Soyuz TMA-20 / Expedition 26 Mission Log

ISS Daily Report Mercoledì 01 Dicembre 2010

T2/COLBERT sta dando ancora qualche problema e Scott sta eseguendo un troubleshooting, ha predisposto l’attrezzatura per una serie di cicli on/off da eseguire da remoto.

Kaleri e Oleg stanno portando avanti l’installazione di RSPI, per il momento senza grossi problemi. Oleg ha inoltre continuato con la IFM al condizionatore SKV-2, per il quale ha iniziato i test della nuova pompa.

Altre attività svolte da Oleg sono state:

  • ispezione di un giunto idraulico del circuito chiuso del sistema termico russo.
  • verifica funzionale dei sensori per il rilevamento del flusso d’aria, sistemati nei pressi dei vari portelloni.
  • ispezione quotidiana del sistema di supporto vitale SOZh e service alla toilette facility.
  • aggiornamento del database dell’inventario.

Per Scott le attività di maggior rilievo sono state:

  • ispezione di alcuni payload commerciali
  • analisi microbiologica dei campioni d’acqua prelevati lo scorso 29/11.
  • utilizzo del TOCA per campioni raccolti in WRS (Water Recovery System) in Nodo3.
  • ulteriori pulizia dei ventilatori intemodulari e dei relativi silenziatori.

Alle 9:05 am, Scott Kelly ha tenuto con Houston, la regolare conferenza sul materiale inventariato.

ISS Daily Report Giovedì 02 Dicembre 2010

In US Lab, Scott ha eseguito il service a VCAM (Vehicle Cabin Atmosphere Monitor). Questo strumento sviluppato dal JPL identifica gas che sono presenti in bassissima quantità e che, negli ambienti abitati potrebbero essere dannosi sul lungo periodo. Se questo strumento darà i risultati sperati, le future evoluzioni del VCAM accompagneranno gli equipaggi delle future missioni di lungo termine. Simile al precedente VOA (Volatile Organic Analyzer), VCAM fornisce la possibilità di monitorare le sostanze nell’aria utilizzando un piccolo gascromatografo, e utilizza un sistema interno per verificare periodicamente se la calibrazione dello strumento è corretta.
Applicazioni nello Spazio: VCAM proteggerà, informandoli, i membri dell’equipaggio del lento accumulo (nell’aria respirata) di sostanze chimiche potenzialmente pericolose. VCAM comprende una vasta libreria delle varie sostanze utilizzate a bordo della Stazione (o del veicolo in cui verrà utilizzato) ma è pure in grado di fornire dati per permettere agli scienziati a Terra di comprendere la natura di quei elementi non previsti nel suo database.

Scott dopo aver conferito con il manager team che segue l’esperimento SPHERES, ha iniziato una ulteriore sessione sperimentale.

In SM, Oleg e Kaleri sono sempre impegnati con RSPI per il quale stanno stendendo ulteriori cablaggi. RSPI permetterà al segmento russo di inviare a Terra una massa di dati maggiore, un pò come avviene con il sistema USOS OCA (Orbiter Communication Adapter). L’antenna esterna di RSPI verrà montata con la prossima EVA-27 prevista a Gennaio 2011.

Traslazione MT: il programma di spostamento della Mobile Transporter a supporto di SPDM (Special Purpose Dexterous Manipulator) é stato postposto. La modifica é stata attuata, perchè con l’attuale situazione a bordo della ISS in caso di malfunzionamento non ci sarebbero le risorse sufficienti per una EVA di emergenza, tanto meno con l’avvicinarsi della data di lancio per TMA-20. L’operazione verrà eseguita quando a bordo ci sarà un equipaggio nominale di 6 persone.

ISS Daily Report Venerdì 03 Dicembre 2010

In SM, Kaleri e Okeg si stanno avvicinando alla parte finale dell’attività che li vede impegnati nell’installazione del materiale che costituisce RSPI. Nell’attività di oggi, i due si preparano a collegare il sistema di telemetria al nuovo dispositivo.

Oleg ha inoltre avuto modo di lavorare alla verifica del sistema di detenzione fumo e incendio, impiegando circa due ore per la verifica dei sensori in MRM2.

I tre membri dell’equipaggio hanno condotto un’esercitazione di 90 min, per allenarsi nell’affrontare un’eventuale emergenza di rapida depressurizzazione. Come sempre l’esercitazione è stata costantemente seguita e supportata dal controllo di volo, che hanno seguito gli astronauti nelle loro evoluzioni all’interno della Stazione nel raggiungere i comandi e i vari checkpoints di emergenza.

  • alle 3:00 am, l’equipaggio ha condotto il regolare tagup con Mosca e Houston.
  • alle 3:15 am, Oleg e Kaleri si sono collegati con gli specialisti del materiale inventariato a bordo.

ISS Daily Report Sabato 04 Dicembre 2010

Giornata di riposo.
Scott, Oleg e Kaleri hanno impegnato tre ore per le attività di home cleaning, includendo COL e KIBO

Scott si é quindi dedicato al suo FFQ (Food Frequency Questionnaire) per il quale ha utilizzato il MEC (Medical Equipment Computer). Come ogni astronauta anche Scott Kelly ha il suo personale log, in cui registrare i consumi della settimana dei prodotti alimentari (un vero e proprio resoconto della dieta alimentare). Il programma FFQ serve tra l’altro, agli specialisti che aiutano a mantenere il miglior stato di salute dell’equipaggio.

L’equipaggio ha lavorato agli esercizi fisici per 2 ore a testa, utilizzando a rotazione le varie attrezzature.

CEO (Crew Earth Observation): i target terrestri di oggi sono stati Beirut, Damasco, Banjul (Gambia, Africa occidentale) e Bissau & Conakry (Guinea).

Immagini della navicella Soyuz TMA-20 in preparazione
http://www.energia.ru/en/iss/iss26/photo_12-06.html

Paolo ci invia le foto della preparazione al lancio.
Al pranzo di oggi all’hotel Cosmos (si chiama proprio così :ok_hand:) si capisce perchè Dmitri è sempre serio: ha il piatto vuoto! :stuck_out_tongue_winking_eye:


Pranzo.jpg

Ma anche Paolo ha poco da ridere, guardate cosa gli tocca dopo pranzo :face_vomiting:


Paolo.jpg

Video aggiornamenti russi:
http://www.youtube.com/watch?v=YUPSVAaIQS8

Saggezza russa


IlSaggioDmitri.jpg

:stuck_out_tongue_winking_eye:

Questa dobbiamo mandarla a Paolo :stuck_out_tongue_winking_eye:

:smiley: Grande Riky! Sicuro che bisogna mandarla a Paolo! :smiley:

LOLLISSIMO! Sì, bisogna assolutamente mandargliela! :ok_hand: :ok_hand: :ok_hand: :ok_hand: :ok_hand: :ok_hand: :ok_hand:

ISS Daily Report Domenica 05 Dicembre 2010

Domenica di routine e di riposo.

La maggiore attività é stata rappresentata dalle 2 ore di attività fisica, che l’equipaggio ha svolto a rotazione utilizzando le varie attrezzature a disposizione.

Scott Kelly ha continuato con l’assunzione di Alendronate, per il quale deve restare a digiuno per almeno 10 ore prima di assumere la pillona (può solo bere acqua). Come si sa, la somministrazione di Alendronate vuole limitare i danni che la microgravità genera sul tessuto osseo dell’organismo umano.

Saggezza russa

Bravo Riky :ok_hand: :stuck_out_tongue_winking_eye: Devi mandarla assolutamente a Paolo, puoi utilizzare Twitter all’indirizzo: @Astro_Paolo

ISS Daily Report Lunedì 06 Dicembre 2010

Oleg ha risevato circa un’ora e mezza di scarico materiale arrivato con il cargo 40P, attraccato in DC1, aggiornando l’inventory management system.

Scott ha controllato in Nodo1, nell’area dl vestibolo del portellone in direzione nadir i restanti componenti del CBCS (Centerline Berthing Camera System) che avrebbero dovuto servire per la missione ULF5, ormai spostata a Febbraio 2011. Ha quindi recuperato il tutto e immagazzinato. Inoltre, sempre a causa del rinvio del volo Shuttle ha sistemato anche i meccanismi di sicurezza del boccaporto in Nodo1 che avrebbe ospitato l’attracco del modulo PMM (Permanent Multipurpose Module).

Scott é passato in KIBO per eseguire il service all’esperimento JAXA denominato Marangoni. Successivamente ha dedicato gran parte della sua giornata lavorativa alla IFM (Inflight Maintenance) del CIR o meglio al sistema di protezione PaRIS (Passive Rack Isolation System). Ci sono infatti stati dei problemi con i perni di fissaggio sulle slitte, ma alla fine é stato sistemato il tutto.

In MRM2, Oleg ha eseguito un check della funzionalità dei moduli di ventilazione, scattando fotografie anche ai pannelli di controllo del sistema.

ISS Daily Report Martedì 07 Dicembre 2010

In data di oggi, 38 anni fa, NASA lanciava Apollo 17 per il sesto e ultimo allunaggio dell’omonimo programma. Al comando c’era Gene Cernan, poi Ron Evans come pilota e Harrison Schmitt come pilota del LM (il primo scienziato a volare al posto Joe Engle - pilot tester di X-15). Si è trattato anche del primo lancio umano eseguito in notturna. Lo Splashdown del 19 Dicembre ha concluso l’epica del programma Apollo.

Scott Kelly si è dedicato alla manutenzione dei tre freezer MELFI, prima controllando la pressione dell’azoto poi rinconfigurando i cestelli interni per le nuove esigenze.
Scott ha quindi completato un ulteriore riposizionamento del TEPC, il primario sistema per la rilevazione di radioattività a bordo della ISS. TEPC é stato spostato da Columbus in KIBO.
Poi, ha iniziato la raccolta di campioni d’acqua dal WRS in Nodo3, utilizzando il TOCA che dopo circa due ore di analisi ha riversato i suoi dati in un laptop via USB. Scott nel tempo libero ha inoltre sostituito alcune lampade di illuminazione ambientale in US-Lab e in Nodo2.

Nel segmento russo, Kaleri ha lavorato in MRM1 manovrando con un multimetro alla ricerca di un circuito dotato di sensore, che fa parte della telemetria del sistema di docking del modulo FGB. Gli è stato richiesto di eseguire una misura ohmmetrica tra due pin. L’attività é stata supportata dal team di specialisti via S-band.
Successivamente, Kaleri e Oleg hanno avviato circa 3 ore di riordino del segmento russo, in cui lo scopo é quello di ricavare ulteriore spazio per il materiale da immagazzinare.

Recenti fotografie della preparazione della Soyuz: http://www.federalspace.ru/main.php?id=2&nid=11000&lang=en

L’equipaggio si rilassa:


Dopo essere stato “ignorato” da Paolo con l’altra vignetta che avevate così tanto gradito, provo a rendere più appetibili e divertenti le mie creazioni con la multi-lingua.

Prima di inviarla, aspetto la vostra approvazione, sia per i contenuti, sia per la grammatica… inglese… e soprattutto russa (ho usato google, quindi avrò certamente scritto delle boiate).