Prendono forma i piani ufficiali per le procedure di rientro della ISS

Comunque, questo è l’ingarbuglio tra Node1 / Zarya, passando per PMA-1
Evidenziati solo i cavi che collegano i 2 moduli, sono tutti energia/antenne/lan, niente fluidi (almeno esternamente)

In blu, è saltato fuori questo mini “Strela” USA: OTD (ORU Tranfer Device)

5 Mi Piace

Vasimr che fine avra’ fatto?

Anche il primo ministro Borisov si è espresso, dicendo che ci saranno ispezioni tecniche e quindi una decisione se uscire dal progetto, informando i partner internazionali con congruo anticipo. Ci saranno da fare valutazioni sullo stato tecnico del segmento russo e degli eventuali piani per costruire la stazione spaziale nazionale.

10 Mi Piace

Anche TASS riporta la dichiarazione di Roscosmos:

La decisione di continuare le operazioni della Stazione Spaziale Internazionale da parte della Russia sarà presa dopo il 2024 in base alle sue condizioni tecniche e ai progetti di creare una stazione orbitale nazionale.

Rogozin non avrebbe intenzione di “buttare tutto a mare”

Dmitry Rogozin, direttore generale di Roscosmos, ha affermato che la società statale sta monitorando lo stato della ISS, ma in generale, nonostante il superamento della durata di servizio dei singoli moduli, è troppo presto per cancellarla.

8 Mi Piace

Rispondendo ad un commento su Facebook, Rogozin ha anche aggiunto che prima di dismettere la ISS, bisognerà far partire la stazione nazionale:

Il punto è semplice: le pause nell’esplorazione spaziale con equipaggio sono distruttive. Fino a quando la nostra stazione nazionale non inizierà a funzionare completamente (anche nel volume minimo richiesto), non dovremmo ridurre i programmi di esperimenti nell’orbita della ISS. Pertanto, non dovremmo smarrirci sulla strada che stiamo percorrendo con tanta difficoltà in relazione al MLM. Il modulo deve entrare in attività e sarà utile.

https://www.facebook.com/dmitry.rogozin.739/posts/237382871473517

7 Mi Piace

Ok, allora fino al 2030 siamo tranquilli :rofl:

13 Mi Piace

Invece Rogozin punta al 2025. Il primo modulo è già operativo.

3 Mi Piace

Bah, in questo decennio vorrebbero tornare sulla Luna con la Cina, costruire questa stazione, sviluppare un lanciatore pesante (Yensei o una cosa del genere) e poi devono ancora lanciare Nanuka e hanno un budget non proprio al top…

2 Mi Piace

Ma… è la prima volta che si parla della stazione russa e c’è già il modulo pronto?
Qualcosa mi sfugge…

Si tratta di Prichal e NEM che avrebbero dovuto entrare su ISS ma che hanno progettato per essere stand alone
Probabilmente lanciano e poi in futuro separano

1 Mi Piace

Il modulo in questione è Научно-энергетический модуль, per gli amici NEM-1. E’ da tempo che Roskosmos dice di volerlo aggiungere alla Stazione Spaziale Internazionale nel 2024, collegandolo ad uno dei 4 boccaporti di Prichal, a sua volta connesso a Nauka. Sapevo che erano iniziati i lavori di costruzione, ma non che avessero già pronto il modello di volo.

5 Mi Piace

Secondo me sganciano anche Nauka. Il che ha senso. Perché costruire roba nel 2021 e buttarla nel 2025 (o anche 2030) quando Zarya Zvedza sono durati vent’anni?..

Come accennai più sopra, ecco un estratto, Roskosmos non vuole cestinare Nauka e Prichal dopo il 2024 visti gli ingenti investimenti fatti per averli in orbita e preso atto che la loro vita utile è di almeno 7 anni. Se per quella data saranno ben lontani dall’essere a fine vita, di certo non li manderanno al macero! Nel breve periodo Nauka, Prichal e NEM-1 torneranno sicuramente utili alla causa della Stazione Spaziale Internazionale, il resto si vedrà.

Sarà interessante capire come sarà gestita la questione del segmento russo dopo il 2024 se Roskosmos farà un passo indietro. Rimarrà il blocco in orbita? Se la risposta è sì, allora chi se ne occuperà? Purtroppo, al momento, sono domande a cui è prematuro dare una risposta!

2 Mi Piace

Premesso che se dovessi scommetterci una birra in lattina scommetterei che per ora è tutto sulla carta e Nauka e Prichal resteranno attaccati alla ISS oltre il 2027…ma questa è solo una opinione mia.

Avrei però una curiosità: quanto sarebbe verosimile in caso di ritiro della Russia dalla ISS, prevedere di sganciare il loro segmento, sostituirlo eventualmente con altri moduli, anche con volumi ridotti (ipotizziamo prodotti da privati, tipo Bigelow?) e mantenere il segmento internazionale operativo per un altro lustro? Intendo tecnologicamente, considerazioni economiche a parte, perché i fondi necessari per gestire una operazione del genere non sarebbero pochi, anche ammettendo l’entrata di privati per un eventuale sfruttamento turistico dei nuovi moduli. Parliamo di ipotesi fantasiose, eh, volevo solo vedere se sono tecnicamente sensate.

È quello che sul nostro forum definiamo il “LEGO spaziale”. Sarebbe un veicolo completamente diverso in cui le considerazioni tecnologiche e spaziali sarebbero centrali ed essenziali. Per trasformare un veicolo in un altro non basta staccare dei pezzi ed attaccarne degli altri, qui c’è un esempio del perché su scala molto più ridotta (immagina cosa accadrebbe alla scala della ISS):

3 Mi Piace

8 messaggi sono stati spostati in un nuovo Argomento: Possibile trasferimento del segmento russo agli altri partner del programma ISS

L’analisi di Katia Pavlushchenko, nel suo primo articolo per NSF

4 Mi Piace

NASA’S future in LEO: considerations for ISS extensions and transition

2 Mi Piace

Sarebbe interessante però sviluppare invece un sistema di propulsione con le sopracitate caratteristiche e collocarla comunque in una orbita sicura “cimitero” dove con la sua magnificenza rimane inalterata (o quasi) negli anni a venire in una fascia desolata attorno alla terra…piuttosto che sviluppare un programma di rientro di modulo per modulo, e valutare tutti i rischi, il rischio che i detriti più grossi impattino con la terra e centri abitati…etc…Tanto,in entrambi i casi, qualcosa va studiato, si per farla rientrare che per collocarla in un orbita cimitero.

2 Mi Piace

Ma forse fino a qui il discorso non è stato abbastanza chiaro.

Parcheggio: No. Non è sicuro/fattibile/conveniente/tutto quello che volete metterci in aggiunta.

Rientro modulo per modulo: No. Sarebbe improduttivo e parecchio dispendioso in termini economici/ore lavoro scollegare 25/30 anni di stratificazione di integrazioni.

Si decide la data, si fa un NOTAM di proporzioni epiche e si deorbita la ISS.

10 Mi Piace