 km. considerato l’ammontare, spero che in qualche modo possano essere utilizzati da qualche altra compagnia

La caduta di Oneweb manderà in crisi anche i russi. Solo quest’anno erano previsti una decina di lanci circa con i Soyuz da tre siti di lancio. Quindi ci saranno in questo momento una decina di Soyuz o più in varie fasi di realizzazione che ora non hanno più un payload.
Anche il Launcherone della Virgin aveva vari lanci Oneweb in programma.
Un bel disastro.

1 Mi Piace

Un bell’articolo con molte informazioni in merito

Riporta anche alcune dichiarazioni piuttosto pesanti di Gwynne Shotwell, presidente e responsabile delle operazioni di SpaceX, in cui praticamente esorta a non investire in OneWeb in quanto considerati dei “novellini”.

In questi casi non vi è nessuna assicurazione in gioco o qualche sorta di deposito cauzionale?

Non ne ho idea. Penso che un deposito iniziale esista ma non credo copra decine di vettori. Le assicurazioni di solito coprono i rischi di un fallimento del lancio, non del committente o del proprietario del payload.
Immagino che nel contratto ci siano delle penali o altro ma immagino sia comunque lungo e difficile recuperare soldi da un’azienda in fallimento. :face_with_raised_eyebrow: :frowning_face: :frowning_face:

1 Mi Piace

Bisogna aspettare e vedere. È un chapter 11. Possono ristrutturare e ripartire. Non è la bancarotta totale. Serve un investitore però. Ci sarà qualcuno che si farà avanti di questi tempi? Forse si, forse no.

2 Mi Piace

al momento si vocifera di Apple o Amazon… chissà se la struttura tecnica possa fare al caso loro.

Se alla fine non interessassero a nessuno, non si potrebbero deorbitare?

Se nessuno è interessato agli asset di One Web,.i satelliti verranno deorbitati.

Chi paga il rientro?

One web ha comunque mantenuto un minimo di forza lavoro per gestire quelli attualmente in orbita. Non so al di là della orchestrazione operativa quali burocrazie bisogni soddisfare.

Non ne sarei cosi’ sicuro. A parte un rientro “naturale” dipendente dalle caratteristiche e dalle perturbazioni dell’orbita, per un rientro controllato serve calcolare manovre adeguate, o in altre parole, serve che qualcuno faccia operazioni.

Ora, che OneWeb possa stipendiare dei flight control team solo per deorbitare quegli asset che potrebbe vendere ad un acquirente lo troverei incredibile e autolesionista.

E’ piu’ probabile (ma e’ una mia speculazione) che qualcuno dei progetti concorrenti si faccia avanti e compri assets, brevetti ed expertise ora che OneWeb e’ di fatto in amministrazione controllata

3 Mi Piace

Sono assolutamente daccordo. Ma se si arriva alla situazione (assurda direi, però di questi tempi…) che nessuno vuole quei satelliti e con lo staff di OneWeb che non potrà più continuare le operazioni di monitoramento orbitale credo che l’USAF ( o ora SpaceForce) interverrà per il deorbitamento.

Credo di aver letto da qualche parte che sarebbe compito del governo inglese (via RAF ?) gestire la cosa, può essere ?

Vedremo, e ovviamente, facciamo il tifo perche’ non serva :dollar: :dollar: :dollar:

C’è una folla interessata fuori le porte di oneweb, vediamo se qualcuno mette mani al portafoglio:
http://www.parabolicarc.com/2020/05/07/amazon-spacex-among-companies-circling-bankrupt-oneweb/

2 Mi Piace

Nel frattempo noi abbiamo preso un paio di “profughi” di OneWeb :slight_smile:
Credo abbiano fatto parecchia esperienza di LEOP :grin:

4 Mi Piace