Primo semaforo rosso


#1

In un altro forum Alan Stern, responsabile della missione scrive:

Overnight we had a routine DSN pass to check NH’s beacon status; this is the tone-generation system that reports red or green based on a rack up of s/c health. For the first time, we got a red beacon. It is Red 2, which is severe but not ultra-severe. We commanded the s/c to transit telementry and are now collecting TM and diagnosing the issue.

e poi

Early indications are that our bus controller (C&DH 1) computer reset itself, generating the Red 2 beacon tone owing to a watchdog timer reset.

24 ore dopo la causa del problema non e’ stata ancora determinata.


#2

Cavolo,speriamo risolvano il problema,sarebbe un peccato nn vedere i risultati di questa missione.


#3

Ma si è trattato di un reset che ha riportato il computer operativo o un reset nel senso che deve essere ricaricato tutto?


#4

Non so. L’ultimo aggiornamento (di circa due ore fa) dice:
“Root Cause of C&DH Reset: Remains TBD”


#5

In questo caso e’ un reset come quando fai il reboot del tuo PC quando si inchioda. I computer hanno un sistema HW/SW che controlla lo stato di salute del SW. Se il sistema rivela delle anomalie, o se il FSW stesso rivela delle situazioni anomale e non e’ prevista una sequenza di recupero, si genera un system reset che ripristina uno stato corretto del sistema. Dipende dal FSW cosa viene eseguito dopo un reset, ma solitamente e’ una sequenza predeterminata, non una attivita’ regolare.

Paolo
FSW: flight software
SW: software
HW: hardware


#6

Quindi l’operatività dovrebbe essere tornata completa giusto? Bisogna capire però cosa lo ha provocato…


#7

Non sono al corrente di cosa hanno fatto dopo l’anomalia, per cui il mio commento e’ generico:

Quando succede una anomalia di questo genere, prima di riprendere le operazioni normali si accerta prima lo stato di salute dello spacecraft. Se ci sono problemi che potrebero causare la perdita di strumenti o dell’intero sistema si cerca di porre rimedio all’imminente pericolo immediatamente. Nel frattempo, solitamente in parallelo, si cerca di capire la causa dell’anomalia, possibilmente replicando la situazione sull’engineering testbed e/o di trovare il problema nel FSW o nei componenti affetti dall’anomalia. Per questo e’ importante avere a terra una replica il piu’ possibile fedele al reale.

Nel caso che l’anomalia sia stata completamente groccata, si cerca una soluzione e si testa sull’engineering testbed. Se la soluzione funziona solo allora si replica sullo spacecraft.

Nel caso l’anomalia in questione sia una ripetizione di una anomalia avvenuta in passato, fermo restando la valutazione di stato di salute del veicolo, prima di replicare le operazioni per sistemare lo spacecraft, si verifica prima che l’anomalia sia la stessa. Si confronta la telemetria, lo stato del veicolo e tutti i dati disponibili e se ci sono differenze si verifica che le differenze sono ininfulenti oppure si cerca di valutare quanto queste differenze possano influire su come reagire all’anomalia.

Nel caso il tipo di azioni sia significativamente diversa, si ripova sull’engineering testbed prima di spedire i comandi.

In entrambe i casi solitamente si riporta lo stato del veicolo ad uno di base, ed una volta verificato a terra che il veicolo e’ di nuovo OK, si possono riprendere le operazioni normali.

Un ciclo di uesto tipo puo’ durare da poche ore a diversi giorni. Su MER quando ci siamo impantanati in Purgatory siamo rimasti fermi per due settimane mentre facevamo test, e ci abbiamo messo 5 settimane in tutto prima di riportare il veicolo ad uno stato normale. Nel caso di sistemi orbitanti attorno alla Terra alcune anomalie vengono gestite nel giro di poche ore (pensate a satelliti per telecomunicazione).

Paolo


#8

Grazie mille :wink:


#9

Questo e’ l’ultimo aggiornamento:

“Recovery complete! New Horizons is back to nominal hibernation.”

Questo e’ tutto quello che so al momento. Aspetto di saperne di piu’


#10

Comunque mi pare più che positiva come notizia!


#11

Visto che vorrei vedere da vicino Plutone da questo pianeta prima di doverlo fare dall’aldilà, mi auguro che la situazione continui così.

Paolo Amoroso


#12

Davero un ottima notizia :smiley:/
Ma si è capito cosa è successo? Non è che usano windows e gli ha dato schermata blu perchè si è alzato male la mattina… :grinning:


#13

L’ultimo aggiornamento

“Forensics continue down at the 1’s and 0’s level to learn why the reboot occurred. Attention is focusing on a possible (and subtle) C&DH software interaction with autonomy rules.”


#14

No cavolo! Con tutto il viaggio che l’aspetta non può già iniziare a dare problemi!! [-X
Speriamo che si sistemi tutto e di poter vedere le immagini del sistema Plutone-Caronte. GO NEW HORIZONS!! :smiley:/


#15

Il cruise stage e’ proprio il momento migliore per avere problemi (se devi averne). Hai tanto tempo per analizzare, provare e
caricare nuovo SW o patches, nuove sequenze di comandi. A parte le TCMs non c’e’ molto altro da fare.

Paolo

TCM: trajectory correction meneuver


#16

Forse un po’ di TT… :wink:


#17

Se parli di tracking,se il trasmettitore sulla sonda funziona, lo fai principalmente con le stazioni di terra. Altro gruppo di persone (Comm e ACS), altre tecnologie.

Paolo

Comm: communications
ACS: Attitude and Control System


#18

Ehm…

TT: nel forum è Toccatina… diciamo scaramantica… :wink: