Perchè l'azoto nelle gomme è una bufala?

Anche io le gonfio ad azoto di solito.
Solo che ho un po’ il braccino corto e allora invece di quello puro mi faccio dare quello con concentrazione al 78% (il resto sono gas minori, tipo O2 e CO2). Risultati molto simili.

Ma a che velocità vai con la tua macchina?! :stuck_out_tongue_winking_eye:
Anche io di solito prendo quello al 78% :wink:

Non è una questione di velocità, quanto di sicurezza.
D’estate gonfiate completamente ad Azoto perchè, essendo un gas inerte, non si scalda e quindi non aumenta di volume; Questo garantisce migliori prestazioni alla macchina e annulla i rischi di scoppio dei pneumatici.
Diversamente in inverno, gonfio ad aria normale perchè, garantisce più stabilità e , grazie all’aumento di pressione interna, una superficie maggiore di aderenza. durante l’inverno non c’è rischi di scoppio dei pneumatici, logicamente solo se sono buoni e non mezzi sacagnati o usurati,perchè le temperature esterne sono molto basse. :ok_hand:

L’azoto secondo alcune strane teorie servirebbe ad avere più sicurezza ma è una teoria senza fondamento, l’azoto risponde alla legge fisica PV=nRT allo stesso modo dell’aria… l’unica differenza è l’umidità presente nell’aria che ad alte temperature (sopra i 100°) altera in maniera predominante la pressione in relazione alla temperatura… ma le tue gomme non raggiungeranno mai questa temperatura… per cui la differenza è assolutamente impercettibile, e la teoria dello scoppio non ha la ben che minima base reale…

Qui per evitare di farsi spillare inutilemente soldi dai gommisti:
http://www.wroar.net/pages/gomme-ad-azoto.html

Albyz!
Anche debunker dei gommisti!!! :stuck_out_tongue_winking_eye:

Per quel che mi riguarda, dato che quando lo faccio il mio gommista non mi fa pagare niente, io continuerò con la mia sana abitudine nel gonfiare le ruote ad azoto; Per altro, più che fidarsi di quello scritto da uno sconosciuto su un sito (www.wroar.net), preferirei rigirare il quesito a qualcuno forse più affidabile, vuoi tu che sia tipo Piero Angela o Alberto Angela.
Potrei credere a quanto scritto se, da parte del gommista, ci fosse interesse per guadagnarci qualche Euro in più però, visto che è sempre a mia discrezione e completamente gratis, rimango con il dubbio.
Comunque sia nel dubbio, dato che quanto scritto nel sito postato da Albyz si dice che non c’è assolutamente nessuna differenza, continuo nel mio fare. Se poi è vera la cosa non ho speso un Euro in più. se è falsa è la stessa cosa.

Come vuoi, la fisica comunque è uguale per tutti, non c’è bisogno degli Angela per esporla e validarla se è corretta…

Comunque sia nel dubbio, dato che quanto scritto nel sito postato da Albyz si dice che non c'è assolutamente nessuna differenza, continuo nel mio fare. Se poi è vera la cosa non ho speso un Euro in più. se è falsa è la stessa cosa.

Come vuoi… io comunque se faccio qualche cosa lo faccio sapendo perchè lo faccio… ma tant’è… può benissimo darsi che il gommista (che non mastica fisica tutti i giorni) lo faccia in assoluta buona fede perchè qualcuno glielo ha detto… e nn è mai tempo perso spiegare a qualcuno il perchè una leggenda metropolitana senza base fisica è inutile, facendo al contempo divulgazione e un’ottima figura in fatto di correttezza… fine OT :wink:

Albyz ha ragione. L’azoto in quanto inerte non reagisce scatenando fenomeni di combustione e ossidazione, ma a livello di pressione si comporta come tutti i gas approssimabili come gas ideali, per cui vale la legge citata da Alberto. Ciò vuol dire che la pressione dipende dalla temperatura, e viceversa, anche nell’azoto. I vantaggi dell’azoto sono a livello di alte prestazioni, e quindi alte temperature delle gomme, per cui con un gonfiaggio ad aria, l’acqua presente nell’aria reagirebbe in maniera maggiore alla temperatura, aumentando la pressione di molto. Altri vantaggi minori sono l’usura inferiore delle parti ossidabili all’interno del pneumatico.

Dato che l’argomento non è l’azoto, con questo chiudo , da parte mia. Ognuno è libero di fare e credere quello che vuole! Dal cato mio, pur se la fisica non è paglia, non mi fido di quello scritto dal primo venuto, oltretutto che non firma quello che asserisce.

Te lo firmo io a nome degli “autori originali”, che probabilmente non possedevano un’autovettura:

Boyle
Gay-Lussac
Lord Kelvin

Fine OT.

Ciao a tutti.

Sono il primo venuto che ha pubblicato l’articolo :smile:
In effetti topopesto hai una parte di ragione: non è corretto fidarsi ciecamente di qualcosa trovato su internet. Però nell’articolo trovi spiegazioni basate su legge della fisica e della chimica facilmente verificabili, molto più di capo, gonfia le gomme ad azoto che sennò te scoppiano che mi sento spesso dire da alcuni gommisti. Per carità spessissimo in buona fede, solo che conosco amici che ogni 4 mesi buttano 15 euro per tale operazione.

La cosa bella è che sono convintissimi di ciò che fanno ed ho perso le speranze. Nel molto piccolo mi ricordano i complottisti che con superiorità ti guardano e pensano: “guarda 'sto poraccio che non ci arriva a capire come stanno veramente le cose”, ed anche se provi a portargli riferimenti, prove e quello che vuoi saranno sempre della loro opionione.

Tornando IT nell’OT (prima ed ultima volta, mi scusino gli amministratori del forum) vorrei solo far notare un particolare che spesso sento citare: gli Angela, così come Attivissimo ad esempio, sono dei divulgatori scientifici. Per esser chiari il loro “lavoro” non è tanto di provare ma di Spiegare alle masse. Non è detto alla fine che Angela ne sappia più di me, sicuramente saprà spiegarlo molto meglio di me. (beh, nel mio caso, è facile che ne sappia pure più di me :slight_smile: ).

In effetti qualcosa di chimica e fisica l’ho appreso durante i miei anni ad ingegneria meccanica, ma per carità: fai benissimo ad esser dubbioso.

Permettimi però di farti notare che forse sarebbe meglio esser ancora più dubbiosi di chi vende un servizio basato su una falsità ancora più evidente: l’azoto espande con l’aumentare della temperatura così come fa l’aria come hanno già fatto notare altri :slight_smile:

Però per carità, ripeto: non è mia intenzione convertirti per forza in special modo se te le gonfiano gratuitamente.

Ciao :beer:

Ora la discussione è divisa e IT, liberi di continuare :wink:

Io è la prima volta che sento sta faccenda dell’azoto, non ne ho sentito mai parlare neanche quando guardavo la Formula 1 … sarà un caso, forse me lo sono perso…
Ho pure degli amici gommisti…
Mi sembra un poco una cosa un tantino esagerata…
ovviamente ognuno è libero di fare e comportarsi come vuole, se non ci sono controindicazioni.
Ma ad esempio, le ruote dello Shuttle, come sono gonfiate? :thinking:
Quelle si, che sono soggette a sbalzi di temperatura e pressione!
Sarebbe interessante sapere anche questa dinamica!

La “moda” delle gomme gonfiate con azoto deriva dalle competizioni automobilistiche, il motivo per cui viene usato in questo campo, però, è diverso. Ad una gomma da competizione viene richiesto che la variazione di pressione segua pedissequamente PV=nRT ma, soprattutto, che la pressione sia uniforme all’interno della gomma. Questo è importante perchè in curva il pneumatico è più sollecitato (quindi più caldo) dalla parte del battistrada che sta nell’esterno della curva. Lo stratagemma che si usa è di gonfiare e sgonfiare più e più volte la gomma (quindi un processo non breve) fino ad essere ragionevolmente sicuri che nella gomma ci sia solo azoto e, cosa più importante, che non ci sia umidità! Questa infatti porterebbe imprevedibilità nell’evoluzione della pressione durante la gara, cosa non tollerabile in un campo in cui i centesimi di secondo sono fondamentali :slight_smile:

E’ evidente che questo discorso perde tutto il suo senso su un’automobile stradale :blush:

Il fatto è che neanche in F1 usano l’azoto… ma semplice aria secca…

Ma ad esempio, le ruote dello Shuttle, come sono gonfiate? :thinking: Quelle si, che sono soggette a sbalzi di temperatura e pressione! Sarebbe interessante sapere anche questa dinamica!

Caspita qui siamo OT, dell’OT che non è più OT, per cui ridiventa OT dell’IT… :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye:
Comunque, a parte gli scherzi le gomme dello shuttle come quelle degli aerei sono gonfiate ad azoto, oltre che per i motivi suddetti anche per evitare che un surriscaldamento (caso non così infrequente) dei freni dopo un uso intenso porti all’esposione delle gomme.

Anche per me questa cosa è totalmente nuova e basandomi sulle mie poche conoscenze di fisica, personalmente credo che non ci sia nessun vantaggio ad usare dell’azoto per gonfiare i pneumatici di un automobile “normale”.

Anche perché, non ho mai avuto esperienza di pneumatici esplosi d’estate per il troppo caldo, né a me, né a parenti, né ad amici/conoscenti.

OT le ruote dello Shuttle in questo forum!!!??? Ora segnalo al moderatore questa affermazione! Già ma sei te? :disappointed:
:stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye:

Comunque, a parte gli scherzi le gomme dello shuttle come quelle degli aerei sono gonfiate ad azoto, oltre che per i motivi suddetti anche per evitare che un surriscaldamento (caso non così infrequente) dei freni dopo un uso intenso porti all'esplosione delle gomme.

Io pensavo anche e sopratutto agli sbalzi di temperatura in orbita!

Ecco perchè in questo forum tutti le gonfiano ad azoto :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye:

:star_struck:
Vado subito dal gommista!!! :stuck_out_tongue_winking_eye:

Pensate che il metodo di gonfiaggio delle gomme era uno dei segreti della famosa “spy story” del 2007. Ora, non mi ricordo le tecniche di gonfiaggio della Ferrari quali fossero, ma è chiaro che loro hanno esigenze particolari legate alle gomme, soprattutto bisogna considerare le condizioni cui le stesse lavorano, del tutto peculiari, immagino, pur non essendo un tecnico.