Expedition 60 Mission Log

più o meno riesco a vedere il mio paesino da delle foto scattate dalla iss, devo dire che è una cosa emozionante

1 Mi Piace
2 Mi Piace

14 Agosto 2019

L’equipaggio dell’Expedition 60 è impegnato ogni giorno nella conduzione di ricerche spaziali all’interno della Stazione Spaziale Internazionale. Mentre lavorano, gli scienziati e gli ingegneri sulla Terra posso controllare da remoto ed osservare gli esperimenti collocati all’esterno del laboratorio orbitante.

Oggi i ricercatori hanno concluso l’esecuzione di un esperimento esterno chiamato Robotic Refueling Mission-3 . I Robotics Controllers sulla Terra hanno guidato da remoto la mano robotica Dextre, attaccata al braccio robotico Canadarm2, e testato le tecniche per il rifornimento criogenico nello spazio. Il rifornimento e la riparazione dei satelliti e dei veicoli aiuta l’obiettivo NASA di andare gli esseri umani sulla Luna, Marte ed oltre.

Tornando all’interno della Stazione, gli astronauti hanno continuato a sostenere le attività sulla ricerca umana. A fine giornata, gli astronauti della NASA Nick Hague ed Andrew Morgan si sono uniti a Luca Parmitano, l’astronauta dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea), per gli esami agl’occhi. Inoltre Andrew Morgan ha svolto la manutenzione a diversi freezer scientifici che ospitano i campioni degli esperimenti per le analisi. Luca Parmitano ha proseguito lo studio sulla differenziazione delle cellule staminali per l’esperimento Micro-15.

Nick Hague ed Andrew Morgan si stanno anche preparando per una spacewalk che avrà luogo il 21 agosto. I due hanno trascorso un paio d’ore del mercoledì nella configurazione degli attrezzi e dei cavi che utilizzeranno la prossima settimana. La missione dei due spacewalkers è quella di installare sopra il modulo Harmony (Nodo2) una seconda porta di attracco per i commercial crew vehicle , l’ International Docking Adapter-3 . Venerdì i briefer s discuteranno dei dettagli della spacewalk su NASA TV a partire dalle ore 20:00 italiane.

Tutti e sei i membri dell’equipaggio, tra cui l’astronauta della NASA Christina Koch ed i cosmonauti Alexey Ovchinin ed Alexander Skvortsov, hanno preso parte durante il pomeriggio ad una simulazione di emergenza. L’equipaggio della Stazione ha provato le attività necessarie per arginare le emergenze come le perdite di pressione e di una sostanza chimica o un incendio.

Stanotte avverranno due reboost per impostare la corretta fasatura per il rendezvous in 34 orbite del veicolo senza equipaggio Sojuz MS-14 della prossima settimana e per l’atterraggio del 6 settembre. Lunedì è prevista la messa in verticale della Sojuz ed i suoi 2.1a booster. sulla piattaforma di lancio 31 del Cosmodromo di Bajkonur

A Louisville, in Colorado, la Sierra Nevada Corporation ha annunciato aver scelto la United Launch Alliance come launch provider per il veicolo spaziale Dream Chaser. Dovrebbe iniziare le missioni per il trasporto di merci da e per la Stazione Spaziale Internazionale verso la fine del 2021.

https://blogs.nasa.gov/spacestation/2019/08/14/robotics-supporting-exploration-briefers-talk-friday-about-spacewalk/

3 Mi Piace

Nuovo tweet di @RikyUnreal

1 Mi Piace

Nuovo tweet di Luca Parmitano!

1 Mi Piace

Reboost effettuati. Orbita alzata di 1 x 3 km consumando 172 kg di propellente.

ISS Daily Summary Report – 12/08/2019

Acoustic Diagnostics: L’equipaggio ha compilato un questionario ed ha utilizzato un Acoustic Monitor per misurare il rumore ambientale di sottofondo così da rilevare le emissioni otoacustiche che sono causate dal movimento delle cellule sensoriali dei capelli dell’orecchio interno che rispondono energicamente alla stimolazione uditiva. Questa ricerca mette alla prova l’udito dei membri dell’equipaggio della Stazione prima, durante e dopo il volo spaziale. Questo studio valuta i possibili effetti dannosi per l’udito umano per via del rumore e della condizione di microgravità sulla Stazione. Viene confrontato il rapporto tra il rilevamento di emissioni otoacustiche, suoni generati naturalmente dall’orecchio interno, e i livelli di perdita uditiva quando si è esposti ad ambienti rumorosi.

Biofabrication Facility (BFF): L’equipaggio ha svolto l’installazione/sostituzione delle cartucce e cambiato le siringhe a favore della seconda stampa con le cellule. i tessuti stampati rimarranno all’interno del Biofabrication Facility fino a quando non saranno spostati all’interno di un ADvanced Space Experiment Processor (ADSEP) controllato termicamente. Il Biofabrication Facility è specializzato per la fabbricazione di organi e tessuti umani nello spazio, destinati ad essere utilizzati principalmente dai pazienti sulla Terra. A parte lo stampaggio dei tessuti, il Biofabrication Facility può anche aiutare a mantenere in salute gli equipaggi per le esplorazioni spaziali profonde producendo cibo e farmaci personalizzati su richiesta.

CASIS PCG 19: L’equipaggio ha spostato 3 flaconcini all’interno del MELFI[1]. Ogni flaconcino è stato incubato a differenti temperature per due settimane. Questa ricerca intende capire la stabilità delle formulazioni di anticorpi monoclonali in microgravità. Quando queste formulazioni si degradano nel tempo superano la loro data di scadenza, devono essere scartate. Ciò aumenta i costi e limita le parti del mondo in cui le formulazioni possono essere offerte ai pazienti. La conservazione delle formulazioni in microgravità può rivelare processi che portano alla degradazione. I ricercatori sperano che una conoscenza del processo di degradazione possa portare ai metodi per rallentarla.

Micro-15: L’equipaggio ha iniettato un fluido all’interno dei sacchetti con le colture e li ha messi nel SABL[2] per incubazione. L’obiettivo di questa ricerca è quello di conoscere meglio gli effetti della microgravità sulla differenziazione delle cellule dei mammiferi utilizzando colture 3-D di cellule staminali pluripotenti indotte . Gli esperimenti svolti nei voli spaziali precedenti e le simulazioni svolte sulla Terra hanno dimostrato che la microgravità influenza l’espressione genica, la proliferazione cellulare e la differenziazione nelle cellule staminali tuttavia il meccanismo dietro a queste osservazioni è ancora poco chiaro. Questa ricerca approfondisce come l’esposizione alla microgravità altera fondamentalmente la regolazione cellulare e come questi cambiamenti possono influenzare il tempo, la progressione, e gli esiti della differenziazione cellulare.

Materials Science Laboratory (MSL): L’equipaggio ha sostituito il cassetto per la fornitura di gas del Materials Science Laboratory e ha svolto con suceeso un controllo perdite. Il Materials Science Laboratory è utilizzato per la ricerca sui materiali di base in una condizione di microgravità della Stazione. Può ospitare e supportare diversi moduli sperimentali. Molti tipi di materiali, come metalli, leghe, polimeri, semiconduttori, ceramiche, cristalli e vetri, possono essere studiati per scoprire nuove applicazioni per materiali esistenti e materiali nuovi o migliorati.

Space Acceleration Measurement System-II (SAMS-II): L’equipaggio ha pulito di schermi del SAMS RTS/Drawer1 e del RTS/Drawer2 . SAMS-II è uno studio in corso sulle piccole forze (vibrazioni ed accelerazioni) della Stazione derivate dalle operazioni delle apparecchiature, dalle attività dell’equipaggio, dagli attracchi e dalle manovre. I risultati generalizzano le tipologie di vibrazioni che influenzano gli esperimenti sensibili alle vibrazioni e la vita strutturale della Stazione. I ricercatori e gli analisti strutturali provano a conoscere in modo migliore le vibrazioni sulla Stazione utilizzando i dati raccolti del SAMS-II e valutando sia i carichi della Stazione sia le dinamiche.

Standard Measures: L’equipaggio ha concluso un Body Survey utilizzando il Data Collection Tool su un Station Support Computer ed ha raccolto dei campioni biologici per poi riporli nel MELFI. Lo scopo della ricerca è quello di assicurare una costante acquisizione di un ottimizzato, un minimo numero di misurazioni da parte dell’equipaggio fino alla fine del International Space Station Program per caratterizzare le risposte adattive e rischi di vivere nello spazio. Tra le altre cose, le squadre a terra svolgono delle analisi del pannello metabolico e chimico, funzione dell’immunità, della flora batterica, etc. Queste misure arricchiscono un archivio dati per consentendo un monitoraggio ad alto livello dell’efficacia della contromisura e un’interpretazione significativa dei risultati della salute e delle prestazioni, sostengono la ricerca futura sulle missioni planetarie.

Microgravity Experiment Research Locker Incubater (MERLIN) 2: Sabato, l’unità MERLIN-2 è stata spenta perché è scattato un interruttore nel Utility Interface Panel . Il contenuto del MERLIN-2 è stato spostato dopo che è scattato l’interruttore. Le squadre di ingegneri si riuniranno per discutere di un piano per la risoluzione del guasto.

International Docking Adapter (IDA)3 Extravehicular Activity (EVA) Preparations: In previsione dell’Attività Extra-Veicolare per l’assemblaggio del International Docking Adapter-3 al momento in programma non prima del 21 agosto, l’equipaggio ha eseguito quanto segue:

  • Configurazione ed installazione della telecamera D5;
  • Configurazione degli attrezzi per EVA

Waste Hygiene Compartment (WHC) Piping Remove & Replace (R&R): Oggi l’equipaggio ha provato a sostituire la tubazione del Waste Hygiene Compartment tra la Dose Pump ed il Pump Separator . Durante la sostituzione, l’equipaggio ha avuto un problema nel collegare la connessione tra la tubazione del WHC e l’ Urine Receptacle nella zona del Insert Filter . L’equipaggio ha provato entrambe le tubazioni del WHC di ricambio a bordo, un vecchio tubo del Urine Receptacle nonché diversi Insert Filters con lo stesso risultato. L’equipaggio indica il problema al connettore della nuova tubazione del WHC che risulta essere troppo piccola per la connessione al Urine Receptacle . Sulla base della risoluzione del problema e delle descrizioni fornite, le squadre di supporto a terra hanno ordinato all’equipaggio di reinstallare la vecchia tubazione del WHC e triple bag le due tubazioni di ricambio. La vecchia tubazione che era stata reinstallata è scaduta oggi. Le squadre di supporto a terra sono d’accordo con il piano di reinstallare ed utilizzare le tubazioni scadute del WHC fin quando non verrà determinato un piano per l’installazione delle nuove unità.

https://blogs.nasa.gov/stationreport/2019/08/12/iss-daily-summary-report-8122019/
#iss-daily-status-report


  1. Acronimo di Minus Eighty-Degree Laboratory Freezer for ISS ↩︎

  2. Acronimo di Space Automated Bioproduct Laboratory ↩︎

4 Mi Piace

La ISS si trova ora alla quota più alta da un’anno (almeno) a questa parte.

https://heavens-above.com/IssHeight.aspx?lat=0&lng=0&loc=Unspecified&alt=0&tz=UCT

1 Mi Piace

Aggiornamento da Luca Parmitano via Twitter!

15 Agosto 2019

Oggi la Stazione Spaziale Internazionale sta orbitando ad un’altitudine maggiore mentre l’equipaggio dell’Expedition 60 prosegue la preparazione per l’imminente spacewalk. I residenti in orbita si sono anche concentrati sugli esperimenti di biologia spaziale sull’impacchettamento dei materiali che ritorneranno sulla Terra.

Il veicolo Progress MS-12 attraccato alla Stazione, ha acceso i suoi propulsori durante la notte per due accensioni di 10 minuti a distanza di tre ore l’una dall’altra per alzare l’altitudine della Stazione. La manovra mette il complesso orbitante alla corretta fasatura per il rendezvous e l’attracco della Sojuz MS-14, un veicolo per equipaggio russo senza pilota, alla fine della prossima settimana.

La Sojuz MS-14 partirà il 22 agosto dal Cosmodromo di Bajkonur per un test dei 2.1a booster del veicolo durante la sua ascesa verso l’orbita terrestre. Arriverà alla Stazione due giorni più tardi, il 24 agosto, per un attracco automatico al modulo Poisk. Il veicolo si sgancerà il 6 settembre per il ritorno sulla Terra.

Gli astronauti della NASA Nick Hague e Andrew Morgan hanno proseguito la manutenzione alle loro tute spaziali ed il ripasso delle procedure per la quinta spacewalk dell’anno. I due hanno indirizzato dei cavi e configurato per attrezzature per l’installazione del International Docking Adapter in cima al modulo della Stazione chiamato Harmony o Nodo 2. Il 21 agosto usciranno dalla Stazione per un lavoro di 6 ore e mezza che [negli Stati Uniti per via del fuso orario – N.d.T] si svolge nello stesso giorno del lancio della Sojuz MS-14.

La ricerca sui roditori e la differenziazione delle cellule staminali sono state le principali attività di ricerca spaziale effettuate giovedì. L’Ingegnere di Volo Christina Koch ha nutrito i topi ed ha pulito le loro gabbie mentre gli scienziati osservano le creature che sono geneticamente simili agli esseri umani. Luca Parmitano dell’Agenzia Spaziale Europea ha indossato il Bio-Monitor per registrare i suoi segni vitali mentre studia in che modo la microgravità influenza una moltitudine di funzioni cellulari.

I cosmonauti Alexey Ovchinin ed Alexander Skvortsov saranno pronti per l’arrivo della Sojuz MS-14 nel corso della prossima settimana. Stanno facendo l’inventario delle attrezzature che ritorneranno sulla Terra all’interno di un veicolo mentre continuano a scaricare le merci dalla Progress MS-12.

https://blogs.nasa.gov/spacestation/2019/08/15/station-orbits-higher-as-crew-preps-for-spacewalk-and-new-spaceship/

6 Mi Piace

ISS Daily Summary Report – 13/08/2019

Advanced Combustion via Microgravity Experiments (ACME): L’equipaggio ha configurato l’ ACME Chamber per s-Flame reinstallando in parte l’inserto della camera di combustione per sostituire la punta dell’accenditore, poi ha installato nuovamente l’inserto della camera di combustione, sostituito il regolatore del carburante e chiuso il Front End Cap e gli sportelli del Rack . Nella serie di esperimenti ACME fanno parte 5 studi indipendenti sulle fiamme gassose. L’obiettivo primario del Advanced Combustion via Microgravity Experiments è di migliorare l’efficienza dei carburanti e di ridurre la produzione di inquinanti nelle attività quotidiane di combustione dei combustibili sulla Terra. Il suo fine secondario è quello di migliorare la prevenzione degli incendi nei veicoli spaziali attraverso un’innovativa ricerca che si concentra sull’infiammabilità dei materiali.

Bio-Monitor: Un membro dell’equipaggio (Luca Parmitano) ha indossato il Bio-Monitor Garment ed una fascia per la testa e connesso l’unità dati all’applicazione Bio-Monitor per una sessione di 72 ore. Sebbene la ISS sia dotata di strumenti di ricerca nel campo della salute e delle scienze della vita, manca la strumentazione esistente per la registrazione continua e simultanea di diversi parametri fisiologici. Per far fronte a questo problema, saranno effettuati dei test con il Bio-Monitor, indumento indossabile in grado di monitorare per 48 ore i parametri fisiologici d’interesse in modo non invasivo e senza creare intralcio. I parametri fisiologici che possono essere monitorati sono: la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria, ECG (elettrocardiogramma), temperatura della pelle, saturazione periferica dell’ossigeno nel sangue, ecc.

Micro-15: L’equipaggio ha terminato le operazioni per la sostituzione del fluido. L’obiettivo di questa ricerca è quello di conoscere meglio gli effetti della microgravità sulla differenziazione delle cellule dei mammiferi utilizzando colture 3-D di cellule staminali pluripotenti indotte . Gli esperimenti svolti nei voli spaziali precedenti e le simulazioni svolte sulla Terra hanno dimostrato che la microgravità influenza l’espressione genica, la proliferazione cellulare e la differenziazione nelle cellule staminali tuttavia il meccanismo dietro a queste osservazioni è ancora poco chiaro. Questa ricerca approfondisce come l’esposizione alla microgravità altera fondamentalmente la regolazione cellulare e come questi cambiamenti possono influenzare il tempo, la progressione, e gli esiti della differenziazione cellulare.

NanoRacks Module-9: L’equipaggio ha svolto la Operation Session #3 per la disattivazione e/o agitazione degli appositi Mixture Tubes . NanoRacks-National Center for Earth and Space Science Education-Gemini (SSEP Mission 13) (NanoRacks-NCESSE-Gemini) include 41 esperimenti in microgravità ideati dagli studenti che frequentano la quinta elementare fino all’ultimo anno di scuole superiori ed i college. Gli esperimenti variano dalla filtrazione e purificazione dell’acqua alla produzione di suolo sintetico, formazione di ruggine, efficacia antibiotica, crescita e sviluppo di microrganismi acquatici, e la crescita di piante, funghi e batteri. Ognuno degli esperimenti è stato selezionato da più di 3000 adesioni inviate da oltre 23000 studenti degli Stati Uniti, del Canada e del Brasile. Gli esperimenti usano i NanoRacks MixStix , dei laboratori in miniatura attivati dall’equipaggio della Stazione che alla fine ritornano alle squadre degli studenti sulla Terra per le analisi.

Mobile Servicing (MSS) Operations: Ieri, i Robotics Ground Controllers hanno acceso il braccio robotico Canadarm2 e lo hanno preparato alle operazioni del Robotic Refueling Mission 3 (RRM3) Tech Demo che inizierà stanotte e si concluderà nella giornata di giovedì. I risultati di questa serie di test saranno utilizzati per dimostrare le capacità delle tecniche per il rifornimento dei satelliti per un futuro utilizzo.

Emergency On-Board Training (OBT): Tutti e sei i membri dell’equipaggio hanno ripassato il materiale di addestramento in previsione della sessione d’esercitazione a bordo degli scenari di emergenza di domani: depressurizzazione, atmosfera tossica ed incendio.

International Docking Adapter (IDA)3 Extravehicular Activity (EVA) Preparations: L’equipaggio ha svolto le successive attività per la preparazione dell’Attività Extra-Veicolare per l’assemblaggio del International Docking Adapter-3 che avrà luogo il 21 agosto:

  • Verificato il funzionamento del riscaldamento dei guanti della tuta EMU e se EMU TV sta ricevendo l’alimentazione dal Rechargeable EVA Battery Assembly (REBA);
  • Configurato il software Dynamic Onboard Ubiquitous Graphics (DOUG) per ricevere e visualizzare in tempo reale l’angolo del giunto del Canadarm2 dal portatile PCS ;
  • Ripassato le procedure per 4-hour in-suit and EVA campout pre-breathe protocols ;
  • Rivisto le procedure dell’EVA.

https://blogs.nasa.gov/stationreport/2019/08/13/iss-daily-summary-report-8132019/
#iss-daily-status-report

4 Mi Piace

ISS Daily Summary Report – 14/08/2019

Bio-Monitor: L’equipaggio ha sostituito l’unità dati sul Bio-Monitor Garment. Sebbene la ISS sia dotata di strumenti di ricerca nel campo della salute e delle scienze della vita, manca la strumentazione esistente per la registrazione continua e simultanea di diversi parametri fisiologici. Per far fronte a questo problema, saranno effettuati dei test con il Bio-Monitor, indumento indossabile in grado di monitorare per 48 ore i parametri fisiologici d’interesse in modo non invasivo e senza creare intralcio. I parametri fisiologici che possono essere monitorati sono: la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria, ECG (elettrocardiogramma), temperatura della pelle, saturazione periferica dell’ossigeno nel sangue, ecc.

Bioculture System Facility: L’equipaggio ha rimosso e imballato il Bioculture Facility in previsione del suo ritorno sulla Terra all’interno del veicolo cargo Dragon CRS-18. Il Bioculture System è un incubatore per le ricerche biologiche da utilizzare sulla Stazione con la capacità di trasportare ricerche “attive” e conservate alla Stazione. Questo incubatore supporta una grande diversità di colture tissutali, cellulari e microbiologiche e metodi esperimentali per soddisfare qualsiasi finalità ed obiettivi della ricerca dei voli spaziali. La struttura consente indagini cellulari e microbiologiche a durata variabile e di lunga durata sulla Stazione per soddisfare le esigenze scientifiche di interessi accademici e biotecnologici.

Micro-15: L’equipaggio ha portato a termine la Session C delle operazioni del Media Change . L’obiettivo di questa ricerca è quello di conoscere meglio gli effetti della microgravità sulla differenziazione delle cellule dei mammiferi utilizzando colture 3-D di cellule staminali pluripotenti indotte . Gli esperimenti svolti nei voli spaziali precedenti e le simulazioni svolte sulla Terra hanno dimostrato che la microgravità influenza l’espressione genica, la proliferazione cellulare e la differenziazione nelle cellule staminali tuttavia il meccanismo dietro a queste osservazioni è ancora poco chiaro. Questa ricerca approfondisce come l’esposizione alla microgravità altera fondamentalmente la regolazione cellulare e come questi cambiamenti possono influenzare il tempo, la progressione, e gli esiti della differenziazione cellulare

Emergency Simulation On-Board Training (OBT): Oggi con l’uso di un simulatore, i 6 membri dell’equipaggio hanno preso parte ad un allenamento per le situazioni di emergenza che hanno compreso l’ipotesi della depressurizzazione del Nodo 1 e l’incendio in un Rack del modulo Columbus. L’esercitazione consiste in quanto segue:

  • Provato la risposta all’emergenza sulla Stazione con l’equipaggio ed i ruoli basati alle informazioni fornite dagli schermi del simulatore;
  • L’equipaggio si è spostato fisicamente sulla Stazione verso le specifiche postazioni di risposta per visualizzare l’uso dell’equipaggiamento della Stazione e le interfacce;
  • Provato le procedure di esecuzione e prendere le relative decisioni in base ai suggerimenti forniti dal simulatore;
  • Provato la comunicazione e la coordinazione con il Centro di Controllo Missione a Houston e con quello di Mosca come previsto da una situazione d’emergenza assegnata.

Dopo l’esercitazione, l’equipaggio ha discusso internamente sui risultati prima di una conferenza con le squadre di supporto a Terra per valutare l’accaduto.

International Docking Adapter (IDA)3 Extravehicular Activity (EVA) Preparations: In previsione dell’Attività Extra-Veicolare programmata per il 21 agosto, l’equipaggio ha continuato la configurazione degli attrezzi che saranno impiegati durante l’EVA. L’equipaggio ha anche ripassato delle procedure tra cui una timeline dettagliata, la checklist sul polso, un briefing sui bordi taglienti e precauzioni ed avvertimenti.

Advanced Resistive Exercise Device (ARED) 6-Month Maintenance: L’equipaggio ha completato questa manutenzione di routine per ispezionare gli hell raise pip pins , il meccanismo a cremagliera ed il binario di scorrimento della base del braccio.

Mobile Servicing System (MSS) Operations: Ieri, i Robotics Ground Controllers hanno acceso il braccio robotico Canadarm2 per le operazioni del Robotic Refueling Mission 3 (RRM3). Il manipolatore agile per scopi speciali (Dextre) ha preso il Multi-Function Tool 2 (MFT2) dal RRM3 Tool Pedestal . Dopo i Ground Controllers hanno copletato i controlli ai meccanismi del MFT2 Camera ed al tool drive freespace . Poi Dextre ha aperto il port dust door del Cryogen Coupler Adapter (CCA) ed ha sbloccato il CCA launch lock . Il manipolatore ha poi utilizzato il Multi-Function Tool 2 per prendere il Cryogen Coupler Adapter e lo ha tirato fuori. Il CCA è stato spostato verso il CCA-Port e connesso. Il manicotto del CCA non è andato indietro come nella configurazione prevista. MFT2 in seguito ha rilasciato il CCA e si è spostato. Il Canadarm2 e Dextre sono stati riconfigurati ed hanno riposto MFT2. I risultati di questa serie di test saranno utilizzati per dimostrare le capacità delle tecniche per il rifornimento dei satelliti per un futuro utilizzo

Urine Processor Assembly (UPA) Status: Oggi, le squadre di supporto sulla Terra hanno ricevuto la telemetria con l’indicazione di una perdita di comunicazione con lo Urine Processor Assembly . Poi il Waste and Hygiene Compartment è stato configurato per raccogliere l’urina attraverso il serbatoio interno. Dopo essersi assicurati che il communications bus stava funzionando correttamente, le squadre di supporto hanno riattivato con successo lo Urine Processor Assembly . Di conseguenza il Waste and Hygiene Compartment è stato configurato di nuovo per lo Urine Processor Assembly .

https://blogs.nasa.gov/stationreport/2019/08/14/iss-daily-summary-report-8142019/
#iss-daily-status-report

3 Mi Piace

Nuovo tweet di Luca Parmitano!

4 Mi Piace

Nuovo tweet di @RikyUnreal

4 Mi Piace

16 Agosto 2019

I tre astronauti della NASA rimangono concentrati sulla preparazione della spacewalk della prossima settimana presso la Stazione Spaziale Internazionale. Gli altri membri dell’Expedition 60 si sono focalizzati sulla ricerca biologica e su un paio di veicoli attraccati.

L’Ingegnere di Volo Christina Koch ha sostenuto gli spacewalker Andrew Morgan e Nick Hague mentre si preparano per la quinta spacewalk dell’anno che effettueranno il 21 agosto. I due installeranno il nuovo International Docking Adapter-3 al portello del modulo Harmony rivolto verso lo spazio durante il lavoro di 6 ore e mezza.

Christina Koch ha stampato le checklist che i spacewalker indosseranno ai polsi delle loro tute spaziali e controllato che esse sono della giusta misura. Lei, inoltre, si è unita ad Andrew Morgan e Nick Hague per un ripasso delle procedure della spacewalk della prossima settimana. Gli spacewalker hanno anche predisposto il Quest Airlock dove raccoglieranno i loro attrezzi e si vestiranno prima della loro escursione.

Lunedì i Robotic Controller comanderanno da remoto il Canadarm2 al fine di staccare l’ International Docking Adapter-3 dalla parte posteriore del veicolo cargo di SpaceX, Dragon. Loro manovreranno la nuova porta di attracco verso il Pressurized Mating Adapter (PMA) in cima al modulo Harmony preparandolo all’Attività Extra-Veicolare di mercoledì. Andrew Morgan e Nick Hague, all’interno delle loro tute spaziali statunitensi, dopodiché instraderanno dei cavi e configureranno le attrezzature preparando l’ International Docking Adapter-3 per l’arrivo dei nuovi veicoli con equipaggio di SpaceX e Boeing.

Luca Parmitano, un astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) alla sua seconda missione sulla Stazione, oggi ha lavorato ad un esperimento di biologia con possibili benefici per l’industria farmaceutica. Ha curato le cellule staminali che stanno crescendo in un particolare incubatore così da aiutare i ricercatori a capire il comportamento delle cellule nello spazio.

Nella giornata odierna i cosmonauti Alexey Ovchinin ed Alexander Skvortsov hanno controllato i due veicoli Sojuz per equipaggio attraccati alla Stazione. i due cosmonauti hanno testato e ricaricato i dispositivi per le comunicazioni nei veicoli e continuato l’imballaggio delle attrezzature che ritorneranno sulla Terra.

https://blogs.nasa.gov/spacestation/2019/08/16/station-preps-for-new-docking-port-during-science-and-soyuz-checks/

6 Mi Piace

Aggiornamento da Luca Parmitano via Twitter!

Preview della EVA.

6 Mi Piace

Nuovo tweet di @RikyUnreal

3 Mi Piace

Sfuggito alle maglie di astronautibot?

4 Mi Piace