Janus - Due sonde gemelle per gli asteroidi binari

Nome della missione

La sonda prende il nome dal dio romano a due facce, Giano.

Obiettivi scientifici

  1. Identificare e capire i processi che portano alla formazione di asteroidi binari;
  2. Testare e valutare delle teorie per l’evoluzione di sistemi binari attraverso lo studio della dinamica del sistema, come farà anche Lucy, ma con i satelliti troiani e greci.

In particolare, si cercherà di misurare il coefficiente BYORP di 1996 FG3 e cercare di capire l’effetto mareale sul sistema.

Possibili ricadute tecnologiche

Oltre agli obiettivi scientifici, ci sarà anche una ricaduta sulla difesa della Terra da possibili asteroidi, oltre che migliorare le lacune nell’esplorazione umana di Luna e Marte.

Requisiti scientifici

  • Flyby a bassa velocità di due sitemi binari in condizioni di illuminazione favorevole;
  • Raccolta di foto ad alta risoluzione a diversi angoli di fase.

Fisionomia della missione

Evento Data
Lancio: rideshare con Psyche Luglio 2022
Fionda gravitazionale con la Terra Agosto 2025
Flyby di 1991 VH 2026-03-02T23:00:00Z
Flyby di 1996 FG3 2026-04-19T23:00:00Z
Termine della missione 2026-05-30T23:00:00Z
Valutazione dei risultati scientifici 2026-12-30T23:00:00Z

Caratteristiche della sonda

In verità Janus non è una sola sonda, bensì due gemelle, ciascuna delle dimensioni di un bagaglio a mano, costruite dalla Lockheed Martin.

Asteroidi incontrati

Janus incontrerà due sistemi binari di asteroidi, 1996 FG3 e 1991 VH, per alcuni aspetti diversi tra loro. 1991 VH, per esempio, ha un satellite naturale. Entrambi verrano studiati assieme alle dinamiche all’interno del sistema da alcune fotocamere presenti sulle sonde, che forniranno dati mai avuti prima, in quanto è stato possibile osservare i sistemi binari solo da terra.

In particolare, 1991 VH è in una fase di evoluzione orbitale molto caotica ed è un tipo S, mentre 1996 FG3 è in uno stato terminale di stabilità ed è di tipo C.

Strumenti a bordo

Janus avrà 3 strumenti a bordo, derivati tutti da OSIRIS-REx o da una missione non meglio specificata.

  • Visore nel visibile: un sensore CMOS da 2592x1944 pixel da 2.2 micrometri, 420-680 nanometri di banda osservabile e un otturatore elettronico;
  • Visore nell’infrarosso: sensore ad onde infrarosse lunghe (8-12 micrometri) da 640x480 pixel da 17 micrometri;
  • DVR: sistema di immagazzinamento dati e proccessing delle immagini.

Status della missione

Attualmente, il 2020-09-10T22:00:00Z, la sonda è nella fase C.

Il 2020-09-02T22:00:00Z la sonda Janus ha passato il Key Decision Point C, diventando il primo esperimento di tre SIMPLEx-2 a farcela: i prossimi saranno il Lunar Trailblazer, a novembre e EscaPADE ad aprile 2021. SIMPLEx è l’acronimo di_ Small Innovative Missions for Planetary Exploration_. Il passaggio di questa milestone significa che il team di Janus può iniziare il design finale dell’hardware, in quanto ha ricevuto l’approvazione da parte dell’agenzia. Verrà stabilito anche il budget della missione, che costerà meno di 55 milioni di dollari. L’importanza di Janus, dice Zurbuchen, è quella di portare tante innovazioni tecnologiche in così poco volume, riducendo contemporaneamente di tanto i costi. Tutte le missioni SIMPLEx peseranno circa 180 chilogrammi e saranno lanciate su missioni rideshare NASA o di vettori commerciali e compiranno missioni in completa autonomia. Non saranno quindi dimostratori tecnologici, come Ingenuity.

Fonte: Janus - Overview
Fonte: Janus passes KDP-C

14 Mi Piace

Nuovo articolo di Gilberto Grassi pubblicato su AstronautiNEWS.it

4 Mi Piace