Possibile integrazione voli Dragon-C2 e Dragon-C3

un paio di foto del vettore Falcon 9 in corso di integrazione per il volo COTS demo 2

in questa presentazione del Comitato Consultivo COMSTAC (COMmercial Space Transportation Advisory Committee) del FAA si trova la notizia che alcuni ritardi nel prossimo C2 Demo Flight sono dovuti a problemi di saldatura del secondo stadio del vettore Falcon9.

sempre in questa presentazione un’altra immagine (per me mai vista prima) della capsula Dragon dopo l’ammaraggio del C1 Demo Flight.


Dragon Recovery of C1 Demo Flight.jpg

prime timide conferme sulla integrazioni dei COTS demo Flight 2 e 3.

su SpaceNews.com la notizia che NASA e SpaceX hanno raggiunto un accordo “tecnico” per eseguire in un unico volo di test quanto inizialmente previsto nei COTS Demo Flight 2 e 3.

in particolare, si ipotizza che la capsula Dragon venga lanciata con il vettore Falcon 9 il 30 novembre p.v. e che il successivo giorno 07 dicembre proceda con il rendez-vouz (obiettivo previsto per il C2) e l’aggancio con la ISS (obiettivo del C3).

per questa ipotesi sembri manchi soltanto l’ufficializzazione da parte di NASA e SpaceX.

Ottima notizia! Questa capsula è una grande occasione ed è un gran bene che la Nasa gli stia dando fiducia.

Omogeneizzare le due missioni comporterebbe una riduzione dei tempi di collaudo, ma sopratutto, comporterebbe un risparmio di soldi considerevole.
Speriamo che la NASA sia favorevole così, si spera a breve, potremmo vedere anche la capsula DRAGON operativa e in volo verso la ISS.

Più che NASA mi sembra di ricordare che fossero stati i Russi a manifestare qualche riserva riguardo l’ok per il docking…comunque niente di insormontabile direi: accorpare i due voli significa un grosso risparmio di tempo e soldi, visti i tempi ne vale la pena!

faccio una domanda su C3: trattandosi pur sempre di un test, non ci sarà carico utile a bordo di dragon?
verranno aperti i portelli tra ISS e capsula o sarà soltanto effettuato il docking?
no perchè…andando fin là…varrebbe la pena portarsi qualcosa…ma non sono sicuro che sia così semplice :stuck_out_tongue_winking_eye:

Stinking Bishop…

di nuovo? e che è, una capsula per topi?

No, uomini e cani in cerca di Una Fantastica Gita…

Si… Anche se lo steso discorso non vale per la sicurezza… mi sembra una richiesta molto (o esclusivamente) economico/commerciale e non tecnica…per questo onestamente l’idea non mi entusiasta e non sarei stato così deluso se la richiesta fosse stata respinta… forse è un segno che SpaceX stia guadagnando forza ne panorama spaziale se ha la possibilità di chiedere (e ottenere) un tale sconto… il risultato non so però quanto sia un bene…

Anch’io avrei preferito si fosse progrediti per tappe, soprattutto con un operatore (SpaceX) ancora ai primordi per quanto riguarda i veicoli orbitali. La fretta è sempre cattiva consigliera.

Permettimi…ma di quali rischi stai parlando??? Se la proposta venisse approvata, le procedure di cattura e aggancio alla ISS sarebbero simili a quelle finora compiute con il cargo HTV. Se eventualmente dovessero esserci dei problemi o delle incertezze, ad aggancio avvenuto, si potrebbe sempre evitare l’apertura del portello di comunicazione.

Come già detto, visti i tempi di restrittezza che coinvolgono tutti, meglio risparmiare qualche “dindi” e procedere più celermente con le varie fasi.

Permettimi… sei un mito…:smiley:
Un giorno proponi di riempire ogni angolo della ISS di scialuppe in nome della sicurezza perchè “non si sa mai”, il giorno dopo per fare due foto sarebbero da cestinare tutte le più basiche regole di sicurezza, il terzo giorno tutti i manager NASA sono degli incompetenti perchè per gli shuttle persi la sicurezza non sanno cosa sia e meno male che ce lo ricordi tu… e ora per il primo volo test di un mezzo che non ha mai volato in cui si prevede da subito un aggancio con la ISS (e relative persone a bordo) non vedi problemi di sicurezza???

Quali rischi?

Tipo la Dragon che accelera invece di rallentare, e tampona la ISS?

Ma mi faccia il piacere!

Pfeh, giusto oggi su RR stavo leggendo il racconto dell’incidente del Challenger visto da Mullane…

Io quando saltavo una tappa con Buzz Aldrin Race Into Space di solito la pagavo cara…

A chi lo dici… :stuck_out_tongue_winking_eye:

Quanto alla questione dell’accorpamento dei voli dico la mia (per quello che vale…) innanzitutto non è solo una decisione SpaceX ma anche (e sopratutto della NASA) che ha formalmente la responsabilità della safety a bordo della ISS.

Naturalmente si tratta di un azzardo, sia pure mitigato da una serie di considerazioni:

  1. Il componente più critico del sistema di rendez-vous del Dragon, ossia il LIDAR “DragonEye” è già stato collaudato positivamente in una precedente missione Shuttle (STS-127).
  2. Il profilo di volo del Dragon, così come quello di HTV (come giustamente riporta Topopesto), prevede solo un rendez-vous di prossimità intorno alla ISS senza docking attivo, ma solo una “capture” con il braccio. E’ ovvio che tale manovra presenta un certo margine di rischio intrinseco ma è altrettanto ovvio che è meno rischiosa di un docking attivo e diretto.
  3. La NASA ha accettato rischi ben maggiori in occasione del primo volo dell’ATV, in cui si è proceduto (sia pure dopo una serie di rendez-vous e docking simulati ad orbita più bassa) direttamente con il primo prototipo (proto-flight) ad una manovra di aggancio diretto e trasporto di materiale a bordo della ISS senza nessun volo di prova precedente.

Premesso ciò, personalmente, avrei preferito comunque avere due distinti voli di prova data la novità del sistema, proprio per evitare quegli effetti alla BARIS (Buzz Aldrin’s Race Into Space).

Volendo puoi ancora farlo, a quanto pare…

http://sourceforge.net/projects/raceintospace/

Grazie per il link Smiley1081! :ok_hand:

Ok, confesso: non ci ho ancora mai giocato :flushed:

Archipeppe ha azzeccato in tutto e per tutto, esponendo al meglio, anche il mio punto di vista!

Sono contento di risultare così simpatico, ma ancora non capisco il tuo pto di vista! Anche se facessero le due missioni separatamente, la capsula DRAGON dovrebbe comunque, prima o poi, avvicinarsi alla ISS e compiere l’aggancio finale; che queste operazioni vengano compiute da subito o in due tempi, si tratterebbe comunque di procedure già verificate durante la fase di operazione delle capsule cargo HTV. Stesse procedure e stesse operazioni, cambierebbe solo la capsula.

Il quale concorda che due voli erano meglio… Punto di vista contorto il tuo… vabbè…

Anche se facessero le due missioni separatamente, la capsula DRAGON dovrebbe comunque, prima o poi, avvicinarsi alla ISS e compiere l'aggancio finale; che queste operazioni vengano compiute da subito o in due tempi, si tratterebbe comunque di procedure già verificate durante la fase di operazione delle capsule cargo HTV. Stesse procedure e stesse operazioni, cambierebbe solo la capsula.

Certo… nella tua logica di space-meccano non fa una grinza…

Mi pare improbabile che l’analisi dei rischi per prendere una decisione richieda mesi se i rischi, come sostieni, non ci sono… non ti pare?
Infatti se si va a vedere i rischi da valutare ci sono eccome (e non è un MIO punto di vista, sono dati reali, il TUO invece è un punto di vista quando dichiari che non ci sono rischi…):

  • Il carburante a disposizione per le manovre sarà minore rispetto ai due voli separati
  • Non ci sarà tempo sufficiente per analizzare tutta la telemetria fra i due gruppi di task previsti nei voli separati essendo le manovre a pochi giorni di distanza
  • Non si potranno fare tutti i test previsti in due missioni in una sola, e quelli cancellati a qualche cosa sarebbero pur serviti…
  • Il tempo di preparazione che prima era previsto per due missioni ora è nettamente minore, e questo è SEMPRE un rischio.
  • diverse questioni più tecniche, come un’antenna in banda S che è stata riprogettata per adattarsi al nuovo profilo oppure il sw di bordo anch’esso rivisto…
  • …perchè le cose una volta ti possono andare bene… ma due è già più difficile…