Libri per basi di fisica e chimica?

Ciao a tutti è la prima volta che scrivo su questo forum, mi presento : sto finendo il quinto superiore e frequento un professionale.

Ora come sono finito a scrivere su questo forum astronautico? Mi sono reso conto solo quest’anno che l’astronautica è la cosa che più mi interessa e ho intenzione di iscrivermi ad ingegneria aerospaziale.

Ma ho un problema: mi mancano le basi di fisica e chimica (di matematica devo “soltanto” vedere la trigonometria, ma sembra fattibile). Nei primi due anni di scuole superiori ho studiato sia fisica, che chimica, inutile dire che ricordavo poco o nulla, quindi ho ripreso quei libri e per quanto semplici e basilari mi hanno aiutato a ricominciare da zero. Ora la mia domanda è : qualcuno può consigliarmi dei libri da cui studiare queste materie? Mi conviene studiarle da libri liceali o magari studiare già dai libri universitari?

In realtà ho paura che sia troppo tardi; in quanto tempo è possibile recuperare 5 anni di liceo scientifico? Dovrei provare ad entrare ad ingegneria quest’anno o l’anno prossimo?

Ovviamente sono estremamente motivato!

Ringrazio in anticipo tutti coloro che risponderanno :smiley:

4 Mi Piace

Prima di consigliarti dei libri è utile sapere quale hai utilizzato. Da ex studente del liceo scientifico, in attesa di iniziale l’università, usa i libri del liceo perché sono più adatti e “semplici”. Per esperienza personale ho preso l’UNITUTOR di Ingegneria della Zanichelli ed ho integrato i concetti con quelli dei miei libri di testo (fisica e matematica). Per chimica ho avuto il tuo stesso problema un libro di testo basico e dei professori che avevano altri interessi. L’importante è avere delle conoscenze di base perché poi all’inizio delle lezioni universitarie si rivede tutto dato che non si conosce il livello di studio di ogni studente e soprattutto per fornire una base uguale a tutti. Ti consiglio di seguire, se presente nella tua futura università, i corsi di preparazione ai test d’ingresso. Spero di esserti stato utile :wink:

Ah stavo dimenticando a risponderti ad una domanda: quando entrare in ingegneria. Solo tu sai quando ti senti sicuro, pronto ed è il momento giusto per te. E’ una scelta personale! Certo i test d’ingresso ti aiuteranno a capire e ricorda di non arrenderti mai; le sfide esistono per essere superate!

2 Mi Piace

Una settimana o dieci giorni.
Ho insegnato in passato analisi 1 agli ingegneri del primo anno anno e ti assicuro che se c’era qualche differenza tra gli studenti dello scientifico e non, dopo una o due lezioni era già scomparsa.
La matematica all’università è una cosa un po’ diversa, ti assicuro che si inizia da prima di “cosa sono i numeri naturali” :slight_smile:

2 Mi Piace

Molte università offrono anche un paio di vie intermedie, l’iscrizione come part-time e quella a singoli insegnamenti. Con la prima di solito paghi circa metà delle tasse e hai accesso a una metà del curriculum del primo anno, con la seconda scegli a tua discrezione uno o più esami che vuoi preparare e paghi e frequenti soltanto quelli.

Rispetto a quest’ultima possibilità, considera che gli esami di base tipo Analisi I e Fisica I sono praticamente identici per qualsiasi corso di laurea quindi potresti seguire quegli insegnamenti dove sei più comodo e poi farteli riconoscere quando ti immatricoli a Ingegneria Aerospaziale. Unica avvertenza, scegli esami che abbiano un numero di crediti pari o superiore a quello dei corsi a curriculum nella facoltà che vuoi fare altrimenti dovrai integrarli e perderai tempo.

Per i libri secondo me uno vale l’altro. Tieni conto che anche online esistono un bel po’ di risorse fra siti tipo kahnacademy.org e corsi con videolezioni (cerca su youtube “precorsi matematica”). Magari invece di ristudiarti tutto prova un paio di simulazioni del test di ingresso e vedi quali sono i tuoi punti deboli.

L’ultimo consiglio è di assicurarti di avere un livello di inglese sufficiente. Non serve Joyce ma riuscire a leggere un testo tecnico secondo me è indispensabile.

2 Mi Piace

Ora non so se questo accade in ogni università (credo di si), ma al Polito chimica e fisica vengono fatte partendo da zero e non sono richiesti prerequisiti se non un po’ di analisi matematica in fisica.

Per dire, lo cose che venivano chieste ai test di ingresso venivano comunque spiegate (anche se ovviamente con dei formalismi diversi da quelli che possono essere quelli delle superiori).

1 Mi Piace

Innanzitutto ringrazio tutti per le risposte, sono state tutte molto chiare ed esaustive, mi state dando un grande aiuto
Allora per fisica ho utilizzato " step by step" di Romoli e Albertini, per chimica " la chimica facile" di Barbone e Altavilla. Come trovi l’UNITUTOR?
È un’ottima idea questa di seguire i corsi di preparazione al test d’ingresso
Ti ringrazio, buona fortuna per tutto

1 Mi Piace

Grazie per la risposta
Mi sorge un dubbio: quando si parla di scuole che consentono l’accesso alle varie facoltà, si intende soprattutto per i test d’ingresso?

Innanzitutto grazie per la risposta
Non conoscevo queste due vie, molto interessanti, mi informo subito
Ottime anche queste risorse online
Grazie per i consigli molto utili

E’ estremamente sintetico utile per un ripasso delle nozioni fondamentali però da solo non basta. Ti mancherebbero troppi passaggi intermedi che un libro di testo fornisce. Se non lo sapessi contiene una parte di logica per i test d’ingresso. Ogni capitolo (logica, matematica, fisica e chimica) ha una parte dedicata agli esercizi tipo test d’ingresso oltre a diverse simulazioni. L’unico vero contro è il prezzo: di listino adesso costa 50 euro però ti consiglio di comprarlo o usato da un ex-studente oppure su Libraccio. Allo scientifico per fisica ho utilizzato “L’Amaldi per licei scientifici” (Zanichelli) mentre per matematica “La matematica a colori” (Petrini). Ottimi libri! Se hai intenzioni serie di continuare nel campo ingegneristico avere accanto a te dei buoni libri farà la differenza. Sta a te vedere se ti conviene acquistarli (usati) o meno. Se decidessi di farlo considera il triennio.

A proposito di video su Youtube ho trovato ben fatti semplici e chiari quelli realizzati dal PoliMi; cercali come “PoliMi Openknowledge”

1 Mi Piace

Chi ne parla? Sinceramente non mi sono mai imbattuto in un discorso del genere, ora sono fuori dall’università, ma non mi pare ci siano mai stati vincoli di scuola superiore per entrare in una determinata università, ne che ce ne siano attualmente. E spero che rimanga così, le scelte che si fanno a 13 anni non possono condizionare quello che farai a 20.

2 Mi Piace

Ok ti ringrazio per i consigli molto utili, prenderò sia l’UNITUTOR che l’Amaldi, non credo di prendere il libro di matematica perché trovo sia un buon libro anche il mio (Elementi di matematica, Zanichelli)
Ultima cosa, come pensi di fare con chimica? Prenderai qualche libro così da studiare quest’estate, oppure ti prepari solo per i test di ammissione?

1 Mi Piace

La ringrazio per le risposte, è una bella riflessione è bello che sia così

Non so in quale università hai intenzione di iscriverti, che tipologia di test d’ingresso è previsto ed i requisiti. Qualche volta le facoltà sono a numero aperto ed il test serve solo per non avere i cosiddetti Obblighi Formativi Aggiuntivi se superato in un certo modo. Ad esempio al PoliTo hanno un loro test di ammissione, specifico, e non era prevista chimica mentre nel TOLC-I si. Li ho fatti entrambi per questo ne sono sicuro e non era difficile.

Dal tuo messaggio non ho capito se hai mai studiato chimica oppure se sai qualcosa. A me piaceva particolarmente e quindi per quel che studiavo riuscivo ad esserne padrone. Un libro specifico non saprei dirti mi sono fatto bastare quello che avevo. Purtroppo, almeno nel mio caso, chimica era in un libro con biologia.

Non mi ricordo se te l’ho detto… per i libri di fisica considera l’acquisto di quelli del triennio. Per altri dubbi resto a disposizione :wink:

1 Mi Piace

Di Fisica 1 e 2 il Mazzoldi Nigro Voci è abbastanza classico, e al PoliTo lo usano praticamente tutti i docenti.

1 Mi Piace

Però se a me dai del lei e agli altri del tu mi offendo :wink:

2 Mi Piace

@Vespiacic non offenderti e prendilo con più leggerezza; il LEI è una corretta forma di rispetto verso i più “grandi” invece tra coetanei il TU è più spontaneo :blush:

ma “tu” quanti anni hai? secondo me sei nel mio stesso range 30-40 :slight_smile:

1 Mi Piace

Mi sono informato, dovrò affrontare il TOLC-I. In realtà ho studiato chimica i primi due anni delle superiori e ora lo sto ristudiando proprio da quel testo.
Ti ringrazio per i consigli preziosi e per la disponibilità

Hahaha non è stato fatto di proposito, anzi è stato molto spontaneo hahaha

Bene! Controlla nel bando di ammissione dell’ateneo la soglia di accesso o superamento degli OFA. In genere è richiesto superare un determinato punteggio generale del test e poi una “soglia” in una specifica categoria/e.

Sul sito del CISIA, l’ente che svolve il TOLC, vedi le conoscenze richieste (per comodità te l’ho linkato io :wink: ) e prova a studiare la chimica per avere un minimo di conoscenza anche se non hai dei “vincoli”. Vedi come ti trovi con l’UNITUTOR ed in caso integra con quello che trovi in rete. Ad esempio mi sono trovato bene con chimica-online.it però ricorda di non studiare solo dalle fonti che trovi in rete. Questa è solo una soluzione temporanea per non arrivarci al buio. Se studi bene la stechiometria avrai già capito tutta o quasi la chimica.