Rientro incontrollato di stadi e detriti spaziali

poco fa c’è stato un intervento di un esponente di ASI a skytg24 che ho trovato abbastanza sterilmente polemico riguardo l’approccio cinese allo spazio

Non l’ho sentito, ma qui potrebbero entrare in gioco le politiche anticinesi dell’amministrazione statunitense?

Per esemplificare (cancello se inappropriato):

2 Mi Piace

niente di che ma quando il giornalista ti inbecca sulle politiche di sicurezza cinesi vs occidentali le risposte sarebbe meglio rimanessero sul vago, chi ascolta spesso non sa niente e le informazioni che gli arrivano ne determinano il modo di pensare

Credo sia abbastanza fuori tema.
La sospensione di questo accordo commerciale è legata a eventi precedenti.
La Cina con questo volo non ha violato nessun accordo internazionale, né alcuna intesa tra agenzie spaziali.

5 Mi Piace

Però in una dichiarazione ufficiale l’amministratore NASA Bill Nelson ha affermato che la Cina non riesce a soddisfare gli standard responsabili riguardo i detriti spaziali.

Vero. Se specificasse a quali standard si riferisse, ci semplificherebbe molto la vita.
Comunque, tra gli accordi internazionali non c’è niente da recriminare, lo standard di fatto che seguono alcune delle agenzie, tipo ESA, sinceramente non so quelle degli altri, sono di rimanere sotto il rischio di 1:10.000. Qui mi pare fossimo abbondantemente sotto 1:1.000.000.

1 Mi Piace

Per dare un giudizio vorrei sapere se un rientro controllato era previsto ma non ha funzionato o se invece proprio non l’hanno previsto. Cosa che non ho ancora capito.

Nel caso 1 e’ un incidente. Il caso 2 non e’ piu’ accettabile quantomeno per stadi e/o satelliti massicci e/o numerosi. Se non ci sono trattati vanno fatti.

5 Mi Piace

Nello specifico concordo, ma in generale e’ indice della continuita’ delle politiche anticinesi da Trump a Biden, e dell’accodamento dei paesi europei, Italia compresa (imho, ovviamente… non sono un politologo).

Non conosco tutti gli accordi internazionali in materia ma credo sia molto difficile non sia previsto un metodo di deorbitazione controllata per evitare che qualcosa di oltre venti tonnellate possa tranquillamente cadere dove capita.

:hushed: Questa non la sapevo.

Qualche dettaglio in più

E il TL;DR

7 Mi Piace

Non se ne è discusso tanto (non che ci siano stati motivi), ma circa 6 minuti dopo la separazione tra Tianhe e il LM-5B c’è stato un passaggio vicino alla ISS, sotto i 300 km. Non c’è stato rischio reale di collisione, in quanto l’apogeo dell’orbita era più basso dell’altezza della ISS, ma abbastanza per rizzare le orecchie. Data l’incertezza della traiettoria è “un po’ allarmante” per McDowell. Inizialmente il lancio era previsto per 2021-04-29T03:18:00Z, ma un hold per dei problemi ad un sensore al GSE ha costretto lo spostamento alle 2021-04-29T03:23:00Z. Se non ci fosse statl’inconveniente, la ISS e Tianhe non si sarebbero mai incontrati.

Per McDowell è possibile che il passaggio ravvicinato sia stata una coincidenza, però rimarca il fatto che NASA sarebbe dovuta essere avvisata e soprattuttto i cinesi essersi accorti del possibile passaggio. La finestra si sarebbe chiusa dopo altri 8 minuti.

6 Mi Piace

Credo che ai piani alti delle agenzie la scienza ceda il passo alla politica, quasi sempre i dirigenti sono nominati da organismi politici, ai quali rispondono, e non da istituzioni scientifiche.

Quindi non sorprende che, alla luce della rinnovata fede atlantista ribadita dal nuovo governo, qualche dirigente in TV si lasci andare in esternazioni da guerra fredda invece di mantenere un contegno da uomo di scienza.

2 Mi Piace

La Cina ci fa sapere che non gli importa più di tanto dei rischi associati a lasciare in orbita il core stage del Long March 5B, anzi credono di essere loro vittime dei media…

Aspettiamoci quindi il bis e il tris l’anno prossimo…

3 Mi Piace

Vero ma c’è un fondo di verità anche in quello che scrivono. Due pesi e due misure quando si parla di cina e di america

4 Mi Piace

In che senso 2 pesi e 2 misure?
Non mi risulta che le agenzie e le aziende occidentali lascino cadere booster sulla propria popolazione o prestino un’attenzione così bassa nell’evitare un rientro incontrollato di oggetti così massivi.

Vogliamo dire che statisticamente il rientro del core del LM-5B non ha messo in pericolo particolare nessuno? ok.
Ma io non ci sto, e non posso eticamente permettere, che il governo cinese tenti di fare passare questa narrazione.

è inaccettabile.

Questa è la dodicesima stazione spaziale. Questa è la prima volta in assoluto che il lancio di una stazione spaziale non vede la caduta dei detriti nella terraferma. La prima volta in assoluto! Per tutte le 11 precedenti c’è sempre stato qualcosa di grosso che è caduto in un altopiano, un deserto, una foresta. Nel caso dello Skylab addirittura nei pressi delle città.

1 Mi Piace

Onestamente sono, sempre imho, motivazioni ridicole.
Questo è un rientro totalmente incontrollato, dove finisce finisce… Vantare il fatto che sia finito nell’oceano è RIDICOLO.

Sì, gli stati uniti hanno avuto rientri incontrollati paragonabili (non skylab!) ma si parla di altri tempi ed altre tecnologie disponibili.
Oggi il luogo in cui rientra un detrito come uno stadio fa parte della pianificazione della missione e del profilo di lancio, ed è così dai tempi dell’external tank di STS.
Il citato rientro incontrollato del seconda stadio spacex è un evento raro a fronte di una lunga storia di deorbitazioni avvenute in maniera precisa e controllata.

Aria fritta.

Per non parlare del dumping di primi stadi sulla popolazione o, purtroppo, di incidenti peggiori.

Falso. Nel 2019 gli Stati Uniti hanno confermato la legge che obbliga a deorbitare i razzi in 25 anni, non entro la prima orbita, ben 25 anni e solo due anni fa (Fonte). Questo per permettersi di fare lanci con profili che non permettono un rientro controllato.

Ma lo fanno effettivamente? Sì, ed è così per tutte la nazioni, non solo Cina. Eccoti un elenco degli ultimi stadi che puoi tracciare in tempo reale, lanci avvenuti stagione autunno 2020:

Ce ne sono altri che sono rientrati in pochi giorni e non sono più in orbita. Tutti questi stadi sono rientrati e rientreranno esattamente come il Lunga Marcia 5B. Tutti hanno componenti dense che arriveranno in superficie.

Se vuoi continuare la discussione, però ti consiglio di andare in un altro thread e di discutere in generale del rientro degli ultimi stadi, non delle politiche cinesi nello specifico. Qui siamo ormai off-topic.

Poi sinceramente non ho capito perché la mia motivazione è ridicola, non vanto che questo sia andato bene, cito che il fatto che tutti gli altri hanno avuto eventi discutibili, porto avanti fatti, non esprimo opinioni (cosa che mi piacerebbe fare e faccio volentieri fuori dal forum).

5 Mi Piace

Nota tecnica: abbiamo scorporato la discussione dal Topic del lancio di Lunga Marcia 5B per approfondire il tema in un Topic appositamente dedicato.

La preghiera per tutti è di approcciare gli aspetti politici della questione da un punto di vista il più possibile obiettivo, cioè basato su fatti e dati accertati, e normative/accordi in vigore di natura spaziale.

Eventuali degenerazioni saranno moderate.

1 Mi Piace

Visto che ora siamo in tema, voglio linkarvi una rubrica di spaceflight101 ormai non più mantenuta, ma ben aggiornata dal 2014 al 2018:
https://spaceflight101.com/re-entry/
Parla sia di rientri di satelliti che di razzi, per la maggior parte si tratta di rientri incontrollati, alcuni articoli presentano solo pochi commenti, altri sono molto dettagliati.

1 Mi Piace