Ripianificazione del budget del JWST

Il successore di Hubble: il James Webb Space Telescope (JWST) continua nel suo travagliato percorso.

Mercoledi una e-mail del portavoce AFP, T. Perrotto, conteneva i dati di stima sulla ripianificazione del progetto. Il telescopio adesso sarebbe previsto completato entro il mese di ottobre 2018, il costo complessivo sale a 8,7 miliardi di Dollari.
Dato importante della Mail è che il costo prevede non solo la costruzioen del telescopio spaziale, ma il lancio e il periodo di vita previsto per cinque anni.

Tale rialzo di stima (ricordiamo che il primo consuntivo prevedeva un costo di 3,5 milirdi di Dollari) sempre secondo quanto dichiarato comunque dovrebbe essere elastico e coprire eventuali sforamenti in cosrso d’opera.

Comunque qualsiasi decisioen definitiva si rifletterà nella richiesta di bilancio per il 2013.

Domanda: questi guai finanziari potrebbero riflettersi sulla lunghezza della vita operativa del telescopio?
Sapevo che JWST era disegnato per una vita minima di cinque anni, ma che il “goal” era una durata di almeno dieci.
Se, toccando ferro per non dire altro, tutto va dritto e JWST funziona alla perfezione, dovrebbe essere conveniente “spremerlo” il più possibile.
Altra domanda: cosa intendono per “poor management”? Se questi guai finanziari sono dati dalla necessità di non ripetere la porcata fatta con Hubble dove per risparmiare due milioni di dollari ne dovettero spendere poi 600 per mettergli gli occhiali, visto oltretutto che il lancio e il dispiegamento di JWST sono un vero e proprio “o la va o la spacca”, non me la sentirei molto di chiamarlo “poor management”.

il senso secondo me potrebbe essere questo lo costruiamo,ma accorciamo la vita, visto il budget a disposizione.
comunque è una interpretazione.